Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Montespertoli in Chianti, dove si incontrano Vino e Storia

DoveVia della Leccia Snc, Montespertoli (FI) - La Leccia

Quandoil 20 settembre 2018

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Un connubio perfetto tra Sapori tradizionali, Paesaggi da favola e Storia: Un tripudio degli stravaganti e molteplici colori del Chianti, dei fiori, del grigio della pietra dei casolari e degli edifici rurali, del verde brillante dei campi e dei vigneti

La Leccia, una storia di famiglia, di valori e dei suoi vigneti

Perfettamente incastonata sulla cima di un promontorio a unaltitudine di circa 200 metri s.l.m. nel tipico paesaggio del Chianti Fiorentino, la fattoria La Leccia è situata nel cuore della Toscana sui colli della Val di Botte, vicino Montespertoli, immersa in un paesaggio stupendo al centro del territorio Chiantigiano. Si tratta di unarea vinicola secolare, dove la coltura della vite è diventata cultura. Infatti i 20 ettari di terra della proprietà sono felicemente esposti e protetti dal monte Montalbano e composti sia da vitigni autoctoni, come Sangiovese e Trebbiano, che da varietà internazionali, come Merlot e Syrah. Il suolo è caratterizzato da un generale dinamismo con marne plioceniche, argille complesse e frazioni di alberese che permettono di ottenere una magnifica varietà di vino. E tutto dintorno un magnifico bosco di lecci che circonda la proprietà ha una fondamentale funzione di protezione e purificazione.

La storia de La Leccia è emotivamente antica, ma razionalmente moderna. Una storia che nasce dal profondo di questa terra, con una nuova realtà agricola sostenuta e sviluppata dalla Famiglia Bagnoli che, con passione e orgoglio, ha preso l’impegno di tutelare questa piccola porzione di territorio. Il saper fare unito alle tecnologie più attuali e alla passione di coloro che collaborano in vigna e in cantina, rendono i vini de La Leccia ricchi di personalità e carattere. 

Il territorio

La storia del territorio de La Leccia risale al 1300. Qui, munito di antica torre, si trovava il feudo della famiglia Machiavelli che ne fece dono alla Repubblica di Firenze. Nel tempo la fattoria ha visto l’alternarsi di diverse famiglie fino al passaggio ai Bagnoli che hanno deciso di investire in questa impresa con il recupero delle vigne e degli oliveti, il miglioramento della cantina e lo sviluppo delle nuove etichette. Qui è stato posizionata la prima pietra per la rinascita di quest’impresa, creando le basi per affrontare le sfide del futuro.

Il nome La Leccia nasconde i valori più importanti dell’azienda: il Leccio è l’elemento maschile, Albero della Vita e della Vite nonché simbolo di forza e coraggio. Ma non è solo questo, il leccio è una bellezza misteriosa simile ad un’opera d’arte naturale che ispira e con cui si può interagire. Una pianta indistruttibile e capace di evolvere e rinascere dalle radici anche dopo le avversità. La A è invece l’elemento femminile, che si rivolge alla Madre Terra e al rispetto della natura. I rami e le radici si confondono, lasciando intravedere l’infinito, ciò che muore rinasce.

Proprio l’elemento femminile contraddistingue questa azienda. In prima linea troviamo infatti tre giovani donne della famiglia Bagnoli: Paola che si occupa della parte agricola e della cantina, Sibilla referente per il marketing e la comunicazione e Angelica che invece segue la parte amministrativa.

Altro componente fondamentale dell’azienda è l’enologo Gabriele Gandez, che ha dato identità ai vini La Leccia e che monitora le operazioni agricole e di cantina. Dotato di un grande palato, il suo lavoro si caratterizza per equilibrio, rispetto della tradizione e idee innovative grazie anche alle sue precedenti esperienze lavorative su vitigni diversi fra loro.

I valori

Tre donne che hanno posto le basi della rinascita su tre valori fondanti: rispetto della natura, saper fare e giusto cambiamento.

In campo di sostenibilità, La Leccia opera con certificazione biologica, tutelando la biodiversità e riducendo al minimo l’utilizzo di macchinari nei campi e in cantina. Il secondo valore invece, il saper fare, è inteso sia in senso artigianale che artistico. Proprio in continuità con il rispetto della natura, dalla potatura alla vendemmia, tutto viene fatto a mano. La gestione della cantina è affidata a una sola persona che fa uso di strumenti pressoché manuali e di solo componenti chimici indispensabili. A tutto ciò si unisce anche un pensiero artistico più ampio, grazie all’interazione con Marco Bagnoli, pittore e scultore dalle origini toscane, che arricchisce la filosofia e l’immagine di tutta l’azienda. L’unione estetica e artistica è una ricerca che l’azienda ripone in tutto ciò che fa, a partire dalle etichette che, attraverso i versi di poesie, raccontano l’emozione dei diversi vini La Leccia. E, infine, il giusto cambiamento, un valore importantissimo che parte dal rispetto della tradizione, incontrando l’innovazione e il progresso. Abbinare questi due fattori non è mai semplice, ma è determinante per raggiungere il risultato finale sperato. Da qui l’esigenza di interpretare al meglio i vigneti, riscoprire vecchie metodologie e cercare nuove vie di sperimentazione con scelte misurate. Non è quindi un caso che tutti i vini siano prodotti e imbottigliati all’origine da La Leccia.

Dopo tutto questo sole, vento e pioggia. Dopo questo duro lavoro e pensiero geniale che ha attraversato i secoli. Dopo le casualità, i segni del destino e i colpi della fortuna, La Leccia ha deciso di intraprendere un percorso legato profondamente a questo vitigno. Dando vita a una serie di vini che interpretano al meglio la tradizione toscana e l’innovazione.

Emotivamente antica e razionalmente moderna, questa è La Leccia.

I VINI

IL LECCINO Chianti Superiore DOCG - uva Sangiovese

Il Chianti della Famiglia Bagnoli rappresenta la tradizione del territorio che lo ha reso famoso in tutto il mondo e l’azienda agricola cerca di interpretarlo nel modo più coerente possibile. Rese medio-basse, uve selezionate a mano a fine settembre, attenta vinificazione in acciaio inox sono alcuni accorgimenti che lo rendono un vino luminoso, molto nitido, fruttato e con tannini consistenti e rotondi. Al palato si percepiscono note di frutti rossi maturi, lampone e prugna nonché delicati sentori speziati come il pepe nero e la liquirizia. In bocca è caldo, equilibrato, con tannini consistenti e rotondi che conferiscono bevibilità e persistenza.  Abbinamento: ottimo con primi piatti come il risotto o anche carne rossa alla griglia come la Fiorentina. Da servire a 16 °C.

CANTAGRILLO: Bianco Toscana IGT - uva Trebbiano

Un vitigno da rivalutare, il Trebbiano, in una regione propensa ai vini rossi, la Toscana. Questa è la sfida che La Leccia ha deciso di affrontare. Rese medio-basse, uve scelte a mano sottoposte a spremitura soffice senza macerazione a inizio ottobre e criomacerazione a temperatura controllata sono alla base di questo vino. Il bianco de La Leccia è contraddistinto dal colore giallo paglierino, leggero e luminoso con leggeri riflessi dorati. Profumo dallo spiccato carattere minerale su uno sfondo di note fruttate di agrumi e di mela Golden, a seguire un gradevole sentore di erbe officinali e gentili fragranze di miele e vaniglia. Al palato ci sono vivacità e freschezza supportate dalla rotondità del sapore con un finale intenso e sapido, tipico del Chianti. Abbinamento: Da servire non sotto i 10° C, è l’ideale con leggeri antipasti come il carpaccio di pesce o con primi piatti come la panzanella o anche con formaggi freschi del territorio.

BOH: Spumante di qualità Brut - uva Sangiovese

100% Sangiovese, nasce da un’idea di dare un’altra veste a questo vitigno seguendo le sue peculiarità. La vendemmia anticipata selezionando a mano i grappoli più adatti, la spremitura soffice senza macerazione e l’affinamento in acciaio inox a temperature controllata sono i principali passi per l’ottenimento della base rosata che ricorda i fiori di pesco. Boh rivela al naso un profumo intenso grazie agli aromi di frutta fresca, su tutti la pesca, la fragolina di bosco e la papaya matura. Al palato dona grande freschezza, vivacità e cremosità mentre il finale è sapido e con una gradevole armonia tra le componenti. La vendemmia è prevista a inizio settembre, quando si estraggono le parti più nobili delle uve e le lievi tonalità rosate che caratterizzano questo spumante. A partire dal 2020 sarà disponibile la versione metodo classico. Abbinamento: Da servire a 4° C, è l’ideale per un aperitivo con mortadella o parmigiano reggiano o come fine pasto accompagnandolo a un dessert di pasticceria francese.

SUA SANTITA Vin Santo del Chianti DOC, secondo tradizione - uvaTrebbiano

I grappoli vengono raccolti e fatti appassire in locali areati per circa 3 mesi, poi vengono spremuti tramite un torchio tradizionale per ricavarne un nettare molto concentrato. Il liquido viene quindi inserito in legni ormai esausti e sigillato per circa 8 anni. Sua Santità è caratterizzato da un colore dorato, intenso e luminoso con riflessi ambrati e aranciati. Un profumo al palato di nespola matura, albicocche e fichi essiccati su un delicato letto di foraggio affienato e miele, dona un sapore prorompente ed esplosivo, lungo, pieno, avvolgente e setoso. Sorprende per il perfetto equilibrio tra acidità e freschezza da un lato e la nota dolce e zuccherina dall’altro. Abbinamento: Da servire a 9-11° C. Ideale per accompagnare formaggi erborinati come il gorgonzola o con la tipica pasticceria secca Toscana quali il panforte e i cavallucci.

Altri vini: Rosso IGT Toscana Sette Dormienti, unattenta selezione di Sangiovese, Merlot e Syrah - Chianti Gotarossa. Tutti i vini sono integralmente prodotti e imbottigliati allorigine dallazienda La Leccia.

Dalle piante di olivo di tipo Morellino, Leccino, il Pendolino e la Madonna dellImpruneta, La Leccia produce anche Olio Extra Vergine di Oliva DOP con spremitura a freddo.

Andate a fare visita a La Leccia, nel Chianti e degusterete i loro straordinari prodotti. Godetevi una giornata in campagna, dove ora è in corso la vendemmia, vi entusiasmerà mentre vi rilasserete e godrete di panorami mozzafiato. Su prenotazione.

 

LECCIA
Via della Leccia Snc

Loc. Botinaccio – Montespertoli (FI)

+ 39 366 923 6378 – info@laleccia.it

www.laleccia.it

 

 

Letto 651 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti