Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







          
                      


          Le etichette di Aprile 2004



1) Azienda Agricola Cà Dell'Ora
Loc. Cà dell'Ora, 2 - 37011 Bardolino - Verona

Per molti è la zona d'origine più antica della viticoltura benacense, di certo è la zona d'origine più antica per la produzione del Bardolino Classico. Situata sulle pendici dei "monti" che sovrastano l'abitato di Bardolino, nella zona orientale del Lago di Garda, l'azienda si estende su una superficie di 6,5 ha coltivati a vite ed a olivo, il terreno di origine morenica è formato da detriti ciottolosi e limosi depositati dai ghiacciai durante il quaternario. Situata tra i vigneti sorge la cantina, interamente attrezzata per una gestione completa, dalla produzione al confezionamento. Il punto vendita, aperto tutto l'anno, accoglie il visitatore tra i più tipici paesaggi del Garda. Da quando nel 1994 l'azienda è divenuta di proprietà del sig. Jugert Frank, coadiuvato dal sig. Claudio Tambara, si è puntato al miglioramento della qualità dei prodotti, dall'ammodernamento dei vigneti che sono stati convertiti in agricoltura biologica.
Etichetta : Bagolaro Aura - Bianco delle Venezie IGT
Ottenuto da uve Chardonnay e Sauvignon Blanc, secco e di buona morbidezza, risente del clima temperato del Garda. E' un vino che si presenta cristallino, di color paglia, al naso le sensazioni spaziano dal vegetale al floreale. Fiori bianchi d'acacia e poi mela, pesca e ananas, di medio corpo con una fresca acidità e un buon fine bocca. Particolarmente adatto a crostacei, cozze e vongole, insalata tiepida di polpo, trota bianca saltata al burro con mandorle tostate, non disdegna l'abbinamento con erbe e verdure aromatiche anche abbinate a carni bianche delicate. Temperatura di servizio consigliata, 10°

2) Campagnola Giuseppe Spa
Via Agnella 9, 37020 Valgatara di Marano Valpolicella - Verona
Carlo Campagnola inizia l'attività vitivinicola nel 1886 e nel 1907 riceve il primo riconoscimento con una medaglia per il migliore "vino reccioto" alla II Mostra Campionaria Vini di Verona. Nel 1926 partecipa alla Mostra Esposizione Vini della Gran guardia di Verona ed acquista l'Antica Osteria Portoni Borsari al n° 61. Da quattro generazioni la famiglia Campagnola conduce l'azienda vinicola situata a Valgatara, centro del Valpolicella Classico, piccola frazione collinare del comune di Marano di Valpolicella. Luigi Campagnola collabora attivamente con oltre 50 viticoltori dei più vocati vigneti del comune di Marano di Valpolicella per una estensione di oltre 80 ettari.
Etichetta : Soave Doc Classico LE BINE
(Vigneti Monte Foscarino) Uve : Garganega 70% e Trebbiano 30% Caratteristiche : Colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Bouquet delicato. sapore asciutto, armonioso, tipico retrogusto di mandorla amara. Abbinamenti : Ideale come aperitivo, sugli antipasti, piatti leggeri, pesce. Servire ben fresco.

3) CASTELLO DI QUERCETO
50020 LUCOLENA - GREVE IN CHIANTI (FI)
Castello di Querceto, dal lontano 1897, è di proprietà della famiglia François, trasferita in Toscana nel corso del XVIII secolo. Di origine francese, la famiglia può contare fra i suoi componenti alcuni personaggi illustri come Giuseppe, valente matematico, e Alessandro, studioso di archeologia e scopritore di importanti opere etrusche fra le quali il celebre Vaso François, oggi conservato presso il Museo Archeologico di Firenze. Il Castello di Querceto ed i terreni che lo circondano sono luoghi carichi di storia e di suggestione, oggi, incorniciato com'è dal verde dei boschi e delle colline, protegge come un bene prezioso il patrimonio delle sue vigne e dei suoi oliveti. Le forme di allevamento utilizzate sono quelle tradizionali per il territorio del Chianti Classico e i vitigni utilizzati sono in maggioranza a bacca rossa e solo in piccola percentuale a bacca bianca. Tra le uve rosse primeggia, ovviamente, il Sangiovese a cui si affiancano numerosi altri tipi tra cui il Canaiolo nero, il Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc, il Syrah, il Colorino, il Merlot, il Mammolo, il Ciliegiolo e la Malvasia nera. Tra i vitigni a bacca bianca si hanno quelli tradizionali: Malvasia del Chianti e Trebbiano toscano, affiancati dallo Chardonnay.
Etichetta : Cignale - Colli della Toscana Centrale IGT
Uvaggio: Cabernet Sauvignon 90%, Merlot 10% Nome del vigneto: Rabatte -Ponticini Alcool: circa 13% Colore: rosso rubino molto intenso Profumo: elegante e complesso Gusto: armonico, morbido, profondo, lungo e ben strutturato Abbinamenti: carni rosse e selvaggina Temperatura di servizio: 18°/20°C Stappare almeno due ore prima di servirlo.

4) Cantina d'Isera
Via al Ponte, 1 - Isera (Trento)
Nel 1907, quando il Trentino era ancora sotto l'impero Asburgico, nasceva da Isera l'omonima Cantina Sociale. Nata per volontà dei viticoltori locali, la Cantina d'Isera, raccoglieva già allora le uve pregiate delle sue colline, prime fra tutte quelle di Marzemino. "Il buon vino nasce in campagna": questa una delle massime alle quali la Cantina d'Isera si attiene con fermezza. Tutto è seguito e controllato rigorosamente, al fine di ottenere una produzione viticola sana e di alta qualità. Il monito "la qualità non accetta compromessi" rappresenta per la Cantina d'Isera un imperativo e la garanzia di poter assaporare, apprezzare e amare i vini creati dalla passione dell'uomo e dalla generosità della sua terra. Nel "Don Giovanni" Mozart ha innalzato al Marzemino, quintessenza dei piaceri della tavola, un monumento musicale in una Vienna dove alla corte imperiale questo vino era considerato tra i più pregiati. Il Marzemino della Cantina d'Isera è l'opera di un'arte di vinificazione dalla così ricca tradizione centenaria, da consentire anche oggi agli amanti del buon vino - come a suo tempo Don Giovanni - di brindare esclamando "Eccellente Marzemino!".
Etichetta : Costa Felisa - Valdadige Schiava Doc
Questo vino si ottiene dai vitigni Schiava Grigia e Schiava Gentile. Il colore è rubino chiaro, il profumo è fruttato e piacevolmente composito, il gusto secco, armonico e leggero. Piacevole come aperitivo, è un vino estremamente versatile negli abbinamenti gastronomici, si unisce idealmente agli spuntini veloci, ai primi piatti ed ad ogni pietanza non piccante o impegnativa. Servire ad una temperatura di circa 12°C.

5) Paladin & Paladin srl
Via Postumia-12, 30020 Annone Veneto (VE)

I vini Paladin nascono da terreni tenaci, da uomini che hanno nel cuore la capacita' di saper ascoltare la natura, da lunghe esperienze e da grandi passioni. Con questo impegno L'azienda Paladin vuol essere buona ambasciatrice del territorio e della produzione del vino italiano. L'azienda si trova nella zona conosciuta come Veneto Orientale, proprio al confine tra Veneto e Friuli, dove le due culture regionali si sono incontrate e fuse. Qui, lungo l'antico tracciato della strada consolare Postumia, sulle argille calcaree formatesi durante l'ultima glaciazione ad opera del fiume Tagliamento, sono stati posti a dimora i vigneti, adottando le più moderne tecniche viticole. L'azienda venne chiamata "Bosco del Merlo", nome che risulta nelle carte topografiche in memoria delle foreste di roveri che anticamente ricoprivano il territorio. Gradualmente, i vecchi vigneti presenti nel podere vennero sostituiti con impianti di concezione moderna, che consentivano di ottenere uve di grandissima qualita'. Nasceva allora una proficua collaborazione, attiva ancor oggi, con l'Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano.
Etichetta : Vineargenti delle Venezie IGT Rosso
Uve: Cabernet e Refosco dal Peduncolo Rosso prodotte nei vigneti di proprieta', Colore: Rosso rubino intenso con riflessi granati dopo lungo invecchiamento, Profumo: Intenso, fruttato, speziato, con sentori di tabacco e cioccolato, Sapore: Vino muscoloso, pieno, ma elegantemente vellutato, Abbinamento: Accompagna superbamente carni rosse e formaggi stagionati.