Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
L'universo totemico, di Linda Dell'Amico

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Food > L'alterego del cibo

L'alterego del cibo

L'universo totemico

di Linda Dell'Amico

In "Totem e tabù" di Sigmund Freud si parlò con disivoltura di cannibalismo
per abbellire la sua teoria sull'incesto primordiale. Nella versione freudiana del mito di Edipo i figli ribelli, una volta affrancatisi grazie all'assassinio del loro tirannico genitore, essendo dei "selvaggi cannibali", celebrarono l'evento mangiandolo. La successiva uccisione rituale periodica dell'animale totemico e la
consumazione della vittima che sostituiva il padre assassinato, commemorarono e replicarono l'atto originale del cannibalismo parricida.

Secondo Freud questi ipotetici eventi segnarono la svolta cruciale nello sviluppo evolutivo dell'uomo. Uno studio recente di Manfred Kremser sulle credenze mistiche Zande ci svela che il termine Kawa, tradotto in inglese come "carne umana", si riferisce in primo luogo alla stregoneria. Così la strega può attaccare la sua vittima estraendone la forza vitale (kawa), mettendola in una pentola con il suo contenuto in un albero. Se questo kawa viene colto e mangiato, la vittima stregata non potrà guarire, se però il kawa rimane crudo e non viene consumato, la strega
può essere persuasa a slegare quest'essenza vitale dal sonno e a renderla alla vittima stregata per la quale ci si può attendere la guarigione.

Secondo Sahlins (1983) il cannibalismo è sempre simbolico perfino quando è reale. Il cannibalismo rituale è comunque una forma di comunione sacrificale e in  vero esso è forse il prototipo della comunione sacrificale. Questo ha una risonanza potentissima nell'Eucarestìa cristiana, dove secondo la dottrina ufficiale i comunicanti consumano il pane e il vino che attraverso il miracolo della transustanziazione diventa corpo e sangue di Cristo.

Gli abitanti delle isole Trobriand praticavano una forma più diretta e spaventosa di cannibalismo commemorativo rispetto all'Eucarestia: il corpo di un uomo  deceduto veniva esumato e smembrato dai suoi figli e da altri parenti. Sebbene essi lo trovassero estremamente ripugnante ci si aspettava che essi  esprimessero la loro pietà filiale succhiando la carne putrescente del cadavere  che stavano smembrando.

In una prospettiva antropologica le idee di consumo, ingestione, ingoiamento, e padronanza costituiscono chiaramente simboli di potere. Radicati nelle esperienze umane universali dell'allattamento, dell'attività sessuale e della nutrizione, motivi che forniscono la tematica più diffusa e la matrice emotiva più profonda per tutto quanto attiene al fenomeno generale del cannibalismo.

Letto 4013 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Linda Dell'Amico

Linda Dell'Amico


 e-mail

Linda Dell'Amico, laureata nel 1999 a Genova in Scienze dell'educazione, con esperienza biennale nel settore psichiatrico. Attualmente Responsabile...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti