Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Vino, Valpolicella education program apre settimana Anteprima Amarone

Dovepresso la sede di Sant'Ambrogio

Quandodal 27 gennaio 2020 al 29 gennaio 2020

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

16 candidati da 8 paesi target per diventare Valpolicella Wine Specialist. per la prima volta anche una Master of Wine

La Valpolicella sale in cattedra con il programma di formazione avanzata targata Consorzio tutela vini. È il Vep, Valpolicella education program, il corso per influencer internazionali, giornalisti e operatori del settore che anche quest’anno apre la settimana di eventi prologo dell’Anteprima Amarone (Palazzo della Gran Guardia, 1 e 2 febbraio).

Dal 27 al 29 gennaio, infatti, i 16 candidati aspiranti a diventare Valpolicella wine specialist, tra cui per la prima volta una Master of Wine del Regno Unito, provenienti da 8 paesi e mercati target della prima Dop di vino Rosso del Veneto (Hong Kong, Cina, Russia, Taiwan, Canada, Germania, Stati Uniti e Gran Bretagna) andranno a lezione di Amarone, ma non solo.  Il corso, ideato dal Consorzio di tutela vini Valpolicella e unico nel suo genere in Italia, contempla 3 giorni di sessioni (presso la sede di Sant’Ambrogio) con lezioni frontali, degustazioni e visite in cantina. Il Vep si concluderà con l’esame finale che decreterà gli specialist che andranno ad aggiungersi agli altri 22 ambassador della denominazione in giro per il mondo e proclamati nelle due precedenti edizioni.

Tra i temi formativi: caratteristiche del terroir, varietà e genetica, pratiche enologiche, aspetti legali dell’etichettatura ma anche mercato e, ovviamente, degustazioni. Il comitato scientifico della 3^ edizione del Valpolicella education program è composto da Olga Bussinello, direttore del Consorzio tutela vini Valpolicella; Maurizio Ugliano, docente di chimica enologica ed enologia dell’Università  di Verona; Paolo Veronesi, avvocato specializzato in diritto della proprietà intellettuale dello studio legale Sib di Verona; Stefano Baldi, project manager Nomisma Agroalimentare; Diego Tomasi, ricercatore del Crea-Ve (Centro di ricerca viticoltura ed enologia di Conegliano) e Filippo Bartolotta, sommelier e giornalista di Decanter.

I nuovi Valpolicella wine specialist saranno proclamati mercoledì 29 gennaio in serata.

La settimana dell’Amarone proseguirà con una degustazione riservata alla stampa estera (30 gennaio, Villa Brenzoni Bassani a Sant’Ambrogio di Valpolicella e al Parco Venere di Mezzane di Sotto). A seguire il giorno dopo in Gran Guardia, i focus di mercato della terza conferenza annuale della Valpolicella e il tasting “Amarone vs vini del Nuovo Mondo” guidata dal Master of Wine Peter McCombie (a numero chiuso). L’1 e il 2 febbraio sarà la volta dell’Anteprima Amarone, l’evento clou del Consorzio che si aprirà con la presentazione dell’annata 2016 e il confronto “Dal vigneto al mercato: l’Amarone e l’identità del vino italiano”.

Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella

Nato nel 1924 è una realtà associativa che comprende viticoltori, vinificatori e imbottigliatori della zona di produzione dei vini della Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona. La rappresentatività molto elevata (80% dei produttori che utilizzano la denominazione) consente al Consorzio di realizzare iniziative che valorizzano l’intero territorio: il vino e la sua terra d’origine, la sua storia, le tradizioni e le peculiarità che la rendono unica al mondo. Il Consorzio annovera importanti ruoli istituzionali: si occupa della promozione, valorizzazione, informazione dei vini e del territorio della Valpolicella, della tutela del marchio e della viticoltura nella zona di produzione dei vini Valpolicella, della vigilanza, salvaguardia e difesa della denominazione. L’area di produzione è molto ampia ed è riconducibile a tre zone distinte: la zona Classica, (Sant’Ambrogio di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Fumane, Marano e Negrar); la zona Valpantena, comprendente l’omonima valle; la zona DOC Valpolicella, con Verona, Illasi, Tramigna e Mezzane. Le varietà autoctone che danno vita ai vini delle denominazioni vini Valpolicella sono: Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. I vini della denominazione sono il Valpolicella doc, il Valpolicella Ripasso doc, l’Amarone della Valpolicella e il Recioto della Valpolicella entrambi docg.

(foto: www.tastingpanelmag.com

Letto 562 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti