Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Vino è... Musica: il viaggio tra le migliori produzioni vitivinicole, l'artigianato, la gastronomia e la musica della Puglia

DoveGrottaglie (TA) - Castello Episcopio a Grottaglie

Quandodal 30 luglio 2015 al 31 luglio 2015

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Il 30 e 31 luglio a Grottaglie (Taranto), città dell’arte ceramica, vino, musica e risveglio dei sensi

Il bello e il buono di una grande terra su un palcoscenico naturale di grande suggestione: le vie, gli slarghi e le botteghe dell’antico e unico Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie. E’ qui che negli ultimi due giorni di luglio (30 e 31) la sesta edizione di “Vino è...musica – il cammino dell’arte, l’incontro dei sapori”, ripropone il menù di un successo ormai stabile: vini noti e non di tutta la Puglia, abbinati a materie prime tradizionali rielaborate da grandi cuochi in versione street-food, musica, arte, cultura e artigianato. Una esperienza a stretto contatto con l’Apulian Life Style, tra calici di vino da sorseggiare attraversando la terra in tutte le sue declinazioni: quelle di creta delle pregiate ceramiche, del carparo che riveste le antiche sale del Castello Episcopio, della selce del centro storico, e del gusto contenuto nel vino e nelle grandi eccellenze gastronomiche presentate ai visitatori. Musica e Vino che si incontrano trasformando la coniugazione in un intreccio più profondo perché se è vero che la musica (16 postazioni lungo il percorso en plein air) fa da sottofondo, è il gusto a fare da padrone.

Vino è Musica oltre che essere una vetrina di prodotti eccellenti è anche il palcoscenico per fare cultura ed informazione, grazie ad una serie di eventi collaterali. Durante la due giorni, in programma workshop, laboratori del gusto, degustazioni guidate per permettere a tutti di vivere una esperienza di gusto. Compagni di viaggio dell’organizzazione sono infatti i nomi blasonati del gusto in Italia: l’ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino), l’AIS (Associazione Italiana Sommelier), Slow Wine e Slow Food. Gli ultimi due giorni di luglio trasformeranno il Quartiere delle Ceramiche in un grande contenitore di qualità e tipicità, enogastronomica, artigianale (le maioliche di pregio e le mostre nel suggestivo giardino dell’ottocentesca Casa Vestita) e musicale.

E non solo. C’è dell’altro. C’è di più.

A partire dal 28 luglio una giuria di tecnici formata da esperti del settore ma anche nomi di rilievo nazionale del giornalismo vitivinicolo, testeranno i campioni dei vini delle 40 aziende vitivinicole partecipanti alla rassegna per selezionare le etichette che meglio rappresentano le tipicità del vitigno di appartenza. Focus su Primitivo, Nero di Troia, Rosati da vitigni autoctoni (Negramaro, Primitivo, Ottavianello, Montepulciano, Malvasia, Nero di Troia, Bombino e Susumaniello) e Bianchi (Fiano o Minutolo). Accanto ai palati esperti ci sarà per la seconda volta nella storia del premio anche una giuria “popolare” con testimonial d’eccezione. Volti noti dello spettacolo, eno-appassionati. Un esperimento, un gioco, ma seguendo tutte le regole di una degustazione alla cieca. Una apertura al mercato dei consumatori che sempre più richiede qualità e che alla fine detta le tendenze del mercato enologico nazionale ed internazionale. Confermata la presenza anche per quest’anno dell’esperienza multisensoriale proposta da Daniele De Michele in arte Donpasta: dj, economista e appassionato di gastronomia. Il suo Wine Sound System, che l’anno scorso ha registrato il sold out in tutte le serate, è il racconto di una emozione attraverso l’abbinamento tra il cibo, il vino, la poesia e la buona musica.

Il vino è musica, ed è per questo che viene nobilitato ed esaltato abbinandolo alle proposte musicali più originali e più importanti della nostra terra. Un impegno che neanche quest’anno deluderà i cultori del vino e della buona musica. La conferma arriva dal nome del gruppo musicale a cui sarà affidato il concerto di chiusura della sesta edizione di Vino è Musica. Loro sono gli Opa Cupa: la “banda” di uno dei trombettisti più quotati del panorama italiano, il maestro Cesare Dell’Anna. Una esibizione di alto livello condotta da 11 elementi, in grado di far compiere allo spettatore un viaggio meraviglioso partendo dalle sonorità del Salento, fino alle viscere del Mediterraneo, dai Balcani all’Africa.

Un serie di proposte turistiche, inoltre, offrirà la possibilità di passare una piacevole vacanza. Laboratori per avvicinarsi alla lavorazione ceramica, visite in cantina, bicycleitineraries tra gravine, masserie, vigneti e tanto altro. Vino è musica, insomma, è una vera guida interattiva della Puglia da vivere live in uno degli angoli più belli della Puglia, a pochi chilometri dal mare. La rassegna grottagliese è evento eco-friendly grazie alla partnership con EcoFesta di Puglia ed è evento accessibile per le persone con disabilità.


Per informazioni:
Web: www.vinoemusica.it

Letto 3003 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti