Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità

La Drago Forneria: un vanto di Genova

di Virgilio Pronzati

La storia di una città è fatta da grandi e piccoli avvenimenti, perlopiù realizzati da personaggi che la rendono ancor oggi nota nel mondo. Un tempo, come il resto del nostro Paese, fu terra di santi, poeti e navigatori. Di quest’ultimi il più illustre fu Cristoforo Colombo. Nell’arte della musica l’insuperato  Niccolò Paganini. Ma non solo. Genova dette i natali a Dogi e Papi. Poeti come Montale e statisti come Mazzini e Pertini. 

Anche nell’imprenditoria industriale e terziaria Genova era e rimane un polo importante. Se Genova  non l’avessero già definita La Superba non per la ricchezza del patrimonio di fastosi palazzi, ma per la forza con cui difese la sua indipendenza e la strenua opposizione alle pressioni del Barbarossa, l’avrebbero chiamata La Dolce. Alcune delle più antiche aziende dolciarie italiane sono nate e cresciute a Genova.

In questo ultimo decennio le aziende genovesi produttrici di alimenti lievitati hanno segnato il passo, ad eccezione di una: La Drago Forneria. Un’azienda giovane di nemmeno trent’anni che ha già raggiunto importanti traguardi. Nasce come panificio a Sestri Ponente, diventando famoso per la sua focaccia croccante ed i suoi grissini, entrambi di elevata qualità, tanto da richiamare l’interesse dalla grande distribuzione ligure che ne conferma il successo inserendone i prodotti nei vari punti vendita. Aumentando la produzione, un secondo laboratorio, passando poi all’ attuale nuovo stabilimento a Pegli.

Oggi la Drago Forneria è una “industria” che produce prodotti artigianali, dando lavoro a ben cinquanta dipendenti in un edificio di cinquemila metri quadrati appena fuori Pegli. Alla guida Vincenzo Drago albisolese di nascita ma di adozione Genovese. Sin dall’inizio dell’attività, Drago ha sempre avuto le idee chiare: produrre prodotti di qualità (bandendo grassi animali e mono e digliceridi) con tecniche d’avanguardia, che oltre a contenerne il prezzo, sono poi richiesti dalla GDO (Grande Distribuzione Organizzata), di cui la focaccia croccante rappresenta la punta di diamante.

Dai pochi quintali giornalieri di dieci anni fa, la Drago Forneria è passata a 50 quintali di focaccia croccante al giorno! Un merito e una promessa. <Amando Genova - sostiene Vincenzo Drago - voglio far conoscere la focaccia croccante nel mondo, seguita dal panduçe ed altri di mia creazione>.
 
Oggi i prodotti salati e dolci spaziano dalla focaccia croccante nei vari sapori, i mitici tocchetti, grissini di estrema leggerezza anch’essi in vari sapori, pandolce classico e basso, panettone al cioccolato, mini meringhe, croissant, biscotti del Lagaccio e il Pandezêna, una ciambella d’ invitante bontà, arricchita con fichi secchi, nocciole e basilico di Prà. Queste ghiottonerie oltre che trovarle alle Coop Liguria e nordovest e Carrefour, sono esportate in Germania, Olanda e addirittura nel Bahrein e in Australia. Per questo il Sindaco Bucci a insignito Vincenzo Drago  “Ambasciatore di Genova nel mondo”.

La continuità della Drago Forneria, è garantita: l’entrata in azienda dei figli di Vincenzo, Martina e Alessio. Martina, laureata in Economia ma con lunga gavetta nel reparto confezionamenti, dirigerà la Drago insieme al fratello Alessio, laureando in Scienze della comunicazione, che si occuperà dalla promozione e dell’immagine.

La Drago Forneria Genovese in numeri
Cinquanta dipendenti
Cinquanta quintali di focaccia al giorno.
Nel 2019 ne sono stati prodotti circa 4 milioni di confezioni
Circa 800 mila confezioni di grissini
Fatturato: 600 mila euro del 2003 e circa sette milioni di euro ad oggi

Drago Forneria Genovese - Vico Boggiano 5 - 16156 Genova Pegli - Tel.
+39 010 6671390

Nella foto: Vincenzo Drago e sua figlia Martina
Letto 1867 volteLeggi tutto[0] commenti

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • Le delizie dell'amico - Mangiare...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 10 maggio 2020 alle 23:23

    Parlando di farinata e torte di verdure, è naturale pensare a Genova. Ghiottonerie, che superando l’usura dei tempi e delle mode, sono ancor oggi apprezzate da genovesi e foresti.  Per i zeneixi la farinata o meglio a fainâ, non è solo un mangiare ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta...

    letto [2651] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il recupero di un vitigno dimenticato
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 03 maggio 2020 alle 20:16

    Origini e storia Il vitigno Simixà (o Scimiscià) era già coltivato nell’entroterra del levante genovese sin da almeno quattro secoli. Di tali testimonianze purtroppo non c’è traccia, poiché molti scritti sul vitigno e sul vino sono andati persi. Sue notizie scritte, le troviamo nella seconda metà dell’Ottocento....

    letto [2834] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il Brunello? Sempre il Benvenuto!
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 03 maggio 2020 alle 12:08

    Montalcino e il Brunello Se il Brunello di Montalcino è oggi uno dei vini più conosciuti e apprezzati nel mondo, il merito è in gran parte della famiglia Biondi Santi. Una lunga storia iniziata con Clemente Santi, che prosegue oggi con Franco e i suoi figli Jacopo e Alessandra. Quasi alla fine dell’Ottocento, da una felice intuizione del garibaldino...

    letto [3288] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Anteprima del Vino Nobile di...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 01 maggio 2020 alle 01:44

    La Toscana come gran parte d’Italia si potrebbe definire un museo a cielo aperto.  Antiche città patrie d’illustri personaggi di ogni forma di cultura. Nelle vaste e suggestive zone verdi, dominano la vite e l’ulivo.  Colline ornate da castelli, pievi e cipressi. Un altro patrimonio storico paesaggistico che si coniuga con tutto il resto....

    letto [3306] volteLeggi tutto[0] commenti
  • 15a Anteprima della Vernaccia di San...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 28 aprile 2020 alle 12:43

    Anteprima e…. La Signora in bianco ha compiuto cinquantaquattro anni, portati benissimo! Anzi dimostra la verve di una ragazza. Non solo: Le sue anteprime sono salite a quindici. Un vino dall’antico e illustre passato che, superato l’usura dei tempi e delle mode, è attuale ancor oggi. Un meritato traguardo raggiunto dopo annose tappe...

    letto [2397] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Chianti Classico Collection 2020
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 26 aprile 2020 alle 21:08

    L’Italia del vino può vantare due insuperabili primati. Il primo, avere realizzato la prima denominazione di origine al mondo. Nel 2016 sono stati festeggiati i Trecento anni del Chianti Classico. Confini, vitigni, comuni e tutela di questa grande zona citati nei bandi emessi dal Granduca Cosimo III de’ Medici nel lontano 1716. Quindi i primi modelli ...

    letto [2284] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it