Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







         
                     


          Il vino del mese - Maggio 2006


           Segnala questo articolo ad un amico
Piave Doc Chardonnay 2003
Azienda Agricola Barollo
Via Rio Serva, 4b - 31022 Preganziol (TV)
Telefono e Fax : 0422.633014
Web : www.barollo.com E-mail : info@barollo.com
Alcol : 14 - Bottiglia : 0,75 l - Vitigni : Chardonnay


Immaginate di aprire bottega e di ottenere l'anno seguente il Mercurio d'oro. Oppure di debuttare in una recita scolastica e di essere scritturati subito dopo da un regista premio Oscar. Non c'è dubbio, chi ben comincia è a metà dell'opera. Ma non pensiate che sia (solo) questione di fortuna. In un concorso enologico internazionale c'entra molto (soprattutto) la sostanza, cioè il vino presentato. Quella dei fratelli Marco e Nicola Barollo è la storia di un'azienda giovanissima, frutto di una passione per la terra, la vite e il vino inculcata ai due ragazzi dal padre Alfredo.

Laureato in scienze politiche Marco, in economia e commercio Nicola, "niente pregiudizi, niente preconcetti, solo il desiderio di raggiungere il nostro obiettivo primario: uno standard qualitativo elevatissimo e il posizionamento dei vini che portano il nostro cognome ai primi posti nelle classifiche mondiali - spiegano oggi - Una passione coltivata negli anni, continuamente nutrita da nostro padre, impegnato nel mondo del vino da quasi 50 anni come intermediario, ma mai come diretto produttore". L'avventura cominciò nel 2001, con l'acquisto di un appezzamento di terreno - circa 28 ettari - posto a pochi km da Venezia, lungo il Terraglio. Dopo essersi subito occupati della conversione e dell'adattamento dei vigneti alle tecniche d'allevamento più consone al luogo e in linea con le attuali conoscenze agronomiche, già nel 2002 vinificano il primo raccolto, assistiti nel loro impegno da un team di consulenti - agronomi ed enologi come Giancarlo Vettorello,Mauro Nosi, Mario Barbieri e Carlo Corino - di prim'ordine, nei quali le competenze tecnico-scientifiche non sono disgiunte da una profonda conoscenza del territorio e delle sue tradizione. I vitigni coltivati sono quelli della Doc Piave: chardonnay, merlot, cabernet, pinot grigio.

E proprio con lo Chardonnay i fratelli Barollo hanno fatto bingo, conquistando l'oro al concorso più importante per questa tipologia: lo "Chardonnay du Monde" 2006, ottenuto nella patria di questo vitigno, la Francia. In effetti il loro vino è la fotografia di uno chardonnay da manuale: colore paglierino intenso e lucido con riflessi dorati, ha profumi di frutta esotica (banana matura, ananas) e fiori bianchi, seguiti da note di vaniglia, cioccolato bianco, e un che di liquirizia e tostatura. Al gusto è elegante, pieno, con sentori di pera bianca, pasticceria (focaccia) e un retrolfatto lungo e persistente, morbido ma non stucchevole. Un vino dalle ambizioni internazionali ma con meno muscolarità e più finezza, penalizzato solo da un prezzo un po' gravoso per le attuali capacità di spesa.
Prezzo enoteca: 15-16 E

Voto di TigullioVino.it (da 1 a 5 chiocciole) : @@@


Elisabetta Tosi