Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







          
                      


          Le etichette di Novembre 2004



1) Vini Principe Pallavicini
Cantina Via Casilina km 25,500 00030 Colonna (RM)
Etichetta : Malvasia Lazio Igt
Etichetta : Cesanese Lazio Igt

Le Tenute Principe Pallavicini sono presenti nelle zone più vocate alla viticoltura nel Lazio: dalla storica Tenuta di Colonna, dove hanno sede il Centro Aziendale, le Cantine e le grotte di invecchiamento, alla Tenuta di Cerveteri, un terroir dal grande avvenire per la produzione di vini rossi pregiati. La natura dei terreni, un clima ideale, tecniche colturali attente e rispettose della biologia della vite, sommate alla passione delle persone che vi operano, hanno fatto sì che i vini Principe Pallavicini si pongano, oggi, in una posizione di avanguardia in una regione dal grande futuro enologico. Il continuo sforzo di recupero e di valorizzazione dei vitigni autoctoni e l'introduzione di varietà particolarmente adatte a produzioni di qualità, nonché un'attenta vinificazione ed un affinamento curato dei vini, hanno caratterizzato in questi ultimi anni l'opera della Principe Pallavicini. I vini provengono da antichi vigneti di famiglia particolarmente vocati alla coltivazione di varietà autoctone ed internazionali. Grazie alla profonda conoscenza del territorio sono stati individuati i vigneti migliori e le uve raccolte, dopo un'attenta attività di ricerca e di sperimentazione condotte sul campo e in cantina, regalano vini sempre più raffinati e godibili, di spiccata personalità.
Tirso - Sangiovese IGT del Lazio
Sangiovese dal colore rosso rubino intenso, profumo floreale fruttato,gusto equilibrato ed avvolgente.
La Giara - Malvasia Puntinata IGT Lazio Vino ottenuto dalla vinificazione in purezza, si connota come un prodotto di grande personalità.

2) Azienda Agrobiologia Maurizio Rocchi
Strada Poggio della Ginestra, 2 01017 - Tuscania (VT)
Etichetta : Mercurio Bianco Lazio Igt 2003
Etichetta : Petra Rosato Lazio Igt 2003
Etichetta :
Rosso del Lupo Lazio Igt 2003
L'azienda agrobiologica Maurizio Rocchi pratica un'agricoltura organica dal 1990. E' la prima realtà del genere, in ordine di tempo, nella provincia di Viterbo. Estesa per circa 33 ettari ed orientata verso la costa tirrenica, si trova a 5 km dalla città di Tuscania. Le uve bianche che compongono il "vino d'artista Mercurio" sono per il 50% Malvasia di Candia e per il 50% Trebbiano Toscano. Le uve da cui si ottiene il vino rosso d'artista "Rosso del Lupo" sono per il 20% Barbera e per l'80% Sangiovese. Dalla vendemmia 2000 è entrato in produzione un rosato denominato "Petra".

Azienda Vincola Rosa del Golfo di Calò Lina e Damiano s.a.s.
Sede di Produzione Via Garibaldi, 56 - 73011 Alezio (LE)
Etichetta : Portulano Rosso del Salento Vdt 1985
Etichetta : Bolina Verdeca del Salento Vdt 1987

L'azienda Calò nasce circa due secoli fa nel Salento, dove Leopoldo Calò possiede un piccolo podere a vite e ulivi. E' però suo nipote Giuseppe, alla fine degli anni '30 ad iniziare la commercializzazione e la distribuzione dei suoi vini aprendo una filiale ad Albizzate, presso Varese. Nel 1963, fa l'ingresso in azienda suo figlio Mino e con lui nasce il Rosa del Golfo, un rosato del Salento che diviene subito così famoso da identificarsi con l'azienda, che dal 1988 assume lo stesso nome.
I vini Rosa del Golfo affondano le loro antiche radici nella tradizione della Terra d'Otranto, quel lembo estremo di Puglia che è la penisola salentina: un territorio collinare argilloso-calcareo, con le tipiche placche di terra rossa, ricca di ferro, con un clima temperato, ideale per la vite e ulivo. La varietà dei vitigni sono il Negroamaro e il Malvasia Nera Leccese tipiche salentine, la prima che conferisce corpo e carattere, la seconda morbidezza e aromi, coltivate nelle aree più vocate alla viticoltura: Alezio, Sannicola, Campi Salentino, Salice Salentino, Veglie e Parabita. Per un ben determinato vino è fondamentale il territorio ed il vignaiolo e questa è la filosofi di questa azienda salentina che ha contribuito alla valorizzazione dei vini pugliesi.
Portulano - Rosso del Salento IGT
Il Portulano prende il nome da un'antica popolazione campana insediatasi nel luogo nel 1200, così detti poichè nelle loro mansioni vi era quella più importante di guardiani del vicino porto di Gallipoli. Ma è anche un nome di mare: ricorda le antiche carte di navigazione che indicavano i porti e gli approdi. Colore: rosso rubino carico con riflessi granati. Profumo: profumo ampio, persistente, con ricordi di sottobosco, nocciola e mandorla. Gusto: ben strutturato morbido e armonico di buona stoffa. Gradazione alcolica: 13°. Tempertaura di servizio: a 18°, stappando almeno un quarto d'ora prima. Abbinamenti gastronomici: carni rosse, cacciagione di piuma, formaggi a pasta pressata e stagionati.
Bolina - Verdesca del Salento - IGT
Colore: giallo paglierino con riflessi verdolini. Profumo: profumo fresco, delicato, piacevolmente fruttato con sentori di mela ranetta. Gusto: equilibrato, gentile, di buona eleganza. Temperatura di servizio: a 10°, stappando al momento. Gradazione alcolica: 11.5° - 12.5°. Abbinamenti gastronomici: frutti di mare, crostacei, pesci lessati con salse leggere.