« Massimo Bernardi torna a bloggare | Main | L'estrema fatica, Vinix 2.0 è online »

Wi-Max una speranza concreta per le zone agricole

wi_max_ville.gif

Pensavo di filare via liscio verso il 2007 lasciandovi il lungo post precedente sulla ricostruzione degli ultimi 8-10 anni di web del vino in Italia ma la notizia è troppo bella per non darvela all'istante. Leggo infatti su Repubblica.it, un articolo di Alessandro Longo, dal quale pare che il Wi-Max - la nuova tecnologia wi-fi basata su trasmissioni a onde radio - sarà presto disponibile anche in Italia. La diffusione di una tecnologia di questo tipo su scala nazionale, non solo consentirà a tutti coloro che si trovano in zone ancor oggi non raggiunte dalla banda larga - penso in particolare agli amici vignaioli - di poter finalmente abbattere il digital divide, ma concorrerà a realizzare, nel medio / lungo termine, un sogno nella testa di molti fruitori della rete : la portabilità totale.

Il ritardo dell'introduzione di questa tecnologia in Italia rispetto a molti altri paesi europei (come Germania e Francia dove per esempio sono già partite o stanno partendo le prime offerte commerciali) è da imputare alla necessità di accordare il dicastero della Difesa con quello delle Comunicazioni relativamente all'assegnazione di alcune frequenze di utilizzo per il servizio già in uso al dicastero della Difesa stesso. Entro febbraio, un tavolo tecnico istituito dai due ministeri dovrebbe stilare un calendario operativo per arrivare al lancio del servizio, si spera entro la fine del 2007. In un'Italia web rassegnata al monopolio dei fili di rame di Telecom, credo che non potesse arrivare notizia migliore per festeggiare insieme il nuovo anno.

Commenti

Se é vero è fantastico :-))

Posta un tuo commento

TigullioVino.it - Cultura del Vino & Comunicazione
Web : www.tigulliovino.it
E-mail : info@tigulliovino.it