Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori

Si aprono le fosse! È l’ora del formaggio che riemerge dal tufo!

di Luigi Bellucci

A Santa Caterina un rito che celebra la sapienza della tradizione!
Un nobile prodotto che, come il tartufo, matura nel sottosuolo.
Il primo degli eventi che annuncia l’avvento del tartufo bianco nelle Marche, ossia la Mostra mercato del Tartufo-Festival dell’Alogastronomia di Apecchio, ha rappresentato l’occasione per celebrare un altro ineguagliabile tesoro che, come il prezioso fungo ipogeo, matura nel sottosuolo: il formaggio di fossa!
La manifestazione di Apecchio ha idealmente lanciato la volata ad un vero e proprio “rito” che sta per ripetersi tra qualche settimana: l’apertura delle fosse!
Il “formaggio di fossa” deve il suo nome all’antica usanza di stagionare le for-me di cacio in cavità di tufo ed è tipico del territorio ricompreso tra le vallate del Rubicone e del Marecchia, fra Romagna e Marche.
E pensare che a cavallo tra il 1200 ed il 1300, l’infossamento nasceva dall’esigenza di nascondere il cibo dalle scorribande e dai saccheggi, molto frequenti nel periodo medioevale.
Ad Apecchio il formaggio di fossa, spesso definito “da meditazione” al pari dei vini importanti, si è presentato in tutta la sua tempra di prodotto a Denominazione d’Origine, con la possibilità per i “food trotters” di degustarlo in inediti abbinamenti con il tartufo bianco ed anche con le pregiate birre artigianali che caratterizzano la vivace realtà produttiva di Apecchio.
A svelare tutte le caratteristiche di questo esclusivo prodotto, che riposa a 4/5 metri di profondità in sacchi di cotone bianco, Paolo Cesaretti, brand manager della Cooperlat Tre Valli, intervistato da Gioacchino Bonsignore, Caporedattore del TG 5 e curatore della rubrica “Gusto”. Interessante l’interpretazione che gli chef Roberto Dormicchi (alias Triglia di Bosco) e Luca Facchini (Accademia di Tipicità) hanno dato del favoloso abbinamento, con la proposta di un invitante “fondente di patate e porro con vellutata di fossa e tartufo nero”.
Appuntamento da non perdere! La riapertura delle fosse, naturalmente! Rima-ste chiuse per circa tre mesi, si riaprono nel mese di Novembre sprigionando una nuvola di penetranti profumi. La tradizione vuole che questo “rito” debba compiersi il 25 novembre, nel giorno di Santa Caterina.
INFO: 0734.225237; segreteria@tipicita.it; www.tipicitaexperience.it

Letto 366 volteLeggi tutto[0] commenti
Pubblicità Risorse Interagisci

 feed rss area autori

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • 25a Sagra del Bugiandu a Fabbriche di...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 05 settembre 2017 alle 14:01

    La Sagra del Bugiandu è arrivata alla venticinquesima edizione. Un traguardo importante che ha fatto e fa conoscere le tradizioni gastronomiche di Voltri.  Ma cos’è il Bugiando?  Sorta di polenta di farina di frumento e patate nata oltre un secolo fa a Fiorino, minuscolo borgo montano dell’ampio entroterra di Voltri. Da oltre un...

    letto [1418] volteLeggi tutto[0] commenti
  • 50 anni di Sagralea
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 01 settembre 2017 alle 19:09

    Sagralea quest’anno festeggia i suoi primi cinquant’anni.  Un traguardo importante che, assieme al livello qualitativo, la pone al vertice regionale del settore. Nata nel lontano 1968 da un’idea dell’allora parroco di Salea per valorizzare il vino Pigato e organizzata dalla Cooperativa Macchia Verde presieduta dal mitico Flavio Maurizio,...

    letto [1421] volteLeggi tutto[0] commenti
  • A Villa Sauli Podestà convegno su...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 26 agosto 2017 alle 17:32

    L’ultima delle molte iniziative promosse dall’IPSSAR Nino Bergese di Sestri Ponente è stato un successo.  Il professor Angelo Capizzi preside dell’IPSSAR Nino Bergese è stato il regista di un affollato convegno svoltosi a fine luglio nella Villa Sauli Podestà di Prà, centro d’istruzione, cultura e valorizzazione...

    letto [1714] volteLeggi tutto[0] commenti
  • 5° Festival dello Sciacchetrà...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 20 agosto 2017 alle 23:32

    Riomaggiore, l’antica Rivus Major ha ospitato la quinta edizione del Festival dello Sciacchetrà. Annuale manifestazione che pone in evidenza nazionale uno straordinario vino e il suo territorio. Un affascinante itinerario attraverso le Cinque Terre per valorizzare gli omonimi vini, in particolare lo Sciacchetrà, un prodotto dalle caratteristiche...

    letto [2931] volteLeggi tutto[0] commenti
  • 23a Edizione del Premio Leivi
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 13 agosto 2017 alle 01:51

    L’edizione del Premio Leivi di quest’anno sarà ricordata per due diversi motivi. Il primo, per soli 13 campioni presentati, dovuto all’annata di scarica, ossia scarsa produzione di olive e, se non bastasse, i devastanti attacchi della mosca olearia.  Positivo il secondo: nonostante la difficile situazione olivicola, i dodici campioni...

    letto [1699] volteLeggi tutto[0] commenti
  • 25° Concours Mondial Des Vins...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 03 agosto 2017 alle 18:11

    Il Concours Mondial des Vins Extremes è giunto alla venticinquesima edizione. Ossia un quarto di secolo. Un primato assoluto non solo per il tempo da cui si tiene, ma per le sue peculiarità che ne fanno l’unica manifestazione al mondo, che premia e valorizza i migliori vini prodotti da vigneti di regioni montane con forte pendenza, terrazzati e di...

    letto [2773] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it