Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Travel

Si aprono le fosse! È l’ora del formaggio che riemerge dal tufo!

di Luigi Bellucci

A Santa Caterina un rito che celebra la sapienza della tradizione!
Un nobile prodotto che, come il tartufo, matura nel sottosuolo.
Il primo degli eventi che annuncia l’avvento del tartufo bianco nelle Marche, ossia la Mostra mercato del Tartufo-Festival dell’Alogastronomia di Apecchio, ha rappresentato l’occasione per celebrare un altro ineguagliabile tesoro che, come il prezioso fungo ipogeo, matura nel sottosuolo: il formaggio di fossa!
La manifestazione di Apecchio ha idealmente lanciato la volata ad un vero e proprio “rito” che sta per ripetersi tra qualche settimana: l’apertura delle fosse!
Il “formaggio di fossa” deve il suo nome all’antica usanza di stagionare le for-me di cacio in cavità di tufo ed è tipico del territorio ricompreso tra le vallate del Rubicone e del Marecchia, fra Romagna e Marche.
E pensare che a cavallo tra il 1200 ed il 1300, l’infossamento nasceva dall’esigenza di nascondere il cibo dalle scorribande e dai saccheggi, molto frequenti nel periodo medioevale.
Ad Apecchio il formaggio di fossa, spesso definito “da meditazione” al pari dei vini importanti, si è presentato in tutta la sua tempra di prodotto a Denominazione d’Origine, con la possibilità per i “food trotters” di degustarlo in inediti abbinamenti con il tartufo bianco ed anche con le pregiate birre artigianali che caratterizzano la vivace realtà produttiva di Apecchio.
A svelare tutte le caratteristiche di questo esclusivo prodotto, che riposa a 4/5 metri di profondità in sacchi di cotone bianco, Paolo Cesaretti, brand manager della Cooperlat Tre Valli, intervistato da Gioacchino Bonsignore, Caporedattore del TG 5 e curatore della rubrica “Gusto”. Interessante l’interpretazione che gli chef Roberto Dormicchi (alias Triglia di Bosco) e Luca Facchini (Accademia di Tipicità) hanno dato del favoloso abbinamento, con la proposta di un invitante “fondente di patate e porro con vellutata di fossa e tartufo nero”.
Appuntamento da non perdere! La riapertura delle fosse, naturalmente! Rima-ste chiuse per circa tre mesi, si riaprono nel mese di Novembre sprigionando una nuvola di penetranti profumi. La tradizione vuole che questo “rito” debba compiersi il 25 novembre, nel giorno di Santa Caterina.
INFO: 0734.225237; segreteria@tipicita.it; www.tipicitaexperience.it

Letto 366 volteLeggi tutto[0] commenti
Pubblicità Risorse Interagisci

 feed rss area travel

Articoli correlati: Area Travel

  • Tipicità 25: Un lustro di lustri...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 19 maggio 2017 alle 19:12

     Il 2016 è passato da 62 giorni. È stato un anno che, come sempre, ha portato gioie ad alcuni e dolori ad altri, ha portato nascite da una parte e ha portato lutti dall’altra. Quando ho ricevuto l’invito a partecipare a questa venticinquesima edizione mi sono commosso perché Angelo Serri è una persona speciale e perché...

    letto [1411] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Vino in Villa: Fratelli Bortolin, Ca' di...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 20 dicembre 2016 alle 17:40

    Fratelli Bortolin Lascio la piacevole compagnia di Stefano, Elisabetta e dei due colleghi dell’est per spostarmi verso Santo Stefano di Valdobbiadene, dove mi aspetta la visita a Fratelli Bortolin. Diego è in cantina mentre Andrea sta raccogliendo gli altri ospiti per la visita, in giro per il territorio. Iniziamo la visita con Diego, enologo come il fratello....

    letto [2306] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Vino in Villa e il Prosecco Superiore:...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 30 ottobre 2016 alle 15:46

    Spagnol Col del Sas A casa Spagnol arriviamo accolti da Loreta, la mamma di Marco. Dopo qualche minuto arriva anche lui e insieme a una collega giornalista cinese, che viene da Hong Kong, iniziamo la chiacchierata sull’azienda e sulla storia della famiglia. Faremo in seguito gli assaggi dei vini e la visita ai vigneti e all’azienda. La famiglia collabora al...

    letto [1566] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Invecchiando si migliora: a Serrapetrona...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 26 aprile 2016 alle 19:26

    Sabato 7 novembre 2015 Serrapetrona e le sue meraviglie La giornata è stupenda. Sembra una di quelle mattine fresche e luminose del mese di maggio, con l’aria pulita e gli uccelli che cinguettano. Il viaggiatore attento si accorge della stagione solo dai colori della natura, che non sono più verdi ma quasi tutti rossicci e marroni, con sfumature di...

    letto [6574] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Tipicità in blu: Ancona dal mare...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 27 febbraio 2016 alle 17:59

    La luce filtra timidamente dalle tende. Apro il pesante telo oscurante e vedo il cielo ancora velato da una cappa biancastra di umidità appoggiata sulla Cattedrale di San Ciriaco e sullo Spirito Ellenico ormeggiato in porto sotto di noi, la nave della Aneklines che arriva da Xana. Guardo il mare pensoso e una leggera commozione mi prende nel ricordo che proprio oggi,...

    letto [2786] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Invecchiando si migliora: la Ribona e...
    Luigi Bellucci in Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 02 febbraio 2016 alle 12:17

    Ribona Fontezoppa in verticale Alberto passa la parola a Giovanni Basso, enologo di Fontezoppa, per la conduzione della verticale del Colli Maceratesi Ribona DOC. Il vitigno Ribona è un Maceratino, presente nella provincia di Macerata su circa 100 ettari. Il grappolo ha acini grandi e buccia sottile e il vino ha un’elevata espressione minerale. È un...

    letto [5170] volteLeggi tutto[0] commenti