Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Champagne a gogò, di Filippo Ronco

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Marketing > Back office

Back office

Champagne a gogò

di Filippo Ronco

Il visionario e imperituro reggente della sede romana dell'associazione italiana sommelier, con la mite sobrietà a cui ci ha abituato nei lustri e nelle decadi, di era in era, fin qui, ha dispensato al volgo un altro dei suoi imprescindibili diamanti, fasciati in carta di giornale, va senza dire, così che il volgo non ne abbia troppo imbarazzo. Dell'editoriale "col botto" dove ci sprona al coraggio alla spesa almeno a capodanno che, si sa, è una ricorrenza pregna di significati culturali, morali e sociali e meritevole quindi della massima celebrazione, hanno già scritto diversi amici qui e qui.

Solo per dare l'idea: “Tartufo bianco d’Alba: 400 euro l’etto”, “Aceto balsamco tradizionale di Modena DOP 50 anni Acetaia Malpighi: 220 euro per 100 ml”, “Zafferano purissimo di Cascia: 240 euro l’etto”, “Caviale Almas caviar Beluga del Mar Caspio: 2500 euro l’etto”, “Champagne Clos du Mesnil 2000: 1.100 euro a bottiglia”, “Romanée-Conti Grand Cru 2002: 10.000 euro a bottiglia” (sticazzi, aggiungo sommessamente).

Della cancellazione della cena "champagne a gogò" organizzata all'Hilton di Roma con titolo intrepidamente eroico "insieme contro la crisi", ha già scritto invece l'amico Jacopo Cossater a cui dobbiamo anche la scrupolosa conservazione di questa schermata pre-cancellazione, visto che sul sito non è più visibile.

Non c'è quindi molto altro da aggiungere.
Questi futuro e visione che l'eletto ha deciso di imprimere a quel marchio, Bibenda, che ormai viaggia pachidermicamente del tutto sovrapposto al nome dell'associazione. Un'associazione in cui oggi, forse anche per questi frizzi - soprattutto - e lazzi, fatico a intravedere umiltà e grandezza che ne dovrebbero e potrebbero contraddistinguere il ruolo.

Letto 7130 voltePermalink[3] commenti

3 Commenti

Inserito da Mauro Bertocchi

il 24 dicembre 2012 alle 12:31
#1
Non ci sono parole per stigmatizzare abbastanza l'iniziativa di FMR, mi dispiace che a Bibenda venga ormai associata in automatico l'AIS che per quanto ho potuto sperimentare personalmente si muove con ben altre modalitÓ. A Spezia, per esempio, da quando il responsabile Ŕ Marco Rezzano le iniziative promosse dall'associazione sono di grande interesse ed estrema sobrietÓ. Dispiace anche che il presidente nazionale, Antonello Maietta, spezzino pure lui, non ritenga necessario prendere le distanze da certe iniziative.

Inserito da Filippo Ronco

il 24 dicembre 2012 alle 12:49
#2
Il fatto che a Bibenda sia ormai associata in modo semi-automatico l'ais Ŕ il risultato delle scelte prese negli anni, presidenti in carica compiacenti inclusi. Marco Rezzano Ŕ un caro amico, grande appassionato, che cerca di fare il suo lavoro nonostante il contesto nel quale Ŕ costretto ad operare e che ha provato a darmi una mano, per quanto possibile, anche contro fortissime pressioni in senso contrario (essendo comunque costretto a desistere alla fine). Non posso che dire bene di lui e dei tanti amici con cui fino a un paio d'anni fa, prima dell'editto bulgaro promulgato nei confronti miei e della manifestazione TerroirVino da me organizzata, ho avuto il piacere di collaborare. Di Maietta purtroppo, posso solo dire che Ŕ stata una grandissima delusione dal punto di vista umano, del resto, meglio tacere.

Quel che c'Ŕ di buono Ŕ che tutto scorre e il mondo va avanti comunque, le cose importanti per fortuna sono altre.


Fil.

Inserito da Franco Ziliani

il 24 dicembre 2012 alle 13:39
#3
sottoscrivo in toto il commento dell'amico Filippo Ronco. Quella persona Ú stata una clamorosa delusione soprattutto dal punto di vista umano, rivelandosi (Dr. Jekyll & Mr.Hyde a Spezia?) totalmente diversa da come pensavo, me tapino, di conoscerlo.
Sottoscrivo la stima, soprattutto professionale, per Rezzano, con il quale ho sempre avuto ottimi rapporti.
A Bertocchi chiedo invece se crede ancora che i bambini le portino le cicogne, visto che si dispiace che il presidente AIS non prenda "le distanze da certe iniziative" di Ricci... Per prendere le distanze occorre dapprima non essere d'accordo con quanto il Grande Capo (mica tanto occulto) dell'A.I.S.fa e poi avere la personalitÓ e la spina dorsale anche solo per pensare di contrapporsi a Ricci....
Una cosa Ú certa, che a furia di tirare la corda questa rischia di rompersi: la pazienza (silente) di tanti personaggi A.I.S. (Associazione benemerita piena di persone perbene) non Ú infinita...

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti