Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Eventi > Vino

Progetto Vino del Festival

DovePiazza Falletti 1, Barolo (CN) - Enoteca regionale del Barolo

Quandoil 04 maggio 2015

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Collisioni 2015 scommette sulla cultura del vino. Lunedì 4 maggio all’Enoteca regionale del Barolo alle 18 Ian D'Agata e Filippo Taricco presentano il nuovo Progetto Vino del Festival.

Accanto ai grandi nomi mondiali della musica, della letteratura e dello spettacolo Collisioni, quest’anno più che mai, si prepara a portare a Barolo anche i grandi nomi del vino. Opinion leader, giornalisti, buyer che dagli Stati Uniti al Giappone
arriveranno nel piccolo centro nel cuore delle Langhe dal 18 al 21 luglio nell’ambito del Festival che si è affermato tra gli eventi da non perdere dell’estate italiana. E’ il Progetto Vino, un format culturale di assoluto prestigio e di ampio respiro internazionale orchestrato dal*direttore creativo Wine & Food Ian D’Agata, autorevole firma di Decanter e Vinous e direttore scientifico di Vinitaly International Academy.

Così, insieme a Sting e Mark Knopfler, nell’atmosfera informale del Festival si incontreranno wine writer e importatori provenienti da tutto il mondo e selezionati da D’Agata con particolare attenzione al mercato Usa e ai paesi emergenti come Cina e Corea. Nel borgo storico di Barolo infatti, critici, esperti del mercato, sommelier, giornalisti, buyer interagiranno in tasting e incontri con vignaioli, winelover e curiosi di storie. Tre le sale che saranno dedicate all’approfondimento della cultura enogastronomica (Tempio dell’Enoturista, Enoteca regionale del Barolo, Tasting room del Castello).

Lunedì 4 maggio alle 18,00 all’Enoteca regionale del Barolo, Ian D’Agata e il direttore artistico di Collisioni Filippo Taricco incontreranno e si confronteranno con i tanti produttori che da anni sostengono il festival e con coloro che desiderano prendere parte a questa nuova edizione. Una tavola rotonda aperta a tutti per raccogliere idee e apportare miglioramenti a un programma che già lo scorso anno ha registrato il sold out in ogni degustazione. L’obiettivo è far conoscere i vini piemontesi a migliaia di persone che arrivano a Barolo da tutte
le regioni italiane e dall'estero, ma anche di creare dei momenti d’incontro e di confronto tra produttori, giornalisti, critici, buyer e opinion leader.

“Nel pensare e costruire il programma – dice D’Agata – ho pensato di rispondere a una doppia esigenza. Da un lato, portare a Collisioni i più importanti giornalisti e critici vinicoli al mondo, percreare un radicamento nel territorioeuna consuetudine tra la scena internazionale della critica vinicola, i vini del Piemonte e i loro produttori. Dall’altro, ho ideato panel di degustazioni e incontri di carattere
didattico comprensibili a un vasto pubblico, incontri dinamici e accattivanti per coinvolgere le migliaia di appassionati che ogni anno, da tutta Italia e dall’estero, vengono a Collisioni anche per scoprire i grandi vini del Piemonte, imparare a degustarli, conoscerne le storie e i produttori”.

Saranno a Collisioni tra gli altri Jeannie Lee Cho, di gran lunga la più importante wine writer d’Oriente, Bernard Burtschy, capo redattore di Figaro Vin, e molti Master of Wine quali Pedro Ballesteros Torres, Susan Hulme e Charles Curtis. L’Expert Panel di Collisioni si arricchisce ulteriormente con la presenza di alcuni dei più importanti sommelier del mondo, autentici opinionleader quali Kathryn Morgan, Master Sommelier a capo del Range, il ristorante più alla moda di Washington DC, Nicola Munari, capo sommelier di Taillevent, prestigiosissimo due stelle Michelin francese, Yang Lu, chief wine corporate buyer di tutti gli alberghi Shangri-La, e Jeremy Ennis, capo sommelier del ristorante Savory nel Westin Hotel di Toronto in Canada.

In aggiunta ai tanti esperti internazionali anche un gruppo di alcuni tra i migliori winewriter e giornalisti italiani quali Luciano Ferraro del Corriere della Sera, Fabio Turchetti di Il Messaggero, Alessandro Bocchetti del Gambero Rosso, Andrea Gori di Intravino, Fernanda Roggero di Il Sole 24 Ore, Michele Longo (Barolo&Co, Guida Migliori Vini d’Italia).

PARTNER. Il Progetto Vino di Collisioni si avvale quest’anno di importanti alleanze di territorio: tra queste, la partnership con il Consorzio del Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, con il Consorzio della Barbera d’Asti e dei Vini del Monferrato* e con il Consorzio Tutela del Roero.

TAVOLE ROTONDE. Collisioni 2015 avrà anche, per la prima volta, una intera sezione dedicata esclusivamente agli incontri business, con focus groups di esperti e produttori che si confronteranno in una serie di seminari appositamente studiati e dedicati a quattro mercati del vino (USA, Canada, Cina e Austria/Germania/Nord Europa) ma anche “incontri al contrario”, presentazioni agli esperti stranieri dei territori e dei vini di specifiche zone vinicole italiane.

GEMELLAGGIO CON I VINI FRANCESI. Nel solco dell’aumentata internazionalità del festival, una altra novità di saranno i gemellaggi a scopo di reciproca conoscenza e valorizzazione dei grandi vini piemontesi con i produttori ospiti da altri paesi europei, come la Borgogna, il Rodano e i produttori di Grand Crus Beaujolais, in una serie di degustazioni dei loro vini ma anche in comparazione con i vini del Piemonte. Saranno a Collisioni 2015 otto tra i migliori produttori di Gran Cru Beaujolais, e sei tra i più famosi produttori di Gevrey-Chambertin, noto centro della Borgogna associato alla produzione di alcuni dei più famosi e costosi vini rossi del mondo. Si segnala anche la presenza di tre delle più famose aziende del Rodano (Georges Vernay, Gangloff, e PJ Villa) che non soltanto guideranno una
degustazione dei loro grandi vini bianchi (Condrieu) e rossi (Cote Rotie e Saint Joseph) ma, in puro stile Collisioni, saliranno anche sul palco per una spettacolare jam session della loro band (formata dai tre produttori con tre loro amici), The Grapeful Dead.

FOOD. Infine, il Progetto Vino di Collisioni si apre al food in maniera molto più forte che in passato, con degustazioni sempre più numerose di abbinamento cibo-vino come anche quelle dedicate alla scoperta delle eccellenze gastronomiche locali. A questo scopo, D’Agata ha chiamato Fabio Turchetti, prestigiosa firma di Il Messaggero a fare da coordinatore a Food Collisioni, per potenziare sempre più questo aspetto del festival.


Per informazioni:
Mobile: +39 339 7552481 
E-mail: info@ishock.it 
Web: www.ishock.it

Letto 4725 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti