« Nord Italia a piedi | Main | Duemilavini, colpito e affondato ! »

Rebuilding Vinix

idee.gif

Molti di voi si saranno già accorti della nascita del nuovo Vinix, il motore di ricerca per l'operatore Wine & Food, un database che comprende tutte le maggiori figure professionali del mondo del vino e del cibo (aziende vinicole, ristoranti, enoteche, agenti, import-export, giornalisti enogastronomici, wine & food blogger). E' nuovissimo ma vorrei immediatamente ampliare, con il vostro aiuto, il progetto iniziale. Come ?

Vorrei creare una specie di "Social Network" - il Gambero mi passi l'usurpazione del termine - del vino e del cibo in cui tutti i professionisti, ma anche i non professionisti, possano interagire ed avere a disposizione servizi realmente utili alle specifiche esigenze, tutto più o meno gratis. E' così che, per ogni categoria, vorrei andare ad integrare specifici strumenti per aumentare l'utilità e la produttività di quello spazio. Al momento ho in testa tre idee principali sulle quali sono disposto ad investire economicamente ma vorrei da voi altri suggerimenti, magari specifici per ogni categoria.

L'evoluzione che avrei in mente, nel medio periodo prevede almeno 3 tipi di interventi :

1) rendere disponibile una nuova sezione dedicata alle offerte di acquisto ed alle offerte di vendita italiane ed internazionali, soprattutto rivolta alle aziende vinicole ma anche all'area dedicata ad agenti, distributori e importatori. Questa nuova funzionalità potremmo anche pensarla per tutte le categorie, aspetto i vostri suggerimenti.

2) rendere disponibile il sito in almeno un'altra lingua (inglese) per aprire ai mercati esteri. Ho pensato anche ad implementare più di due lingue ma non so, forse potrebbe complicare anziché snellire la fruibilità del servizio ?

3) Aggiungere un campo obbligatorio per tutti gli utenti che si registrano a Vinix, che preveda l'indicazione del nome utente skype e la possibilità di aggiungere o chiamare il contatto (qualsiasi contatto che abbia fornito il dato), direttamente dalla piattaforma vinix.


Sarebbero estremamente utili idee ulteriori, suggerimenti, consigli per migliorare questa piattaforma che vorrei davvero costruire insieme a tutti voi per renderla specchio fedele delle concrete esigenze manifestate da chi poi si troverà ad utilizzarla per lavoro e non l'ennesima trovata fine a sé stessa. I suggerimenti possono essere inseriti direttamente qui come commento o inviati per email a : vinix@vinix.it


Grazie a tutti coloro che vorranno collaborare.

TrackBack

Qui sotto, la lista ai Blog che si riferiscono a : Rebuilding Vinix:

» Latito ma son qui dietro le quinte from TigullioVino.it Weblog Network
Su usenet si dice "lurkare", guardare e non toccare o giù di lì. Già, in questi giorni sto latitando ma sono qui dietro le quinte a godermi lo spettacolo. Il fatto è che alle consuete attività di gestione del piccolo... [Read More]

Commenti

Non credo che usurpi nulla parlando di Social Network, non penso proprio l'abbia inventato il Gambero. Tra l'altro Social Network è anche abbastanza tautologico. Difficilmente si potrebbe concepire un Individual Network :-) Al di là della riflessione lessicale, è chiaro che un Social Network è tale solo se c'è partecipazione reale da parte degli attori del settore. Vinix è una bella idea, potrebbe attechire bene tra giornalisti, blogger. La vedo già più dura tra rappresentanti, enologi e produttori. Conoscendo la loro mentalità credo che per loro sarà più che altro un ottimo punto di visibilità su Internet perché Vinix, come mi hai fatto notare, tu è veramente indicizzato benissimo da Google.

L'obbligatorietà del campo skype non mi piace molto. Io, per esempio, non lo uso. Sono un amante del telefono e continuo ad usare quello, anche perché passo buona parte del mio tempo in auto.

@ Fra
Il campo non è obbligatorio ma facoltativo.

Ciao Filippo,
vorrei cercare di aiutarti con qualche consiglio, ma la verità è che non saprei proprio come fare. In realtà sono piuttosto pessimista sulla reale, utilità della rete in questo momento e nel nostro contesto italiano, come punto di incontro di operatori. La verità mi sembra che la maggior parte degli agenti non abbia stimoli a cercare più informazioni sulle aziende, che le aziende siano molto riluttanti ad usare la rete persino per la comunicazione, lasciamo stare il cercare gli agenti o i distributori. Sì, una rubrica di indirizzi e informazioni può esseres senz'altro utile, ma francamente non ne vedo uno sviluppo a breve. Forse è solo questione di larghezza della banda (un mio cruccio come ben sai). Magari potendo un giorno avere a disposizione banda illimitata sarà possibile mettere dentro un tipo di informazione che non necessariamente trovi sull'elenco del telefono o sulle guide dei vini.
Le vere potenzialità della rete sono, io credo, piuttosto tra l'incontro degli operatori (leggi produttori in questo caso) e il pubblico finale, il quale mi sembra in generale più interessato ed aperto a conoscere di più. Forse a causa di un approccio più libero e gaudente, e meno cinico e smaliziato rispetto alle altre figure che si occupano di vino in modo professionale.

Un altro commento che mi viene da fare, filippo. Sei sicuro che ti convenga limitare l'affisione dell'email solo a chi fa una inserzione a pagamento? E' vero che la presenza dell'email conviene a chi è nel data base, ma sopratutto conviene a chi lo usa per ricerca, che magari potrebbe sentirsi scoraggiato dal contattare una decina di contatti in via preliminare solo col tel e il fax. Chiaro che più è utile un database, più è frequentato, più è utile fare pubblicità.

@ Gianpaolo
Sono ben conscio dello stato attuale di arretratezza in cui versa il settore vino rispetto all'utilizzo della rete internet. Io continuo a crederci e a lavorare perché la situazione migliori. So che di strumenti ce ne sono a iosa, la differenza qui è che c'è qualcuno dietro che ha voglia di spiegarti come fare ad utilizzarlo.

Facciamo così. Se fossimo in una società globale della rete dove tutti la utilizzano al meglio, cosa vorresti che facesse per te (o poter fare con) Vinix ?

@ Gianpaolo
Hai perfettamente ragione. Diciamo che era una fase di testing quella con cui siamo usciti alla quale volevamo immediatamente integrare le indicazioni provenienti da chi lo strumento lo deve usare per lavoro o diletto. Ti dirò che abbiamo fatto di più. Da pochi minuti infatti, oltre ad uscire anche la mail per tutte le registrazioni free, abbiamo implementato una funzione speciale per poter pubblicare anche il profilo skype e la possibilità di aggiungerlo ai propri contatti (arriverà una mail a tutti gli iscritti a vinix nel pomeriggio di oggi per informarli).

Questa funzione va oltre poiché, prevedendo il profilo skype la visualizzazione del link del sit, offre già di suo un dato che sarebbe disponibile solo con la versione a pagamento. L'abbiamo fatto per invogliare a scaricare skype e ad utilizzarlo anche con questa piattaforma perché crediamo moltissimo in skype e nella sua filosofia.

Il vero valore aggiunto della registrazione a pagamento in effetti, non è tanto il link o la mail bensì la scheda tecnica dettagliata che, dai primi riscontri, abbiamo notato ricevere un'indicizzazione eccezionale su Google anche dopo pochi giorni dalla pubblicazione.

Prova per esempio a digitare su Google : Elisabetta Tosi, Giampiero Nadali, Filippo Ronco, Carlo Odello, o altre aziende vinicole internet a vinix con piano a pagamento. Vedrai che 9 volte su 10 compaiono dopo solo 1-2 settimane, nella prima pagina di google.

@Filippo
Grazie, dal testo mi pareva che ci fosse l'intenzione di renderlo obbligatorio.

Per quanto riguarda i motori di ricerca, onestamente io credo che questo possa interessare solo coloro i quali non sono già visibili tramite i loro siti (ad esempio, Nadali e Tosi, sono già visibilissimi, se si cerca il loro nome).
Credo, invece, che bisognerebbe più che altro puntare al brand che il circuito potrebbe acquisire, se tutto procede bene. Le ricerche su come si muovono i navigatori, infatti, attestano che per un brand forte, spesso saltano il motore e ci vanno direttamente o usano il motore cercando il brand.
Questo potrebbe significare che se Vinix diventasse importante, la gente andrebbe direttamente sul sito o lo cercherebbe tramite Google. Come alcuni esperimenti stanno dimostrando con siti come Pagine Bianche o Ebay (per gli acquisti) siano utilizzati con precedenza rispetto ai motori, quando si cerca un'azienda o che si va su google non a cercare l'azienda ma a cercare Pagine Bianche per poi cercare l'azienda lì. Sì, lo so, può sembrare strana, ma lo stiamo verificando in laboratorio, utenti sotto controllo stretto. Essere su Vinix, quindi, non dovrebbe essere un fatto di visibilità sui motori di ricerca, ma essere visibili su una comunità dal brand forte (se l'avrà).

my 2 cents

Filippo, ho deciso di passare al piano PRO.
Mi fa piacere quello che hai detto, cioè che dietro c'e' qualcuno che ha voglia di fare qualcosa. E questo già fa la differenza.

@ Fra
Due note sulla questione dell'indicizzazione, correggimi se sbaglio perché il guru qui sei tu, non io. Da un lato ho maturato negli anni la convinzione che tù is mel che uàn e cioè che comparire su Google con più pagine è meglio che comparire con una, questo per tutta una serie di ragioni che è inutile approfondire in questa sede. Per quanto riguarda gli esempi, erano volti a mettere in evidenza un aspetto tecnico. Sono d'accordo che in concreto l'utilità di essere indicizzati bene due volte con lo stesso nome non porta due visitatori diversi, ma dimostra, se non altro, che anche su keyword competitive (già ben indicizzate) il motore riesce a piazzarsi bene.
Quanto al consolidamento del brand, ci vuole tempo. Una cosa è evidente però, abbiamo ottenuto più in 1 mese (dal restyling ad oggi) che in 4 anni di abbandono semitotale. Appena abbiamo cominciato a lavorarci duro insomma, si sono visti subito i risultati. Come detto, ribadisco, l'intenzione è di investirci ulteriore tempo e denaro, voglio partire prima dalla struttura per poi lavorare sulla promozione in un secondo tempo. Come tu mi insegni se un prodotto funziona bene, fa più il buzz che mille stratagemmi.

@ Gianpaolo
Intanto - è un po' che volevo dirtelo - ogni volta che leggo il tuo nome mi viene in mente la lezione di scuola in prima elementare quando dissi sottovoce "scema" alla maestra che non mi voleva rispiegare la regola mp nb. Sfortunatamente mi sentì e furono acidissimi cazzi.

Per il piano Pro mi fa piacere avere il tuo sostegno, un segnale di fumo nella steppa desolata. Insisto però nel capire cosa ti piacerebbe fare con / facesse per te Vinix.

Al momento sto lavorando su una sezione che dovrebbe divenire il fulcro ti attività e scambio, una sorta di bacheca virtuale dove tizio contatta caio per proporre questo o quello. L'ho messa giu' grezza ed è in realtà molto più complessa ma l'idea è quellalì.

@Filippo
Sì, Sì, scusa forse non sono stato chiaro. Per chi si occupa di visibilità, come me ed anche te, è chiaro che più pagine ti mostrano, meglio è (nota che non uso "motori di ricerca", "link", "Link Popularity", poi magari un giorno ti spiego perché).
Il punto è, però, che io è te siamo una minoranza quasi invisibile.
Quello che intendevo dire è che tu presentando i vantaggi al produttore/operatore/sommelier/ecc. non dovresti puntare al discorso "motori" che tanto non capirebbe o se capisse, ti risponderebbe (per certi versi a ragione), che col suo nome già c'è.
Dovresti puntare, invece, al fatto che sarebbe presente in un brand forte (ed ovviamente dimostrare, come stai facendo, di lavorare perché lo diventi) ha molti vantaggi.
Parlavo in sostanza del tuo modo di porti a lui, non di ciò che è giusto o no per noi "tecnici" dei motori.

Se io dovessi vendere Vinix ad un produttore, ecco cosa direi...
=================
Il Censis nel 2005 ha stabilito che 10 milioni di Italiani hanno scelto Internet per scegliere. Hanno comprato nei negozi, ma scelto su Internet.

Una ricerca che sarà presentata a dicembre, ha dimostrato che spesso gli Italiani per cercare un'azienda non digitano il suo nome sui motori di ricerca, ma su ques'ultimi digitano Pagine Bianche o altri brand forti di questo tipo. Quando arrivano su quei siti, poi lì cercano l'azienda.
Quale sia il motivo, non è chiaro. Però è un fatto che lo facciano.

Lei, vuol esserci lì?
====================

Non so se mi sono spiegato, Filippo. Il punto veramente positivo per il produttore di vino, se tu lavorerai bene, è che Vinix sarà il Pagine Bianche del vino. Per inciso, le cose dette nel mio esempio, sono vere.

@Gianpaolo
Quello che credo Filippo voglia esprimere ed io ho le sue stesse curiosità in merito, Gianpaolo, è che uno come te, un produttore amico, più che l'iscrizione, comunque benvenuta, conterebbe sapere le necessità.

Dato che Vinix è fatto per i produttori, ha come oggetto i produttori, mostra produttori, ha bisogno dei produttori, sapere cosa può essere utile ad un produttore è la cosa più importante. Offrendo quanto chiede, altri produttori troveranno ciò che interessa loro e si iscriverenno, rendendo più forte il brand Vinix, a tutto vantaggio del primo produttore stesso. Non dare per scontato che chi mette in piedi una simile piattaforma sappia già cosa ti può servire. Il tuo consiglio, quindi, è prezioso.

Che ti piacerebbe avere, in sostanza, da una simile piattaforma? Dai, osa. Chiedi. Magari alcune delle cose che chiederai, si potranno fare.

Però, a questo punto, forse sarebbe meglio lasciar perdere chat/blog/forum. Meglio una bella telefonata (anche se io me ne perderò i contenuti).

Parlato al telefono con Filippo Ronco poco fa.
Come ho detto a lui io penso che l'unico vero valore aggiunto per un azienda agricola stia nel trovare delle forme di rapporto nuove col pubblico, col consumatore. Io credo che internet dia sopratutto questa possibilità, cioè quella di avere un rapporto diretto e non mediato con il cliente, quello che alla fine beve il vino. Gli altri attori della filiera, gli agenti, i rappresentanti, hanno meno interesse in questo tipo di sviluppo, perché il loro rapporto con le aziende è già, o dovebbe essere, più diretto, con più occasioni di incontro durante le fiere, le degustazioni, incontri di lavoro.
Io quindi mi scervellerei a dare qualche interesse a frequentare vinix al pubblico, mediante informazioni, links, possibilità ad accedere ad offerte riservate a chi si iscrive, possibilità di incontro in azienda. Insomma dare la possibilità al visitatore di "portare" a casa qualcosa di interessante, o dal punto di vista materiale o di utilità.
Non è un granché come contributo, ma non credo che nessuno abbia le idee chiare sull'argomento, o sbaglio?
PS
Gianpaolo tutto attaccato non sarebbe corretto, ma è così che è scritto sulla CI.

@Gianpaolo
Beh, intanto le tue indicazioni mi paiono già un buon punto di partenza. Se il consumatore iscrivendosi sa che avrà qualche vantaggio dal rapporto diretto col produttore (fossero anche solo informazioni), sarà invogliato ad iscriversi. Il fatto che ci siano molti consumatori, invoglia i produttori. E così via.
Prendi mia madre. Parte da Basilea per venire a La Morra a comprare il Barolo con coupon. Compra il vino oggi, lo viene a prendere tra vari anni.
Sicuramente lei è una che potrebbe trovare interesse ad avere informazioni da un piccolo gruppo di produttori di La Morra che fossero su Vinix. Poi magari ci viene lo stesso a fare un giro, ma partirebbe con una base di informazioni già in partenza.
Ovviamente si tratta solo di un esempio. Vale per tutte le altre zone.

@ Fra e Gianpaolo
Dunque, vediamo di andare più nello specifico. Mentre sto delineando con più chiarezza, un po' con il vostro aiuto, un po' per i fatti miei, le linee portanti della struttura dell'area "Social" che sarà un punto di :

- annunci
- ricerca informazioni e consigli
- instaurazione di relazioni

vediamo di capire come migliorare quello che già c'è. L'area - chiamiamola "descrittiva" dedicata alle aziende vinicole, ristoranti, enoteche, giornalisti, agenti, ecc. i piani "free" e "pro" in pratica.

Al momento offrono due tipi di visualizzazione basati su una minore o una maggiore visibilità.

Fermandoci alle iscrizioni "pro", quelle da un centinaio di euro annuali, quali dati oltre quelli esistenti potrebbero essere utili e fondamentali anche per il consumatore ?

Nel frattempo sto strutturando in queste schede, la disponibilità di nuove funzioni integrate con l'area "Social". Per fare un esempio, sarà possibile per esempio vedere quali persone o operatori conosce tizio o conosce caio per fare in modo di sfruttarli per sviluppare a nostra volta nuovi contatti (una specie di "linkedin" semplificato).

Lo stesso avverà con i - chiamaiamoli "tasks" - attivi per ciascun registrato (gratis o a pagamento).

Andiamo avanti.
Altri suggerimenti ?
Grazie infinite per l'aiuto, è prezioso.

Posta un tuo commento

TigullioVino.it - Cultura del Vino & Comunicazione
Web : www.tigulliovino.it
E-mail : info@tigulliovino.it