Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







          
                      


          Le etichette di Ottobre 2006
1) Azienda Agricola MAGNÁS di Visintin Andrea e Luciano
Via Corona, 47 Cormons (GO)


L'azienda agricola Magnàs di Visintin Andrea e Luciano, nasce e si sviluppa a partire dei primi anni '70 dalla passione e il rispetto per la terra. E' così che in località Boatina si concretizza il desiderio di Luciano di dare un' impronta personale e una realtà aziendale del tutto nuova facendo tesoro dell'esperienza centenaria di una famiglia da sempre legata all'agricoltura; Magnàs, infatti, non è sicuramente storia recente. E' il soprannome che da molte generazioni viene attribuito a questo ramo della famiglia Visintin e testimonia lealtà, orgoglio, correttezza, dignità e spirito di sacrificio propri di altri tempi. Grazie ad essi e ad inevitabili rinunce, in poco più di un trentennio si è potuto allargare la proprietà in zone agricole denominate DOC ISONZO DEL FRIULI da sempre designate alla coltura della vite dalle quali si ottengono vini prestigiosi.

Chardonnay
Caratteristiche organolettiche: bianco di grande struttura, con gradazione elevata e buona acidità; fine ed elegante con profumi che ricordano la mela, fiori d'acacia e banana. Invecchiato si evolve nel bouquet piacevolissimo in cui si ricorda l'artemisia. Abbinamento: Vino da aperitivo, adatto ad una vasta gamma di antipasti magri, minestre, piatti a base di pesce. Quanto alla cucina locale può essere abbinato a vari risotti alle erbe specie se con gli asparagi selvatici, insalata di granchio, cappelunghe, insalata di polpo con patate lesse e prezzemolo. Temperatura di servizio: 10° - 12°.


2) Primosic
Località Madonnina d'Oslavia 3 34170 - Oslavia (GO)


La storia dell'Azienda Primosic affonda le sue radici nell'Ottocento con il nome di Carlo Primosic che, sul finire del secolo, riforniva del suo vino commercianti che trasportavano il prezioso prodotto dalle colline del sud dell'Impero austro-ungarico nella capitale, Vienna. Superati i traumi storici di due guerre mondiali nella prima metà del Novecento, il Collio rifiorisce. Rinasce anche l'Azienda Primosic che nel 1956 produce il primo imbottigliamento in proprio. La rifondazione si deve a Silvestro Primosic che ancora oggi si dedica con la passione di sempre al programma di sviluppo dei vigneti, elaborato nell'ottica della massima attenzione al territorio e, in particolare, alla valorizzazione delle specie autoctone. Nel 1979 l'Azienda Primosic costituisce la nuova cantina che è tuttora sede aziendale. Nel 1989 prende avvio il programma legato alle selezioni di qualità che porta alla nascita di quei vini prestigiosi che già nei nomi (il Klin o la serie Gmajne) riecheggiano l'antica tradizione orale e le storiche definizioni degli appezzamenti di terra destinati alle uve Primosic.
Dell'attuale filosofia aziendale è massima espressione l'accurata selezione all'interno delle varietà dei vini che possono esprimere compiutamente l'unicità della loro origine come Ribolla gialla di Oslavia, Murno - Chardonnay, Gmajne - Sauvignon blanc, Belvedere - Tocai Friulano, Klin - Collio bianco, Metamorfosis - Collio rosso riserva.
Oggi in azienda, Silvestro Primosic è affincato dai figli.
Boris Primosic si occupa della parte amministrativa e della cantina. Marko Primosic gestisce la pianificazione dell'attività della cantina e segue il settore commerciale.

"Gmajne" Chardonnay - Collio d.o.c. Friuli Venezia Giulia
Caraterristiche organolettiche: Colore giallo paglierino con sfumature dorate. Gradazione piuttosto elevata. Buona acidità fissa. Profumo fruttato, intenso, complesso, con note di frutta esotica e vaniglia. A maturazione l'aroma ricorda la crosta di pane e la frutta secca. Gradazione alcolica: 13,90% vol. Temperatura di servizio: 10-14°C.


3) Azienda Agricola Ricchi di Claudio e Gian Carlo Stefanoni
Str. Festoni, 13/d Monzambano (MN)


L'Azienda Ricchi è situata al centro dello splendido scenario delle colline moreniche mantovane di dolce e accattivante bellezza, a due passi dal lago di Garda. Il fondo è stato acquistato nel 1930 dal signor Stefanoni Enrico. Il territorio all'epoca si presentava arido e la mancanza della possibilità di irrigare e le scarse precipitazioni determinano un raccolto molto povero. Il signor Enrico rinunciò alle coltivazioni tradizionali cerealicole ed iniziò a coltivare la vite. Anno dopo anno, grazie soprattutto alla collaborazione del figlio Vittorio, si aggiungevano sempre più piantine e man mano si incrementava sia dal punto di vista della produzione sia strutturale. L'azienda tuttora è a conduzione familiare gestita dai f.lli Stefanoni Claudio e Gian Carlo che hanno seguito con la stessa passione e amore per la vite le orme prima del nonno e poi del padre.
La filosofia dell'azienda consiste nel consolidare ciò che è stato raggiunto in questo ultimi anni puntando sempre più sulla qualità dei prodotti. Ecco perché le numerose innovazioni introdotte, dall' ammodernamento delle attrezzature e delle strutture di cantina alla sperimentazione di nuove tecniche di vinificazione e di conduzione dei vigneti. Questo nuovo stile di lavoro e di grande fiducia nelle potenzialità del territorio hanno permesso di inserire accanto ai vini della tradizione una serie di vini innovativi che hanno aperto nuove strade conquistando spazi di mercato non solo locale.

GARDA CABERNET DOC
Caratteristiche organolettiche: Colore: rosso rubino carico con riflessi granati Profumo: vinoso, caratteristico, erbaceo Sapore: corposo, asciutto, lievemente tannico Gradazione alcolica: 12% Abbinamenti: Primi piatti quali pasticci, zuppe di selvaggina, carni alla griglia, allo spiedo, al forno,in umido, selvaggina a piuma e a pelo, formaggi a pasta pressata Temperatura di servizio: 18-20°.


4) Venica & Venica di Gianni e Giorgio Venica
Località Cerò n.8 34070 Dolegna del Collio (GO)


Venica & Venica nasce settant'anni fa con il nonno Daniele che il 6 febbraio 1930 acquista il corpo centrale dell'azienda Venica, la casa colonica con le vigne circostanti. Gianni, Giorgio e Giampaolo Venica sono vignaioli autoctoni che stimano e s'impegnano a far esaltare le proprie tradizioni con continua ricerca ed innovazione. Senza dubbio il terreno ed il clima sono i due fattori primari che determinano la riconoscibilità di questi vini. I terreni del Collio sono costituiti da marne ed arenarie stratificate d'origine oceanica, note con il nome di "Ponka", portate in superficie in epoca remota dal sollevamento dei fondali dell'Adriatico, come testimonia il frequente ritrovamento di fossili marini. Queste formazioni rocciose si disgregano facilmente sotto l'azione degli agenti atmosferici, originando degli elementi grossolani che si evolvono in un terreno dapprima granuloso ed infine minuto che, si trasforma in un substrato ideale per la viticoltura.
La cerchia delle Prealpi Giulie costituisce un riparo dai venti freddi di settentrione e la prossimità della costa adriatica, che dista circa una ventina di chilometri, contribuisce a moderare le escursioni termiche, favorendo la persistenza di un microclima mite e temperato. Ma la vicinanza del mare determina anche un singolare fenomeno di riflessione dei raggi solari, assai importante per la viticoltura, producendo un effetto di doppia insolazione del quale si avvantaggiano i versanti esposti ad est e ad ovest.

Sauvignon Ronco delle Mele doc
Vigneto: Ronco delle Mele Anno impianto: 1984 Sistema di allevamento: doppio capovolto Vinificazione: criomacerazione a 7°C, pressatura soffice, decantazione statica e fermentazione in vasca Imbottigliamento: 7 mesi dalla vendemmia Bottiglie prodotte: 18.000.


5) Azienda Agricola Le Caniette di Vagnoni G. e L. s.s.
Contrada Canali, 23 63038 Ripatransone (AP)


"Le Caniette" che significa "giovane canneto" è il nome di una zona nel territorio di Ripatransone, "Città del Vino", terra delle DOC Rosso Piceno, Falerio dei colli ascolani e Offida. Una terra esposta particolarmente bene al sole e raggiunta appena dalla brezza marina, vocata per il convergere di molti elementi favorevoli alla produzione di un vino dalla personalità intensa. "Le Caniette" è anche il nome della nostra azienda, la cui famiglia coltiva qui la vite per tradizione e per il buon bere da circa quattro secoli! Poi con l'ingresso in azienda di Giovanni e Luigi, figli di Raffaele, la tecnologia si è unita alla tradizione, rafforzandola. I vini prodotti hanno raggiunto un livello assai elevato.
Il Rosso Piceno Le Caniette è oggi fortemente riconoscibile anche all'interno della sua zona DOC; ma non solo, si produce ora anche un'eccellente riserva citata in tutte le guide nazionali ed internazionali.

ROSSO BELLO - Rosso Piceno doc
Ripatransone, molti lo sanno, è la patria di Ascanio Condivi, allievo e primo biografo di Michelangelo, attraverso la cui testimonianza, la più preziosa e diretta, possiamo ricostruire la vita e l'arte del maestro. E' naturale quindi che Ripatransone abbia un legame intenso con la memoria di Michelangelo. Il grande artista indicava il suo rosso più brillante con un nome nato dalla sua fantasia, "Rosso Bello" Lo stesso nome ora indica il Rosso Piceno giovane Le Caniette, intenso e brillante come quel "Rosso Bello" che il maestro usava nel cinquecento, non molto prima che la famiglia Vagnoni umilmente iniziasse a produrre quel vino Vitigni: 50% Sangiovese - 50% Montepulciano Affinamento: breve passaggio in barrique e affinamento di 3 mesi in bottiglia minimo.