Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Food

Pronta a partire, Milano Golosa 2017 scalda i motori

DoveVia G.B. Piranesi, 14, Milano (MI) - Palazzo del Ghiaccio

Quandodal 14 ottobre 2017 al 16 ottobre 2017

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

La sesta edizione della manifestazione gastronomica creata da Davide Paolini è in programma dal 14 al 16 ottobre a Palazzo del Ghiaccio (Via G. Piranesi 14, Milano). Tema di questa edizione è la cucina concreta, una dedica ad una cucina sobria e popolare come il panino italiano o un piatto in trattoria

In prossimità della nuova edizione di Milano Golosa, Davide Paolini ha presentato, nel raffinato ed elegante bartender del The Stage di Piazza Gae Aulenti, il programma della tre giorni milanese svelando anche le gustose novità di quest’anno.

“Per il sesto compleanno di Milano Golosa abbiamo voluto rendere omaggio a due grandi amori italiani: le trattorie e il panino. Sono da sempre innamorato di quella che io considero una cucina concreta e vera, quella dei luoghi conviviali e delle ricette semplici, ma fatte bene. Che sia un piatto o un panino, io tifo sempre e comunque per i prodotti locali che inneggiano alla materia prima e al territorio” – ha affermato Davide Paolini.

I produttori

Milano Golosa è prima di tutto il racconto dei più di 200 espositori artigiani presenti per proporre un tour enogastronomico della penisola alla ricerca di materie prime di qualità. Cibovagando tra i corridoi di Milano Golosa sarà possibile conoscere e acquistare tanti prodotti artigianali: dai salumi di maiali “tranquilli” ed extrapesanti di Bettella alla coppa piacentina del salumificio La Rocca; dal Jamón Ibérico Pata Negra 100% Bellota de La Fenice ai culatelli di Antica Corte Pallavicina; dalla mortadella Artigianquality al capocollo Santoro, dai formaggi firmati Val d’Aveto ai filetti di tonno Colimena, alla birra Follina e del Birrificio Italiano; dai fichi imbottiti e ricoperti di cioccolato delle Premiata Ditta Colavolpe alle confetture e al cioccolato Stringhetto; dai lievitati di Infermentum ai panettoni siciliani di Bonfissuto; dalla Martarè di Villa Marta ai gelati Giavazzi; dalle focacce della pasticceria Tabiano agli intramontabili Krumiri Rossi. Tra le novità in esposizione da Capannoli, nel cuore della Toscana, c’è l’Azienda Arcenni che si dedica all’elicicoltura. A Milano Golosa porteranno le chiocciole trasformate e declinate in diversi modi: chiocciole al naturale al ragù, patè di chiocciole, chiocciole al tartufo e chiocciole ai porri. Da Fermo arriva invece il Salumificio Mezzaluna che presenta il ciauscolo, patrimonio gastronomico collegato all’identità culinaria dei Monti Sibillini, tra Marche e Umbria.  Quest’anno presente anche la comunità di San Patrignano che, oltre a essere un progetto di recupero e di ragazzi, è una realtà produttiva a filiera corta che trasforma materie prime di qualità in  formaggi, insaccati e lievitati. Il mandorlato di Modigliana, riconosciuto dal 2010 come prodotto agroalimentare tradizionale dell’Emilia Romagna, sarà quest’anno per la prima volta a Milano Golosa con l’Azienda Modigliantica di Modigliana (FC). A Milano Golosa presente anche nelle versioni classico, amarena, pera, caffè. Altra ricetta antica è infine quella del Dolcelatte recuperata da Officine Dolcelatte di Luserna (TN). Una crema di latte di montagna, proveniente dalle malghe trentine, ideale come dolce su pane, panettone e fette biscottate, ma anche abbinata ai formaggi o da sola con un vino da meditazione. Prima volta a Milano Golosa anche per il pasticcere Angelo Grippa di Eboli (SA) e per i suoi lievitati ai profumi e ai sapori della Piana del Sele. Lardo e carne di suino, sale dolce di Cervia, erbe aromatiche sono invece gli ingredienti della ventricina dell’Azienda Fracassa di Sant’Egidio alla Vibrata (TE). Un salume che ben si abbina con il Nero di Troia e i taralli di Terrasolata di Trani (BT) o con l’Aglianico del Vulture di Cantina di Venosa (PZ), novità vinicole della manifestazione.

Il panino

Milano Golosa quest’anno per la prima volta ospita PaniniAmo, una nuova area dedicata al panino nata con la collaborazione della Fondazione Accademia del Panino Italiano e in partnership con Petra - Molino Quaglia, Fondazione Birra Moretti e Berkel come partner tecnico. In programma cinque laboratori dedicati al panino, una lezione con le farine Molino Quaglia e  la presentazione delle specialità delle migliori paninoteche d’Italia. A PaniniAmo saranno presenti dieci importanti paninoteche d’Italia,  con le loro specialità in assaggio per i visitatori che le potranno acquistare e mangiare durante i tre giorni di fiera. Le paninoteche presenti sono: Amuse Bouche di Milano; la Paninoteca Alvolo di Pavia; Giusto Gusto di Piacenza; la Paninoteca Venditti Porchetta di Aquila; Peschef di Bari; Panini Durini di Milano; Da Gigione di Napoli, Panino Giusto, Il Cernacchino di Firenze, L’Antica Credenza di Matera. Tutti i panini presentati saranno abbinati alle birre della Fondazione Birra Moretti, mentre i salumi saranno tagliati con le affettatrici Berkel.

Tra i laboratori “Hai detto Panino?” con Giovanni Rota, chef che collabora con l’Accademia del Panino Italiano e La cucina italiana, parte dalle basi della costruzione di un panino, per esplorare il mondo del pane da utilizzare per valorizzare gli ingredienti che ne sono racchiusi tra due fette. Altro appuntamento è con “Panini Creativi, Vegetariani e Vegani: il Panino si apre a nuovi mondi”. Conduce Alessandro Frassica del locale INO e membro dell’Advisory Board dell’Accademia del Panino Italiano. Un corso per capire dove nasce l’idea di un panino, come si possono creare nuove tipologie, quali sono le frontiere che si aprono per il mondo vegetariano e vegano. Si parla quindi di “Come far sorridere un Panino” con Beatrice Prada, food stylist e collaboratrice de l’Accademia del Panino Italiano e de la Cucina italiana. “Ogni Panino ha una storia da raccontare” è invece l’appuntamento con Alberto Capatti, massimo intenditore della gastronomia italiana. Il suo incontro sarà dedicato alla storia del Panino: si partirà dalle basi storiche per arrivare ai panini, ai tramezzini e ai burger contemporanei. Infine con “Pane + ingredienti + pane: il design essenziale del Panino”con Paolo Barichella, fondatore del Food Design e  opinion leader di riferimento in questo settore, si farà un’esplorazione del mondo del food design, per capire i segreti che si nascondono dietro ogni singolo morso.

Sempre nell’area PaniniAmo anche Maremma Cheese Steak, una lezione di Molino Quaglia con Giuseppe Vesi di Pizza Gourmet (Napoli, Milano). Durante l’incontro verrà presentato un panino morbido da impasto diretto e farina Petra 1 biologica con Cheesesteack di carne di bovino Maremmano e Grana Padano Dop 24 mesi di stagionatura, servito con crema di Papaccella Riccia Napoletana con sale dolce di Cervia e olio Evo Terre dei Monaci Dop del Cilento.

La trattoria

Ogni giorno nella nuova area show cooking San Benedetto, i visitatori potranno assaggiare e conoscere i piatti della tradizione nelle ricette preparate e raccontate dagli osti delle Premiate Trattorie Italiane. Premiate Trattorie Italiane dal 2012 riunisce dieci trattorie storiche italiane legate tra loro dalla stessa idea di cucina legata all’ospitalità e alle cose buone. A Milano Golosa 2017 saranno presenti: Boivin di Levico Terme – TN (patron:Riccardo Bosco); Trattoria Visconti  di Ambivere – BG (patron: Daniele, Roberto e Fiorella Visconti); Antica Trattoria del Gallo di Gaggiano – MI (patron: Paolo Reina); Caffè La Crepa di Isola Dovarese – CR (patron: Franco, Fausto e Federico Malinverno); La Brinca di Ne’ – GE (patron: Sergio Circella); Da Amerigo 1934 di Savigno – BO (patron: Alberto Bettini); Antichi Sapori di Andria – BT (patron: Pietro Zito); La Locandiera di Bernalda – MT (patron: Francesco Russo); Hostaria Nangalarruni di Castelbuono – PA (patron: Giuseppe Carollo).

Durante i tre giorni di manifestazione le trattorie presenteranno una loro ricetta apprezzata e premiata da guide del settore e dai clienti. Sabato 14 ottobre alle 13 con i casoncelli della nonna Ida a cura dello Chef Fiorella Visconti della Trattoria Visconti; alle 14 si prosegue con la cassoeula di Chef Paolo Reina della Antica Trattoria del Gallo; infine alle 17 tocca allo strudel di mele di Boivin. Domenica 15 ottobre alle 14 si presenta la sagn ca’ m’ddic: lasagnetta con mollica e peperone crusco con La Locandiera; alle 16 il pancotto con cime di rapa e olive dolci di Pietro Zito di Antichi Sapori e alle 18 i marubini asciutti con ragù di verdure e fonduta di provolone DOP del Caffè La Crepa. Lunedì 16 ottobre, ultimo giorno della manifestazione alle 11 Da Amerigo 1934 presenta la zuppa imperiale in doppio brodo reale; alle 13 i funghi di bosco gratinati, con verdure di campo, ricotta fresca e caciocavallo affumicato dello Chef Giuseppe Carollo dell’Hostaria Nangalarruni; infine alle 15 gli gnocchetti di castagna al pesto di mortaio, prescinseua e verdure de La Brinca.

Il vino

Sei master class e un seminario, previsto per lunedì 16 ottobre alle 13 in Sala WineMi. Si intitola “B&B Bollicine e Biodinamica” e tema dell’incontro è l’interpretazione delle bollicine in biodinamica nei territori di Valdobbiadene, Franciacorta, Oltrepò Pavese. Per l’occasione saranno presenti tre cantine simbolo di questi luoghi: Cà del Vent per la Franciacorta; Cà dei Zago per Valdobbiadene; Fausto Andi per Oltrepò Pavese.

Le degustazioni sono organizzate in collaborazione con WineMi, la rete che raggruppa 5 enoteche storiche milanesi: Enoteca Eno Club, Cantine Isola, La Cantina di Franco, Enoteca Ronchi, Radrizzani Drogheria Enoteca. Ci sarà quindi l’occasione per assaggiare le espressioni più significative della viticoltura nazionale: un viaggio in Sicilia con Planeta; Col d’Orcia con una verticale del Rosso di Montalcino,; Cantina della Volta con i metodi classici applicati alle uve autoctone emiliane; un approfondimento sul Verdicchio con Villa Bucci; Les Cretes con i vini estremi della Val d’Aosta; infine una degustazione di rum con Zafra.

Il gelato

Lunedì 16 ottobre in programma la consegna del premio alle migliori 10 gelaterie italiane per gli utenti gastronauta.it. Quest’anno primo posto per la Gelateria La Scimmietta di Afragola (Napoli). Il risultato è frutto del concorso lanciato dal portale di Davide Paolini in collaborazione con l’azienda Giuso Spa che ha premiato la gelateria campana con le 5.505 preferenze dei lettori del Gastronauta. A seguire secondo posto con Il gelataio di Vicenza e terzo posto alla Gelateria Serafini di Lavis (Trento). Le altre posizioni sono nell’ordine: Il Cantagalli – Lamezia Terme, Di Rienzo – Isernia, Bar Mincuccio – Palagiano, Gelateria Gianni – Padova, Bar Gelateria Antico Borgo – Carcare, Gelateria Antiche Tentazioni  – Selvazzano Dentro, Bar Pasticceria Gelateria Boccaccio –  Villa San Giovanni. Un premio speciale sarà consegnato alla Gelateria Polo Nord di Casalbordino per la costanza e l’impegno che ha dimostrato, classificandosi undicesima e arrivando, per il secondo anno consecutivo, a un soffio dalla finale. In occasione della premiazione “Migliore Gelateria d’Italia 2017” sarà inoltre realizzato in diretta Italico, un nuovo gusto di gelato prodotto dai maestri gelatieri vincitori delle ultime tre edizioni di questo contest (Davide De Stefano della gelateria Cesare di Reggio Calabria, Guido Zandonà delle gelaterie Ciokkolatte di Padova e dintorni e Francesco Dioletta della gelateria Duomo de L’Aquila) con la collaborazione di Pasquale Monteleone de La Bottega del gelato di Pizzo Calabro e Gaetano Vincenzi della Gelateria Barbarossa di Villapiana Lido e con gli ingredienti d’eccellenza delle loro regioni. Un gelato dove i Fichi di Cosenza Dop affogati nel  Torcolato di Breganze Doc, fungono da topping di un gelato a base di Ricotta di Pecora abruzzese.

Sempre dedicato al gelato la nuova area Gelato Pop App, uno spazio in collaborazione con ifi, azienda di riferimento mondiale degli arredi, delle vetrine e banco frigo per locali, che raccoglie in un unico spazio i tre momenti fondamentali del gelato artigianale: produzione, conservazione e servizio al pubblico. Qui si parlerà di gelato nella ristorazione, in trattoria, all’aperitivo al bar, e ovviamente in gelateria, alternando show cooking sul gelato con chef e gelatieri. Tra gli attori principali di quest’area il maestro gelatiere Antonio Morgese, della storica gelateria milanese Rigoletto. Dal dessert all’aperitivo, presenterà in diretta i nuovi orari e scenari di quest’eccellenza gastronomica italiana. Sempre nell’area Gelato Live ifi, si terrà giornalmente l’appuntamento con Il gelato in trattoria, in collaborazione con le Premiate Trattorie Italiane. Gli Chef Franco Malinverno di Caffè La Crepa - Isola Dovarese (CR), il Maestro Gelatiere Davide D’Arpino Fusar Poli per la Trattoria Visconti - Ambivere (BG) e lo Chef Alberto Bettini della Trattoria Amerigo 1934 – Savigno (BO), trasformeranno in gelato gastronomico i piatti più significativi e identitari della loro tradizione.

Tra le new entry la ‘biodiversità’ Rural  (stand 37). Un’altra esaltante novità di quest’anno: sarà allestita una zona relax, dedicata sia agli espositori che ai visitatori, dove concedersi un massaggio rilassante sorseggiando bollicine tra una degustazione e l’altra o un incontro con i produttori.  

ORARI AL PUBBLICO Sabato 14 ottobre: 12:00 – 20:30 | Domenica 15 ottobre: 10:00 – 20:30 | Lunedì 16 ottobre: 09:00 - 17:00 BIGLIETTI Adulti 10 euro | Bambini 6-12 anni 5 euro | Bambini minori 6 anni ingresso gratuito

Info: www.milanogolosa.it

Letto 212 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti