Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Marketing > Back office

Back office

Una social media editor per il New York Times

di Filippo Ronco

MappaArticolo georeferenziato

Ecco la lettera che ci sogniamo, in entrambi i sensi.
E' la lettera che il New York Times ha inviato oggi alla sua Redazione per comunicare l'attribuzione a Jennifer Preston della qualifica di social media editor per il giornale. Una lettera che è al contempo una grande lezione di umiltà e consapevolezza (si noti il tono di chi sa di cosa sta parlando) al giornalismo del nuovo millennio. Non parliamo del nostro che in genere sta a guardare, quando è sveglio:

"One of the bracing things about this topsy-turvy media landscape is that you can wake up one morning and find yourself actually doing something you never thought you’d even think about. Take Jennifer Preston. In 25 years in the news biz, she’s been plenty of things: Reporter (cop shop, City Hall, Albany, etc.), editor (political editor, section editor, administrative editor, etc.) and even circulation marketing manager (at New York Newsday). But still, did she ever think she’d wake up one morning as “social media editor”?

No, she didn’t but yes, she did. That morning was this one.

Jennifer is our first social media editor. What’s that? It’s someone who concentrates full-time on expanding the use of social media networks and publishing platforms to improve New York Times journalism and deliver it to readers.

Think of Twitter. Did you know that The New York Times is No. 2 on the Twitterholic.com Top 100 Twitterholics based on Followers? (Behind Ashton Kutcher but ahead of Ellen DeGeneres.) Don’t care? OK, but the point is that an awful lot of people are finding our work not by coming to our homepage or looking at our newspaper but through alerts and recommendations from their friends and colleagues. So we ought to learn how to reach those people effectively and serve them well. At the same time, more of us are using social networks to find sources, contacts and information. Like this guy.

Jennifer will work closely with editors, reporters, bloggers and others to use social tools to find sources, track trends, and break news as well as to gather it. She will help us get comfortable with the techniques, share best practices and guide us on how to more effectively engage a larger share of the audience on sites like Twitter, Facebook, Youtube, Flickr, Digg, and beyond.

A big part of her job will be keeping everyone up to date with the rapid developments taking place on the social media front. She will work closely with social media whizzes in the newsroom and other departments, including Soraya Darabi in marketing, Jake Harris in software and Heather Moore in comment moderation, on how news feeds work and how best to be part of the online conversation. She will also work closely with Dawn Williamson, Derek Gottfrid and others involved in building our own social network, Times People, as we continue to use crowd-sourcing techniques to increase the reach and quality of our work. She will work with Craig Whitney and others to ask and answer the many tricky questions that arise in this context: What is the proper balance between personal and professional? What best practices should we adopt or adapt? How can we do the new stuff in a way that honors the old stuff? Etc.

In a significant way Jennifer will apply the collaborative techniques of social-networking to her own job, because of course we all need to figure this out together.

Jon"



Si noti la serietà e la convinzione con la quale viene affrontata la cosa, consapevoli di farlo con i piedi per terra e con la volontà di confrontarsi sul serio (non riesco a immaginare una tale lungimiranza qui da noi ma lo spero !). Il primo tweet di Jennifer su Twitter è stato il seguente: "Hi, I'm the NYT's new social media editor (il primo della storia a questo livello, nda). More details later. How should @nytimes be using twitter ?".

Non si poteva chiedere partenza più social di questa.

Ringrazio Luca, sempre sul pezzo, per questa bellissima testimonianza. Un'iniezione di grande fiducia nel futuro per tutti coloro che ogni giorno, nel loro piccolo, hanno deciso di fare della rete e dell'informazione trasparente e condivisa il proprio credo.

Letto 6064 voltePermalink[2] commenti

2 Commenti

Inserito da Gianpaolo Paglia

il 27 maggio 2009 alle 08:59
#1
Non resta altro che fare una cosa: imparare.

Inserito da Filippo Ronco

il 27 maggio 2009 alle 09:29
#2
Quando siamo passati dal nuovo al vecchio tgv avevo mandato una lunga (fors etroppo) lettera a tutti gli autori di TigullioVino (molti dei quali ancora molto lontanti dall'uso della rete in modo attivo) per spiegare la necessità di questo netto cambiamento volto alla condivisione, al mettersi in discussione, al confronto, alla massima trasparenza. Ma a leggere questa mi rendo conto di quanto veramente ci sia da imparare. Però mi gratifica pensare che nel mondo c'è qualcuno che lavora e ragiona così.

Ciao, Fil.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti