Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

LEFIOLE Azienda Agricola Piaggi Enzo

MappaDove siamo

LEFIOLE Azienda Agricola Piaggi Enzo
Casa Peroni 1 Montalto pavese (PV)
spacer
Telefono Telefono: 3394267567 (Silvia)
spacer
Indirizzo web Web: www.lefiole.com
spacer
Indirizzo Email E-mail: lefiolevini@gmail.com
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo

Siamo Elisa e Silvia Piaggi, Lefiole, un’espressione affettuosa che nella lingua oltrepadana indica le ragazze. Siamo cresciute a Montalto Pavese e, anche se oggi viviamo altrove, è tra queste colline che ci sentiamo a casa. Questo legame ci ha stimolato a fare qualcosa per il nostro territorio, per le sue tradizioni, per la storia di chi ha permesso a queste colline dalla bellezza struggente di resistere al passare del tempo.

Il 45° parallelo è una linea immaginaria che marca l’equidistanza dal Polo Nord e dell’Equatore, uno spartiacque fra il troppo freddo del Nord e il troppo caldo del Sud.

Il 45° parallelo è la latitudine ideale di tutti i grandi vini del mondo.

Non è una teoria campata in aria, tutt’altro: ne parlano Olivier Bernard e Thierry Dussard nel libro “La magie du 45e Parallèle: Latitude Idéale del Grands Vins du Monde”. Sul 45° parallelo c’è un territorio di circa 1.000 chilometri quadrati, di forma triangolare, delimitato su un lato dal fiume Po e incuneato fra 3 regioni; Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna: l’Oltrepò Pavese.

Dalla fusione dei nostri nomi nasce il pinot grigio Elivià. Il pinot nero Alené è invece dedicato ai nostri genitori, Angela e Enzo. La novità, il nostro Metodo Classico, è un tributo alla piccola Isabel.

Una mattina calda del 2016, una domenica di luglio, siamo state alla vecchia cascina di nonno Guglielmo. Ogni volta che torniamo a Montalto Pavese, dove vivono mamma e papà, non perdiamo l’occasione per andarci e curiosare fra gli oggetti appartenuti al nonno. Farlo ci fa rivivere la sua vita, una vita dedicata alle vigne e all’uva, che Guglielmo coltivava per conferire alle cantine sociali della zona. Lo stesso mestiere che continua a fare papà, con dedizione e amore per queste terre, che sono le nostre terre.

Quella domenica di luglio, nella cascina del nonno, abbiamo trovato una chiave. Quella chiave apriva un baule. Nel baule, insieme a vecchie lettere, documenti e fotografie, abbiamo trovato due bottiglie di vino avvolte nella carta velina. Due bottiglie di rosso del Boschetto, una piccola riserva che nonno e papà producevano per sé e per gli amici più cari, di due annate tutt’altro che casuali, 1978 e 1982. Non ci potevamo credere: nonno Guglielmo e papà Enzo avevano custodito una bottiglia del loro vino preferito per ciascuno dei nostri anni di nascita!

Abbiamo creato due vini. Lo abbiamo fatto con le uve che papà continua a coltivare e raccogliere, stagione dopo stagione, nei nostri 12 ettari di vigneto. Sono un pinot grigio e un pinot nero: Elivià e Alené, nomi che nascono dalla fusione dei nostri nomi e da quella dei nomi dei nostri genitori, Angela ed Enzo. Ci ha aiutato l’enologo Guido Beltrami, a cui abbiamo chiesto di coniugare l’esperienza del passato con le tecniche produttive moderne per ottenere dei vini che rispecchiassero al meglio le caratteristiche del territorio e la nostra personalità.

Per noi il vino è identità e condivisione: ci auguriamo che Elivià e Alené possano accompagnare i vostri momenti felici, raccontandovi la passione della nostra famiglia e il carattere di un territorio unico come l’Oltrepò Pavese.

 

Aprile 2022

 

L’Oltrepò Pavese è da sempre terra da vino. Un bel paesaggio caratterizzato da colline ricoperte di vigne. Se il Bonarda (Croatina), il Barbera, il Riesling Italico, il Sangue di Giuda e il Buttafuoco sono già noti, da alcuni decenni spicca all’attenzione di esperti e non, il Pinot Nero. Un vitigno che in Borgogna da origine a grandi vini che competono con i migliori del mondo. E proprio qui, ci sono oltre tremila ettari coltivati a Pinot Nero, che fanno dell’Oltrepò Pavese una piccola Borgogna. Da decenni, molte delle case spumantistiche italiane vi acquistano le uve di Pinot Nero per creare i loro spumanti. Nella mia ultima e recente visita in Oltrepò Pavese, ho avuto il piacere di assaggiare tre vini di una piccola azienda di Montalto Pavese, che rappresentano altrettante valide espressioni enoiche del territorio. 

Letto 125 voltePermalink

Degustazioni vino