Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Food > Vademecum di Cucina

Vademecum di Cucina

NOCCIOLE: una manciata di benessere

di Pier Luigi Nanni

La campagna di sensibilizzazione per incentivare il consumo della NOCCIOLA ITALIANA è un progetto cofinanziato dal “MIPAF - Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali”. Tale progetto è stato ideato da “UNAPROA - Unione Nazionale tra le Organizzazioni dei Produttori Ortofrutticoli, Agrumari e di frutta in Guscio”, per promuovere, sotto l’egida del marchio collettivo “5 Colori del Benessere”, la valorizzazione della nocciola, delle migliori cultivar e del settore vivaistico attraverso diverse iniziative di marketing e comunicazione. La coltura del nocciolo è presente, su scala mondiale, in aree geografiche caratterizzate da clima mite, alta piovosità ed estati fresche. Nel nostro paese, secondo per produzione solo alla Turchia, la coltivazione del nocciolo è concentrata principalmente in quattro regioni, che coprono il 98% della produzione totale, Piemonte (18%), Lazio (29%), Campania (36%) e Sicilia (15%), che rappresentano una superficie coltivata di 20.480 ha pari a 2.800 t di nocciole prodotte.

In Piemonte, noto per la cultivar ”tonda gentile delle Langhe”, il territorio maggiormente vocato è quello del cuneense e dell’astigiano, anche se la coltivazione si sta espandendo anche ai comuni dell’alessandrino .Nel Lazio, la coltura della “tonda gentile romana” è circoscritta soprattutto nella zona viterbese dei monti Cimini, quella romana dei monti Sabatini e nei territori a sud di Roma che si produce sostanzialmente la varietà “nocchione”. In Campania, nell’avellinese si coltiva la “mortarella”, nel salernitano la “tonda di Giffoni”, mentre a Napoli si produce soprattutto la “lunga di San Giovanni”; altre produzioni delle varie cultivar si hanno solo nel casertano. In Sicilia si trovano numerose cultivar soprattutto nel messinese.

All’interno di una dieta sana ed equilibrata, sono sufficienti 12-15 nocciole, pari a circa 15 g, quante quelle contenute all’interno del nostro palmo di mano, per assicurarci un ottimo snack quotidiano dal moderato apporto calorico, comparabile a quello di un yogurt a latte intero, ma soprattutto dall’ottimo apporto di nutrienti utili al nostro benessere. E’ il caso della vitamina E - polifenoli antiossidanti; steroli - ipocolesterolizzanti; fibre - contengono il picco glicemico e migliorano il transito intestinale; inoltre, potassio, fosforo e magnesio che sono microelementi indispensabili all’economia di molti naturali processi fisiologici. La paricolare composizione in acidi grassi di cui è costituita la nocciola, molto simile a quella dell’olio d’oliva, determina un vero e proprio valore aggiunto alla qualità della nocciola stessa, per il suo contenuto in acidi grassi monoinsaturi, quelli tanto preziosi per il nostro sistema cardiovascolare, la ricchezza dei grassi “buoni”, cioè “omega 3” e “omega 6”, meglio conosciuti come “acidi polinsaturi”.

La nocciola è anche e soprattutto un pot-puorri di sapori e profumi ben assortiti ed armonizzati che si sprigionano nella loro interezza solo quando viene assaporata e gustata lentamente. Altro fattore molto importante, la nocciola col suo contenuto in fibre se consumata nelle giuste modalità, come snack ed assaporata lentamente, contribuisce al senso di sazietà che spesso giustifica l’assunsione di un qualunque snack quotidiano.

PROPRIETÀ NUTRITIVE
La QB - quantità benessere pari a circa 15 g di prodotto edibile, corrisponde a:
> 300 mg/Kg steroli (ipocoleresterolizzanti);
> 100 mg/Kg polifenoli (antiossidanti);
- acidi grassi: 9% saturi; 78% monoinsaturi; 13% polinsaturi, contenenti anche omega 3 ed omega 6;
> 2,5 mg vitamina E;
> 0,66 mg vitamina C;
> 1,3 g di fibre;
> 1 g di zuccheri;
> 2,2 g di proteine;
- minerali: 26,5 mg di magnesio; 0,3 mg di zinco; 0,2 mg di rame; 0,003 mg di selenio;
> 109 Kcal.

Un vero toccasana per il nostro benessere se si considera che l’assunzione di una così ben nutrita e variegata miscela di micro e macronutrienti, se assunti regolarmente e in associazione a un’alimentazione sana ed equilibrata, costituiscono una vera ed efficace difesa contro molte insidiose malattie cronico-degenerative. Nell’ambito di un’alimentazione corretta e di un corretto stile di vita, nel 2006, il noto nutrizionista Adam-Perrot affermava che le nocciole determinano un positivo effetto sul senso della sazietà, mentre nel 2008 l’altrettanto famoso dietologo Mattes affermò che un consumo moderato di nocciole non influenza significatamente il bilancio energetico.

Letto 481 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Pier Luigi Nanni

Pier Luigi Nanni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti