Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
A chi piace il nuovo sito Ais?, di Filippo Ronco

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Marketing > Back office

Back office

A chi piace il nuovo sito Ais?

di Filippo Ronco

Ora, non vorrei apparire eccessivamente iconoclasta ma il nuovo sito dell'Associazione Italiana Sommelier mi sembra davvero un parto infelice. Roba che il vecchio sito a confronto, oggi sembrerebbe un lavoro faraonico. Stando solo alla punta dell'iceberg, la parte visibile esternamente dal pubblico intendo, è abbastanza paradossale che la vetrina della principale associazione del vino in Italia, sulla rete, frutto di un lavoro che immagino sia stato coordinato se non almeno avallato dai vertici, si riduca ad un misero cms* preconfezionato con una grafica da webzine fine anni '90.

Ho provato ad addolcire la pillola ma non ci sono riuscito, sarà per colpa dello sguardo da addetto ai lavori, divento più intransigente e decisamente antipatico, me ne rendo conto :)

Cupo, grigio, con integrato un blog (per ora) vuoto di cui non si capisce bene l'utilità e con enormi ed evidenti lacune di ottimizzazione per i motori di ricerca (basti pensare alla completa mancanza di link sui titoli dei post della homepage per limitarsi al primo macroscopico problema rilevato), fa davvero strano pensare sia stato partorito durante la presidenza Maietta che fin dalle prime battute si era presentata come attenta lato comunicazione e portatrice di un completo rinnovamento dell'immagine e dello stile dell'Associazione anche e soprattutto in rete, luogo dove l'attuale presidente ha sempre giocato un ruolo discretamente attivo, anche nelle situazioni più delicate.

Sono certo che sia stato dedicato tempo e lavoro, sia da parte del committente che del fornitore, solo non riesco ad entusiasmarmi di fronte al risultato. Penso che oltre alla sostanza sia necessaria anche la forma a certi livelli. Più che altro dispiace perché non sembra il sito di una delle più importanti associazioni sul vino del mondo e non rende giustizia al ruolo che l'Ais gioca nella formazione a livello nazionale, pur con tutti i suoi limiti.


[*cms, dall'inglese content managing system, è un sistema per la gestione dei contenuti di un sito in modo dinamico].

Letto 6971 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Enzo Zappalà

il 16 settembre 2011 alle 08:06
#1
io non sono un esperto di internet e di realizzazione siti e quindi posso dire solo qualcosa dal punto di vista visivo e d'impatto. Il sito Ŕ estremamente banale, senza fantasia, senza niente che catalizzi l'interesse. Posso dirlo? Riflette perfettamente ci˛ che sta spesso dietro al mondo del vino parlato (come penso di avere espresso abbondantemente nei miei articoli): pressapochismo, poco amore per il vino ma molto per se stessi... E chi dirÓ che quello Ŕ lo stile giusto e sobrio che Ŕ necessario, sarÓ sicuramente uno dei miei tanto amati "tuttologi" del vino... Se ne contano a iosa!

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti