Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Travel > Strade del Vino

Strade del Vino

Strada del Gusto del Nord Sardegna

di Iole Piscolla

MappaArticolo georeferenziato

La Regione Sardegna si è recentemente adeguata al panorama nazionale delle Strade del Vino, introducendo percorsi enologici finalizzati alla valorizzazione dei vini Cannonau, Vermentino, Carignano, Nuragus, Malvasia e Vernaccia attraverso la rete di qualità di Strade del Vino individuate fra le Province di Cagliari, Nuoro, Sassari, Oristano, Olbia-Tempio, Ogliastra, Sulcis Iglesiente e Medio Campidano. Il progetto è attualmente in corso, ma una prima Strada è stata fatta a livello regionale, ovvero la Strada del Gusto Nord Sardegna, che insiste nel territorio della Provincia di Sassari e in parte in quello della Provincia di Olbia-Tempio.

Vini e prodotti tipici si incrociano in questo ampio areale fatto di vari percorsi.
Quali le Deneominazioni che ne sono alla base?
La Doc Vermentino di Sardegna e la Docg Vermentino di Gallura, da dove il vitigno Vermentino si è esteso in tutte le principali zone vinicole della Sardegna e dove continua oggi ad esprimere la sua massima personalità. La Doc Moscato di Sardegna (in Sardegna è diffuso da tempo immemorabile il "Moscato bianco") e la Doc Cannonau diffusa per ben il 20% di tutta la superficie vitata del territorio. La Doc Alghero Torbato (il vitigno a bacca bianca Torbato è presente in Sardegna solamente nella zona di Alghero, su una superficie di poco più di 90 ettari), la Doc Alghero Liquoroso rosso (ottenuta dal vitigno Cannonau, con uve passite al sole per 15-20 giorni su stuoie di canne) e la Doc Alghero Cagnulari, che nasce dal vitigno omonimo diffuso prevalentemente nel sassarese - 13% - e quasi assente nelle altre località vitate regionali.
Fra i liquori spicca il Mirto, che si presume originario del secolo scorso, quando veniva prodotto in modestissime quantità direttamente in ambito familiare.

Due le tipologie che caratterizzano questo liquore, diventato in pochi anni emblema della tradizione sarda, ovvero il Mirto rosso, ottenuto dall'infusione di bacche rosso-violacee, e il Mirto bianco, ottenuto dall'infusione di bacche bianco-giallognole, ovvero la varietà bianca dell'arbusto. Seguono per fama la Grappa di Cannonau, la Grappa di Vermentino e l'antichissima Aquavite.
I formaggi vedono sfilare la Dop Pecorino Sardo, la Dop Fiore Sardo, la Granglona, la Greviera di Ozieri, l'Ovinfort, il Pecorino di Nule, il Pecorino di Osilo, la Peretta vaccina. Mentre le carni hanno come specialità il Maialetto sardo (Porcheddu, Proheddu o Porceddu), il Prosciutto di pecora, la Salsiccia sarda, la Mustela o l'Agnello sardo.

Per quanto riguarda i dolci: Acciuleddhi, Aranzadas, Copulette, Formaggelle dolci, Piricchittos, Papassini, Seadas e Tiricche. Questi prodotti tipici, cui si aggiungono le varietà di pani (fra cui l'inconfondibile pane Carasau, la Spianata e il Pane di Olmedo), sono alla base della cucina regionale che ha nel pesce e in alcuni importanti secondi di carne la sua massima espressione.
Sulle tavole sarde si trovano, infatti, ancora la zuppa con pane zichi, la zuppa gallurese, la favata, la zuppa alla maddalenina, la pecora bollita, la cordula, l'aragosta alla castellanese, i pesci all'agliata.

Oltre agli itinerari che portano alla conoscenza di questi prodotti e pietanze ed alle escursioni naturalistiche presso le Riserve merita una visita il cuore storico di Sassari, centro medievale, ricco di chiese, palazzi privati e pubblici, relatà importanti come il cinquecentesco Palazzetto d'Usini o il Palazzo della Provincia, realizzato a fine Ottocento e al cui interno sono allestiti gli spazi per l'esposizione delle opere di molti artisti sardi, nonché un dipinto murale del catanese Giuseppe Sciuti. Di interesse anche la visita al centro minerario dismesso dell'Argentiera, a centri medievali come Castelsardo, fondato dai Doria o Alghero, di tradizioni catalane, o a monumenti come la basilica romana di San Gavino a Porto Torres.


Strada del Gusto del Nord Sardegna

Info: C/o Provincia di Sassari
Assessorato al Turismo e Attività produttive
Piazza d'Italia 31 07100 Sassari
Web : www.stradadelgusto.com

Letto 4609 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Iole Piscolla

Iole Piscolla


 e-mail

Iole Piscolla scrive da anni di turismo ed enogastronomia. E’ un tecnico di Strade del vino e da tre anni dirige il Centro Studi e Servizi alle...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area travel

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti