Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Quantocòsta Questokòbe, di Stefano Caffarri

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Food > L'astice è stopposo

L'astice è stopposo

Quantocòsta Questokòbe

di Stefano Caffarri

Dicono la crisi, ma per trovare posto per sei il sabato sera devo spazzolare la rubrica delle mie Tavole preferite, almeno tra quelle non troppo lontane. Poi un Oste particolarmente affabile mi dice "Glielo arrangio". Concordiamo l'orario, e andiamo.
Posto sconosciuto dunque: ma l'Oste è bravo, ci sa fare. I salumi non sono le solite controfigure di salume a cui siamo tristemente adusi, e la cantina riserva qualche sorpresina. Mi è appena arrivato il manzo Kobe, dice. All'interno della Minuta delle Vivande c'è anche un fogliazzo che spiega l'epopea del Manzo Supremo e segnala il prezzo: 20€ per il filetto e 18 per l'entrecote. Va bene a tutti, ordiniamo.

La carne è buonissima. Scottata sulla griglia ma al punto giusto di cottura, è morbida e burrosa, di una consistenza unica. Davvero un'esperienza. Chiamiamo il conto, e la cifra ci fa sprofondare in una sorpresa agghiacciante: 3 filetti 180€ e tre entrecote 140€. Chiamo l'oste e dico, deve esserci un errore, c'è uno zero in più. Lui controlla e dice Nonò, è tutto ok.

Lamento il prezzo e lui mi dice c'era scritto.
Mi mostra il fogliazzo: erano 20€ è vero, ma all'etto. Mi guardo con gli amici, nessuno aveva fatto caso alla pur visibile scritta "all'etto". Paghiamo, un po' scossi. Non ho cuore di piantare una grana: in effetti le informazioni c'erano e non ho di che lagnarmi. Poi ci ripenso e dico che forse sì. In effetti l'oste mi aveva detto che non si era attentato a sottolineare il prezzo delle pietanze, aveva paura di offenderci. Lo capisco: questa pruderie tutta italica nei confronti dei soldi è davvero curiosa.

Però di fronte alla richiesta di materie prime di particolare pregio ci sono almeno due indicazioni che vorrei condividere per eliminare le discussioni sul nascere, ed aiuterebbero un consumo consapevole:

1) dichiarare il prezzo, sottolineandolo. Se qualcuno ci avesse detto, avete visto che costa 20 euri l'etto? un filetto sono circa 3 etti, quindi aspettatevi 60 euri a porzione avremmo potuto a) cambiare idea (ed ecco il commerciante levantino che teme di perdere un affare b) acquistare lo stesso, ma in piena coscienza. E magari incoscienza...

2) pesare al tavolo. per un ingrediente che costa a peso 20 cents il grammo, 10 grammi fanno differenza. Vedere il prezzo schiaffato lì a occhio è un approccio peloso all'argomento. La pesata al tavolo, condivisa e approvata, è una scelta matura e serena. Di certo se ci fossimo resi conto che sei fette di carne costavano  "320 €" avremmo pensato che va bene l'esperienza mistica del Manzo Supremo, però va bene anche una bella Brunalpina.... almeno noi che i soldi costano il giusto.

Quindi: non temo di spendere se voglio spendere. Quando invece mi sento depauperato in forza di scarsa trasparenza, mi impermalosisco, pur con tutte le attenuanti generiche. Diteci cosa spenderemo, e spenderemo volontieri. Piazzateci la sòla, e non torneremo mai più. Semplice, no?

Letto 5495 voltePermalink[3] commenti

3 Commenti

Inserito da Filippo Ronco

il 23 luglio 2010 alle 13:00
#1
E' un po' quel che accade con il tartufo.
La pesata, oltre che scenograficamente apprezzabile, sarebbe senz'altro il metodo pi¨ efficace per unire correttezza d'informazione al cliente a cura del servizio. Per˛ se concretamente c'era scritto che il prezzo era all'etto pu˛ essere fuorviante parlare di s˛la. Fossi stato l'oste, avrei precisato il prezzo, all'etto, a voce, al momento dell'ordine. Anche a costo di risultare "provinciale" o di mostrare qualsiasi altra debolezza reale o presunta.

Facile a dire, meno a farsi.
Ho fatto il cameriere un po' di anni durante l'universitÓ. Quando mi chiedevano una bottiglia di vino molto costosa ho sempre avuto la tentazione di avvisare ma essendo il prezzo ben riportato a fianco al vino nella carta, mi sembrava tautologico e alla fine desistevo temendo, anch'io, di offendere in qualche modo la scelta fatta dall'avventore.


Fil.

Inserito da Davide Cocco

il 23 luglio 2010 alle 14:17
#2
Mah. ╚ la solita vecchia storia. "Scriviamo/diciamo il meno possibile, altrimenti il cliente si spaventa".
Facciamola finita con 'sta storia del popolo bue (mi si perdoni il gioco di parole).
Voglio capire cosa sto mangiando/bevendo e quanto costa. Poi decido.
Ciao.davide

Inserito da Natalia Mazzoli

il 23 luglio 2010 alle 14:38
#3
Mi permetto il mio primo commento...da operatrice(ha un agriturismo) e da cliente( amo uscire fuori a cena,compatibilmente.....)posso dire che:nonostante io apponga in fondo ad ogni mio men¨ a prezzo fisso(25 e 30 euro) che gli stessi sono BEVANDE ESCLUSE,moltissimi clienti,anche dopo un paio di bottiglie e altro,si presentano coi loro soldini puliti puliti in mano e al mio imbarazzatissimo:"Ma il prezzo Ŕ bevande escluse...."si stupiscono anche.....e via discorrendo su altre precisazioni sempre scritte,ergo:il cliente spesso non legge veramente il men¨ e io allora ,alla presentazione,lo "declamo" ad alta voce con nemmeno tanta indifferenza e un bel sorriso...non sempre serve,per˛!
Faccio notare che spesso consiglio e commento le scelte dei clienti anche in senso economico...ci prude a tutti la lingua parlare di soldi( e io non essendo nemmeno lontanamente una commerciante ho serie difficoltÓ),ma alla fine Ŕ molto bello lasciarsi con un sorriso,e un ...arrivederci...!il piccolo sforzo di onestÓ e chiarezza fatto dal ristoratore all'inizio del pranzo,Ŕ sempre ripagato(quasi......)
Concordo sulla pesata davanti al cliente,su certe cose ,se si hanno certi prodotti di nichhia,ci si comporta di conseguenza...

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Stefano Caffarri

Stefano Caffarri

 Sito web
 e-mail

"animula vagula blandula hospes comesque corporis"

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti