Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







         
                     


          Il vino del mese - Febbraio 2002

  
           Segnala questo articolo ad un amico


          Corvina della Pieve 2000
          Cà Montini - Fraz. San Floriano, San Pietro in Cariano (VR)

          Uno dei segnali della vivacitÓ imprenditoriale che sta attraversando in questi 
          ultimi anni la Valpolicella non Ŕ dato solo dal sorgere ex-novo di cantine e 
          aziende vinicole la' dove - fino a ieri o quasi - si trovavano semplici agricoltori 
          o conferitori d'uva, ma anche dalla presenza sul territorio di gruppi attivi - fino 
          a ieri, o quasi, appunto - in altri settori. Oppure giÓ presenti nel ramo, come si 
          dice, ma non particolarmente noti al cosiddetto "pubblico delle guide". 

          Uno di questi Ŕ il Gruppo Pizzolo, un insieme di aziende che si raccoglie sotto 
          il "cappello" della famiglia Pizzolo, il cui impegno nel settore agroalimentare 
          spazia dalla mangimistica ai surgelati passando per la gastronomia pronta e 
          il vino. A proposito di quest'ultimo, l'ultimo scorcio dell'anno ha visto il 
          debutto di una nuova Igt, la "Corvina della Pieve" 2000, ultima nata (con la 
          consulenza del prof. Leonardo Valenti) di Ca' Montini, un'azienda di 
          S.Floriano (fraz. di S.Pietro in Cariano, Vr) di proprietÓ dei Pizzolo, produttrice 
          di vini d'alta gamma destinati alla ristorazione e ai negozi specializzati e 
          grazie alla quale i titolari intendono perseguire una politica di marca. 

          "Corvina della Pieve" 2000 Ŕ vino da monovitigno, l'autoctona corvina, 
          forse il pi¨ rappresentativo della zona, base dei rossi pi¨ celebri del 
          veronese (Amarone, Valpolicella e Recioto, per capirci). 
          Nasce da uve collinari, in vigneti piantati a pergola trentina e spalliera 
          con una densitÓ d'impianto di 355 ceppi per ettaro, un'etÓ media di 15 anni 
          e una resa per ettaro di 55 quintali. 
          Dopo la raccolta manuale e una pigiadiraspatura soffice, le uve hanno 
          subito una breve macerazione, quindi dopo la fermentazione il vino Ŕ stato 
          messo in legno per 10 mesi e quindi in bottiglia per altri quattro. 

          Il risultato Ŕ interessante senza eccessi di sorta: colore rubino non troppo 
          carico, lucido e brillante, unghia violacea. 
          Il profumo Ŕ fin da subito di accattivante dolcezza, s'impongono note di piccoli 
          frutti rossi caramellosi, fragola e lampone, confettura di ciliegia, il legno si 
          avverte sullo sfondo (e ritorna all'assaggio). In bocca si presenta caldo, 
          setoso, morbido e con un finale pulito, anche se un po' troppo fuggevole 
          per essere un vino da 13,5 gradi alcol e quasi 30 gr. di estratto secco totale. 
          Nel complesso un prodotto elegante e armonico, gentile come l'uva da 
          cui prende origine, da buon pasto delle feste; da gustarsi senza fretta 
          e troppi pensieri.

 
          Elisabetta Tosi