Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Distillati > Il mondo delle acquaviti

Il mondo delle acquaviti

Canadian whisky

di Angelo Matteucci

MappaArticolo georeferenziato

Il Canadian whisky ha una sua specifica categoria non solo perché prodotto in Canada ma anche per le caratteristiche proprie che si differiscono dagli whisky di altre nazioni. Di fatto il whisky canadese è un assemblaggio (un blended) di un whisky prodotto principalmente con segale unito a distillati blandi, quasi neutri di altri cereali. Ne consegue che la percentuale di segale utilizzata non supera di solito il 25/30%. Per queste ragioni il Canadian whisky viene usato spesso in cocktail in sostituzione dell'americano "rye whiskey" (con almeno il 51% di segale) di più difficile reperibilità. Il risultato è comunque eccellente se i cocktail sono preparati da professionisti. Il Canadian whisky è piacevole da bersi anche liscio o con ghiaccio avendo caratteristiche di morbidezza e finezza non comuni.

Nel periodo del proibizionismo ( 1919-1933) grandissime quantità di whisky canadese vennero contrabbandate negli Stati Uniti, ottenendo così da parte della popolazione statunitense un particolare apprezzamento che dura tuttora. La tradizione canadese (iniziata nel XVIII secolo) è legata alla qualità dei cereali utilizzati (segale, frumento, mais, orzo) alla purezza dell'acqua ed a una distillazione particolare sia con distillatori continui che, in certe distillerie, anche con un "ripasso" in alambicchi discontinui chiamati "doublers". In Canada si utilizzano barili nuovi e vecchi (spesso acquistati negli Stati Uniti) per l'invecchiamento.

In questo Paese si producono molte qualità di whisky che vengono imbottigliate con l'invecchiamento minimo consentito dalla legge di tre anni, oppure con maturazioni prolungate di quattro-sei anni o ancora, per le qualità "de-luxe", con un invecchiamento in barile tra gli otto e i dodici anni. L'Italia ha un consumo molto limitato di "Canadian" (quasi esclusivamente nei cocktail) suddiviso praticamente da due marchi.

Letto 10077 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Angelo Matteucci

Angelo Matteucci


 e-mail

Angelo Matteucci, sommelier, è considerato da molti fra i massimi esperti di tutto ciò che ruota attorno al mondo dei distillati e non...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area distillati

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti