Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità

Golosità pugliesi al Vitturin 1860

di Virgilio Pronzati

Recco è sicuramente uno dei migliori esempi della laboriosità, tenacia e spirito imprenditoriale della gente ligure. Completamente distrutta dalla guerra (seconda dopo Montecassino) e privata delle comunicazioni viarie con i paesi vicini, Recco ha saputo risorgere e costruirsi nel tempo una solida economia basata su prodotti dell’artigianato e in gran parte sulla ristorazione, tanto da divenire l’attuale capitale gastronomica della Liguria. Dalle semplici locande e chioschi nella metà dell’Ottocento, si è passati alle trattorie ad inizio del Novecento e,  a buoni ristoranti già negli anni ’70-80. Solare cittadina di poco meno di 10 mila abitanti, Recco può vantare  ben tre ristoranti ultracentenari tra cui il Vitturin  1860. 

 

Era appunto quell’anno che Caterina Crovetto e il marito Gianbattista Badaracco antenati degli attuali patron, iniziarono un'avventura lunga sei generazioni. Nel 1961 fu la figlia Rita, assieme al marito Lino Squarzati, ad aprire una nuova trattoria dal grande forno a legna, dove i clienti potevano osservare tutte le fasi di preparazione della sempre più apprezzata focaccia di Recco. Negli anni Venti, l'osteria fu ribattezzata “Vitturin”, dal soprannome di Vittorio Carbone, che nel 1915 aveva sposato la nipote di Caterina e Gianbattista. Sotto il pergolato durante l'estate, Vitturin e la moglie servivano agli ospiti i ripieni e le torte fatte con le melanzane e le zucche del proprio orto, focaccia al formaggio, torta pasqualina e di riso.

 

Dal forno arrivavano anche i profumi della carne e del pesce alla brace, che si mescolavano alla fragranza delle ricette a base di pesto, verdure e salsa di noci. Rita si dimostrò un’imprenditrice dal grande intuito e lungimiranza quando nel 1975 trasferì l’attività sul lato opposto della strada in un locale per i tempi e dotato di tutti i confort. Fu Rita a imporre una netta separazione tra le sale e la cucina, quest’ultima allestita al piano inferiore e comunicante con la sala principale tramite una ruota passa vivande che accelerava il servizio mantenendo calde e fragranti le vivande.  La ruota è tutt’ora utilizzata. Nel corso degli anni Vitturin ha sempre accresciuto il prestigio della propria cucina, arricchita di specialità sempre nuove, come la 'pizzata', la focaccia con salsa di pomodoro che Vitturin è stato tra i primi a proporre, così come la focaccia di Recco col pesto alla genovese.

 

Oggi alla guida del ristorante Vitturin c’è Giambattista Squarzati coadiuvato dalla moglie Laura, che porta avanti una tradizione iniziata ben 168 anni fa, frutto del lavoro di sei generazioni.  Un locale dallo stile moderno ma accogliente, luminoso e confortevole, dove oltre ai classici piatti liguri, trovano posto altri rivisitati ed innovativi, realizzati dallo chef Cesare Ronco con prodotti di qualità e stagionali.  Un’ ampia carrellata di golosità derivate da freschissimo pescato, tagli pregiati di carni ovine e bovine, ghiotti funghi porcini e ovoli, tartufi d’Albe e irrinunciabili dolci, il tutto abbinato a selezionati vini da scegliere da una ricca carta.  
In occasione 
della quarantatreesima edizione delle Serate Gastronomiche Recchesi, dedicate a Gianni Carbone, tutti i ristoranti del consorzio hanno proposto, oltre che i propri piatti, le ghiottonerie delle cucine da strada siciliana, pugliese e abruzzese, e le specialità agroalimentari dei Presidi Slow Food e i Mercati della Terra. Vitturin nella serata del 21 marzo ha proposto il meglio della cucina pugliese. 

 

Dopo l’aperitivo Rosita,  polpette di pane con acciughe, antipasto di mare con zucchine ripiene di palamita, cozze arraganate (con pane grattugiato e cotte al forno), alici marinate alla pugliese, pane tradizionale dell’Alta Murgia. Intermezzo con l’irrinunciabile focaccia di Recco col formaggio IGP, seguita  da un classico della cucina di strada pugliese: Cono di bombette pugliesi con pane tradizionale dell’Alta Murgia e verdure alla piastra. Cosa sono le bombette? Fettine di capocollo fresco farcite con salume stagionato, canestrato, sale e pepe, unite con un spiedo di legno e cotte su una griglia con carbone di legna.  Appena cotte, sono servite in un cono come le caldarroste. Dolce, sporcamuss: millefoglie alla crema pasticcera e zafferano. Il tutto a 35 euro e sposato a buoni vini bianchi e rossi pugliesi.  Non solo. Ad ogni cliente è stato dato in dono un calice da degustazione con inciso il bozzetto della prima edizione del 1976.   

 

Nella foto: Le bombette pugliesi

Letto 1947 volteLeggi tutto[0] commenti

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • Genova Wine Festival 2019
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 07 aprile 2019 alle 19:53

    Lo storico Palazzo Ducale, fiore all’occhiello della città, per due giorni è stato teatro di un evento enoico di rilievo nazionale. Nel fastoso e suggestivo Salone del Maggior Consiglio, oltre il meglio dell’enologia ligure, c’era una selezionata gamma di pregiati vini nazionali prodotti da cinquantuno aziende, provenienti da undici regioni. In...

    letto [1649] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il Controcenone del Piatto di Nettuno al...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 26 marzo 2019 alle 01:23

    Guglielmina Costi Monaci creatrice e presidente dell’Associazione Piatto di Nettuno, per l’ edizione 2019 del Controcenone si è superata. L’ormai nota iniziativa per mantenere la salute a tavola ed il piacere della convivialità e dell’’amicizia, quest’anno si è tenuta nello splendido salone dell’esclusivo Circolo...

    letto [1966] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Quarta edizione di Grandi Langhe
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 05 marzo 2019 alle 17:25

    Alba, teatro di eventi enoici di livello internazionale. Un ruolo di rango, meritatamente acquisito da lungo tempo. L’ennesimo esempio, Grandi Langhe, giunto con successo alla quinta edizione.  Una due-giorni, il 28 e 29  gennaio scorso, dedicato ai grandi vini dell’Albese, che ha convogliato al Palazzo Mostre e Congressi di Piazza Medford, oltre 600...

    letto [1577] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Due giorni a Mangiacinema: Culatello e...
    Luigi Bellucci su Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 30 gennaio 2019 alle 20:01

     La mattina di domenica 30 settembre ci trova a colazione al buffet del Baistrocchi, nel salone al primo piano. Anche oggi il sole si sta alzando nel cielo limpido e scalda l’aria creando una lieve brezza che ti accarezza il viso piacevolmente. Facciamo i turisti girando a piedi per i parchi di questa bella cittadina parmense tra ville storiche e antichi alberghi...

    letto [537] volteLeggi tutto[0] commenti
  • La buona farinata da Franz & Co
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 24 gennaio 2019 alle 19:33

    La farinata o meglio a fainâ, per i zeneixi non è solo una ghiottoneria ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta con farina di ceci, acqua, olio d’oliva e sale, cotta nel forno a legna e, appena tolta dal forno, condita con un pizzico di pepe nero. Le sue origini affondano le radici in un lontano...

    letto [2566] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Agripizzeria Priano
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 19 gennaio 2019 alle 12:08

    La storia della pizza è certamente antica ma incerta. Le origini del nome "pizza" risalgono al latino volgare di Gaeta nel 997 e in un contratto di locazione con data sul retro 31 gennaio 1201 a Sulmona,  ed in seguito in quello di altre città italiane del centro Italia. Nel XVI secolo a Napoli, ad un pane schiacciato venne dato il nome di pizza...

    letto [4144] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it