Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

Ferrando Azienda Vitivinicola

MappaDove siamo

Ferrando Azienda Vitivinicola
Via Torino 599 A Ivrea (TO)
spacer
Telefono Telefono: 0125.641776
spacer
Indirizzo web Web: ferrandovini.it
spacer
Indirizzo Email E-mail: info@ferrandovini.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
Come si presenta l'azienda

L'azienda vitivinicola Ferrando, opera nel settore enologico dal lontano 1900.
In questi ultimi 30 anni ha rivolto il proprio impegno nella produzione dei vini del Canavese, in quanto ritiene che in questa regione siano locati alcuni fra i piu' prestigiosi vitigni del Piemonte.nbsp; La prima notizia dei vini del Canavese l'abbiamo dalle cronache dell'antica Roma: il console Terenzio Varrone, sconfitta la popolazione indigena, i Salassi, celebra la vittoria con una grandiosa bevuta dei vini locali.I coloni romani continuano la coltivazione della vite e vi trapiantano la propria tecnica, ramificando ad un metro da terra e sviluppando i tralci su pali o alberi, da cui deriva l'attuale quot;alteno canavesanoquot;(autin). Del periodo medioevale si hanno notizie tramite le testimonianze conservate negli archivi arcivescovili di Torino ed Ivrea e gli Statuti dei comuni di Ivrea e Caluso.

Questi dettano norme e sanzioni molto severe in materia di furti di uve e di pali dalle vigne.nbsp;A Caluso la viticoltura egrave; dunque storica.nbsp; Si puograve; affermare che, tra i vitigni della regione, essa ha un ruolo di grande importanza, sottolineato anche da Giovan Battista Croce in un suo libro fondamentale per la civiltagrave; enologica piemontese.Altre citazioni compaiono in libri del Conte Nuvolone (1799), del Gatta (1883), del Milano (1839) e di molti altri. Erbaluce egrave; un vino bianco secco: esiste in Piemonte prodotto in una limitata area canavesana da centinaia di anni.La duttilitagrave; di quest'uva egrave; notevole: oltre al bianco secco, se ne ricava un passito e piugrave; recentemente anche uno spumante
.
Egrave; vino di pronta beva, che richiama sentori di fiori di campo, delicato, fine; il suo aroma persiste intensamente.nbsp; Non egrave; da escludere la possibilitagrave; di un affinamento ulteriore nel tempo, ma tale pratica egrave; apparsa finora non necessaria, sia per la limitata dimensione produttiva dell'Erbaluce, sia perchegrave; gli amanti del vino maturo possono disporre del Passito di Caluso. Gli ettari di vigneto riconosciuti a Doc per l'Erbaluce sono circa 115 e se ne ricavano circa 500 mila bottiglie l'anno.

La grande qualitagrave; dei vini di Caluso deriva dalle condizioni ambientali particolari, sia climatiche che del terreno.Questo egrave; per la maggior parte collinare. Si tratta di dolci e lunghe colline di origine glaciale, dette morene, costituite da sabbia argillosa e ciotoli La terra dell'Erbaluce e il Canavese, un'area storica del Piemonte, che presenta fisionomia e dimensioni originali e interessanti. Pianure e colline caratterizzate da un clima particolarmente dolce, che ne favorigrave; in tutte le epoche un turismo di aristocratici e borghesi. Ne sono testimonianza i numerosi castelli residenziali.


Considerazioni di TigullioVino

Giugno 2002
Buoni i prodotti presentati da questa azienda, con punte di vero talento. Qualitagrave; (medio/alta - alta) in linea su tutta la campionatura, spiccano il Carema 1997 Etichetta Nera e il Passito. Azienda da seguire. Un poco di attenzione in piu' al rapporto qualitagrave; prezzo.


Letto 2391 voltePermalink

Degustazioni vino