Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, alessandria, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, camera di commercio di genova, carlo ravanello, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, onav, ovada, ovada docg, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Tasting di 10 annate del vino du Prufessu Giovanni Rebora

di Virgilio Pronzati

U Prufessu, Giovanni Rebora è stato un grande genovese. Professore di Storia economica e di Storia agraria medievale e direttore del dipartimento di Storia moderna e contemporanea dell’Università di Genova, nel settore era considerato tra i maggiori esperti di livello internazionale. Chi ha avuto il piacere di conoscerlo, si è reso subito conto della sua straordinaria cultura, sincerità e onestà intellettuale. Fondamentali le sue opere sulla gastronomia. Essendo genovese, Rebora ha esplorato, descrivendola al meglio, la cucina genovese e ligure. Si sa che parlando di mangiare, non si può non parlare di vino.  Rebora sul vino, aveva le stesse considerazioni fatte per i piatti. Ossia genuini, sapidi, profumati, di deciso sapore ma di buona armonia.  Tra i tanti vini che Rebora amava, il Barbera d’’Asti Doc di Franco Roero di Montegrosso d’Asti, comune cru dell’astigiano. A farglielo conoscere e apprezzarlo, Lorenzo Tablino, grande amico e enologo di vaglia. Ma ad arrivare al Barbera d’Asti Doc Il Professore, ci ha pensato Federico, figlio dell’indimenticato Giovanni...
Letto 1371 volteLeggi tutto[0] commenti

Brunello? Sempre Benvenuto

di Virgilio Pronzati

Montalcino e il Brunello   Quasi alla fine dell’Ottocento, da una felice intuizione del garibaldino Ferruccio Biondi Santi, nacque il Brunello di Montalcino. Un vino divenuto mito, che oggi occupa le posizioni di vertice nel mondo del vino. Da quella bottiglia datata 1888, una pietra miliare del vino toscano, sono seguiti i tempi duri e bui, prima della fillossera e poi quelli ancor più nefasti del periodo bellico. Per merito d’alcuni produttori come i Santi e i Colombini, il vino locale, iniziò il lento ma graduale riscatto che condusse Montalcino all’attuale prosperità. Un esempio (tra i pochi al mondo) di come l’agricoltura può dare un reddito anche maggiore dell’industria, ma con effetti sull’uomo e sugli ambienti indubbiamente migliori. E’stato il primo dei Docg toscani ad esserne insignito. Da alcuni decenni, per la sua elevata qualità che ne ha creato un’esclusiva immagine, legandola saldamente al territorio e l’opera fattiva del suo Consorzio, il Brunello di Montalcino ha ottenuto innumerevoli riconoscimenti internazionali, che ne fa oggi uno dei pochi grandi vini di fascia alta...
Letto 1563 volteLeggi tutto[0] commenti

Montepulciano: Il Nobile

di Virgilio Pronzati

“Montepulciano d’ogni vino è Re”.  Così lo definisce Francesco Redi nel ditirambo della sua opera Bacco in Toscana.  Una delle tante citazioni e lodi fatte secoli fa da illustri personaggi storici.  Ampio e ricco in suo bagaglio storico sul vino. Più che meritato il suo inserimento tra le prime Doc nazionali. Non solo. Nel 1980 il Vino Nobile di Montepulciano è la prima Docg d’Italia a essere immessa in commercio con le prime fascette statali. Quest’anno il Vino Nobile di Montepulciano ha festeggiato il suo 52° anniversario. Questa cittadina è un museo a cielo aperto, che unisce l’economia derivata dal turismo con quella del vino. Naturale quindi che Montepulciano ospiti da anni una delle maggiori manifestazioni internazionali legate al suo storico vino.   Quest’edizione di Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano ha richiamato oltre 250 giornalisti provenienti da vari Paesi del mondo.  Evento di caratura internazionale promosso dal Consorzio di tutela del vino omonimo, costituito nel 1965 col sostegno di Enti e Istituzioni, che...
Letto 1494 volteLeggi tutto[0] commenti

Il Chianti? Un Classico

di Virgilio Pronzati

Venticinquesimo appuntamento col Gallo Nero alla Leopolda di Firenze. Un quinto di secolo fatto di decine di migliaia di bottiglie di Chianti Classico degustate, incontri con i produttori e lo straordinario territorio chiantigiano. Un evento internazionale irrinunciabile per giornalisti ed esperti del settore.  Lo scorso 12 e 13 febbraio, Firenze è stata meta della stampa specializzata e non (oltre 250 giornalisti provenienti dai cinque continenti), buyer, operatori del settore e enoappassionati. Un’unica e grande “collezione” di Chianti Classico che comprende quasi la totalità dei produttori. Infatti, ben 659 etichette presenti per oltre 9000 bottiglie di 190 produttori, serviti da cinquanta sommelier. Nonché oltre 1.800 operatori italiani e stranieri che operano nel settore.   L’anteprima 2018 ha riservato gradite sorprese. Nel 2017 l’andamento climatico primaverile influenzato da escursioni termiche e piogge, è poi migliorato, dando periodi soleggiati e temperatura soprala media. Nei mesi di settembre e ottobre le giornate calde e notti fresche, hanno portando uve sane e giustamente mature alla...
Letto 2218 volteLeggi tutto[0] commenti

2018: Anteprima Vernaccia di San Gimignano

di Virgilio Pronzati

Festeggiato il cinquantesimo  anniversario due anni fa, il Vernaccia di San Gimignano approda alla tredicesima anteprima.  Prima di passare agli assaggi, alcune note su questo storico vino. <.…bacia, morde, lecca e picca e punge>.  Così descrisse la Vernaccia Michelangelo Buonarroti il Giovane, ne “L’Aione” edito nel 1643.  Un giudizio che, umanizzando il vino, gli si addice. Non fu il solo. Lo precedette nel 1541 Sante Lancerio bottigliere di Sua Santità Paolo III, elogiandone le qualità.  Lo stesso il Redi nel suo Ditirambo. La fama del Vernaccia di San Gimignano ha almeno cinque secoli. Pochi altri vini possiedono un così ricco bagaglio storico. Già nel 1276 il commercio della Vernaccia prosperava.  In certi documenti di quell’epoca, per la precisione gli “Ordinamenti della Gabella del Comune di San Gimignano” si parla dell’imposizione di una tassa di “tre soldi per ogni soma di Vernaccia fuori Comune” e dell’istituzione di un registro dei Provveditori o Pesatori...
Letto 1722 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti