Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Food

“Chef in Green il gusto del gioco, il gioco del gusto”: un evento speciale chiude la stagione 2018

DoveCascina Tolcinasco, Pieve emanuele (MI) - Castello di Tolcinasco Golf Resort & Spa

Quandoil 05 novembre 2018

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Successo annunciato per l’ultima sfida tra green e fornelli svoltasi nel suggestivo scenario del Castello di Tolcinasco Golf Resort & Spa

Una manifestazione itinerante, ideata da Roberta Candus, direttore di Golf & Gusto, lungo l’Italia che ha visto dilettarsi sul green e poi ai fornelli alcuni dei più grandi chef della ristorazione italiana i quali, nonostante fossero quasi tutti neofiti del golf, hanno dato prova di grande concentrazione nel gioco, la stessa che sono abituati ad avere quotidianamente in cucina.

Gli oltre trenta chef, arrivati al castello in tarda mattinata, sono euforici e iniziano ad esplorare il putting green con una piccola gara, non convinti di poter poi passare alla gara su nove buche in coppia con i giocatori,  seguiti da ben otto maestri del team di Tolcinasco e la guida di Laura Mantegazza, che li rende entusiasti.

Man mano che la gara procede, nella Club House, trasformata per l’occasione in un vero e proprio salotto del gusto particolarmente accogliente, fra creatività e assaggi eno-gastronomici. Per iniziare, un aperitivo con un prosecco Malizioso, un assaggio di prosciutto d’oca da Quack, di Finger food di RistoPiù dove troviamo proposte ricercate, fatte con passione e responsabilità perché siano di qualità ed accontentino ogni gusto oltre ad ogni esigenza. I prodotti comunque ci incuriosiscono molto spesso e ci allettano con le novità scoprendo nuove alternative e ricette, sia che si tratti di fresco, freschissimo, secco e surgelato, grazie alla lunga esperienza nel mercato Ho.Re.Ca e Retail.  www.ristopiu.it

E ancora, i formaggi di Kometa, l’Olio extravergine di Puglia, le mele Melavi di Valtellina, in attesa della pasta che non è pasta, portata da Monica con Legù, dalla grande versatilità in cucina: sono questi gli elementi che descrivono al meglio tutta la gamma. Tante proteine vegetali pronte in pochi minuti - Legù sembra pasta ma non è. La pasta Legù è fatta solo e soltanto con farina di legumi in proporzione variabile tra ceci, fagioli bianchi e piselli gialli decorticati. Legù 4 legumi, invece, che contiene che lenticchie gialle decorticate, è ideale per i celiaci.  Entrambe le ricette sono bilanciate a livello nutrizionale così da apportare tante proteine vegetali e fibre e pochissimi carboidrati. Legù è disponibile nei formati: intrecci, gigli, fusilli, paccheri, tagliatelle, tagliatelle spezzate e rustici.
Legù 4 Legumi è disponibile nei formati: eliche, lasagne, sorrisi, penne lisce, paccheri piccoli e chicche. La produzione è italiana al 100%. I Legumi sono prima cotti interi a vapore, poi essiccati e macinati. Il nostro esclusivo processo artigianale si basa su cottura ed essicazione a basse temperature, che preservano al meglio le proprietà nutritive dei legumi.
www.legu.it

Giorgio Bacagias ha portato lo zafferano Krokus Kozani, primo produttore mondiale di zafferano biologico, l'oro della terra ellenica, La Cooperativa dei Produttori di Zafferano di Kozani ha ottenuto nel 1997 la certificazione di garanzia di qualità ISO 9001 e ha anche sviluppato una coltivazione biologica certficata. Inoltre, la denominazione "Zafferano di Kozani" ha ottenuto la certificazione di denominazione d'origine protetta (DOP). Oltre alla bottarga, meglio in greco Advotarago.

Onfalós: Una cucina professionale racchiusa in un oggetto di design. Non solo, un’idea diversa per preparare le verdure grigliate con il barbecue più evoluto. Le verdure grigliate da Stefano Bizziccheri con Onfalós, piastra di cottura tecnologica dalle caratteristiche uniche, prodotto da Smartech Italia. Il Fry-top di design per una cottura a vista, una vera cucina mobile che può soddisfare le esigenze dei gourmand. Innovativa sotto tutti i punti di vista, è comoda, pratica e versatile. “Si tratta di un “non barbecue” tecnologico - spiega Stefano Bizziccheri, titolare di Pratmar Milano, specializzata nella consulenza e vendita di elettrodomestici, complementi e arredi per la cucina e autorizzato a organizzare dimostrazioni sull’impiego di Onfalós - alimentato a gas e dotato di una piastra di cottura al cromo duro, che permette di grigliare in maniera perfetta. Un’esperienza unica all’insegna della cucina di qualità.  onfalos.it

Per una piacevole sosta in ogni parte della giornata, chiaramente un ottimo caffè espresso, o preparato con la moka, con quel borbottio tipico che ha il sapore di casa e annuncia il caffè che sale e diffonde il suo profumo per tutto l’ambiente. Un caffè speciale, quello offerto dalla Torrefazione Cannaregio “La bottega del caffè” a Venezia, dove si sceglie soltanto l’eccellenza con le più pregiate qualità di caffè provenienti da ogni parte del mondo e vengono lavorate ogni giorno e miscelate davanti ai clienti che possono degustarle appena tostate in tazzine fumanti, sprigionando un intenso profumo che inebria veneziani e turisti . Sempre pronto e custodito nella bellissima lattina con l’immagine di Venezia. www.torrefazionecannaregio.it

In apertura della serata all’insegna gourmet, l’aperitivo appositamente creato  da Cristian Lodi, Bartender patron del cocktail bar “Milord Milano”, che ha servito, dopo una scenografica preparazione, il Conte Negroni sul sofà, riedizione soft del celebre drink a base di gin Bankes, infuso ai frutti rossi, Campari, Cinzano 1757, sciroppo di camomilla.

L’arrivo del Prosciutto di Parma offerto dal Consorzio e del Gorgonzola al cucchiaio offerto da Arrigoni Batista si combina l’aperitivo. Ambito lo spazio di Fournier che tiene una spiegazione sul foie gras, lui è il re del Foie gras e lo ha portato da assaggiare per deliziare il palato degli ospiti.

Degna conclusione di una grande giornata, la cena a più mani nel ristorante “Il Tolcino, restaurant & lounge”, diretto dal giovane chef salentino Tommaso Mandorino.

Sette grandi chef della cucina italiana che si sono susseguiti ai fornelli: Bernard Fournier (Chef stellato patron del ristorante Da Candida, Campione d’Italia) e Francesco Manograsso (Chef design ristorante “Palazzo di Varignana”, Castel San Pietro Terme, Bo) che hanno proposto - per iniziare una cena ricca di gusto - due entrèe light, rispettivamente: da Bernard, Uovo, pane, Parmigiano Reggiano Vacche Rosse, pomodoro e da Francesco una Millefoglia di zucca laccata con il miele di castagno, ricotta di capra alla santoreggia, rapa rossa.

A questi deliziosi antipasti hanno fatto seguito il Cannolo di gambero di Cristian Benvenuto (Chef patron Ristorante “La Filanda” a Macherio, MB) e il Mojito: battuta di mazzancolla, lime e menta, patè di foie gras, perlage di aceto balsamico proposto da Giuseppe Lo Presti  (Head Chef ristorante “Il Casale”, Grimoli-Cavriglia, Ar). I Ravioli del plin all’Alfredo: triplo burro, gelato sgranato alla salvia, sugo d’arrosto - piatto elaborato da Filippo con Rossana Sempliciano (“Palato Italiano”, Bolzano) e il Risotto al limone, pomodorino del Piennolo, cappero disidratato, creato da Alessandro Donadello e Christian Turra (ristorante “Un Mare di Neve”, Cervinia, Ao). Tommaso Mandorino (Executive Chef ristorante “Il Tolcino” del Golf Castello di Tolcinasco, Mi) ha servito Filetto di Rombo chiodato, velluatata di Carota di Polignano, cicoriella dolce, cipolla di Acquaviva caramellata. Dulcis in fundo, il dolce del pastry chef Matteo Cocchetti della Pasticceria Roberto di Erbusco (Bs).

Apprezzamenti diffusi anche dai numerosi partecipanti alla cena.

La serata termina con una premiazione e l’estrazione di premi, inclusi quelli offerti da Thai Airway, la compagnia di bandiera tailandese. La sua base principale è Bangkok, da dove partono tutti i voli domestici, internazionale e intercontinentali. I primi voli della Thai Airways nel 1960 furono diretti verso nove destinazioni nel continente asiatico, mentre i collegamenti intercontinentali verso l'Australia furono inaugurati nel 1971, quelli verso l'Europa nel 1972 e quelli verso gli Stati Uniti nel 1980. La Compagnia aerea preferita con lo stile Thai. www.thaiairways.com

 

 

 

 

 

Letto 513 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti