Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Food

Gran successo del Bagnun di Riva Trigoso !

di Claudia Paracchini

MappaArticolo georeferenziato

 Noi liguri, si sa, siamo legati al mare da una relazione speciale. Per chi abita qui il mare non é solo una distesa d'acqua ma é anche un carburante della vita come una storia d'amore quotidiana, un mare che in cambio sa dare grandi soddisfazioni.
Riva Trigoso lo sa ed é per questo che ogni anno ci regala questo pezzo di tradizione enogastronomica ! Ci presentiamo al tramonto del 10 agosto, serata delle stelle cadenti, sul lungomare desiderosi di assaporare questo tipico e gustoso piatto. Il Bagnun é dal 1960 che comincia ad organizzare questa caratteristica serata che da qualche anno é anche una associazione culturale onlus che porta il nome di Riva Trigoso e di Sestri Levante in giro per il mondo capitanata dall'instancabile Franco Po.
Far conoscere la cucina ligure, i suoi sistemi di cottura, gli ingredienti del mare anche se umili e semplici, piatti tipici che tendono a non modificare il sapore di un alimento a vantaggio del palato, come una metamorfosi della vita.
Il Bagnun di quest'anno ha toccato picchi di presenze record, più di un centinaio di persone sono corse all'appuntamento e magistralmente coordinate e sistemate ai tavoli dalla ormai collaudata e ottima organizzazione di Enrico Sala. Le acciughe, il pomodoro e la galletta del marinaio sono i tre ingredienti principi che con le mani degli chef hanno fatto la differenza. L'abbinamento enologico della serata é stato magnificamente rappresentato dalle cantine Bisson di Sestri Levante che ha voluto utilizzare vitigni autoctoni. Hanno quindi fatto coppia fissa nella cena iniziando con le acciughe fritte la bianchetta "o Pastine", il vermentino " Vignaerta"con i muscoli (cozze) al verde, il Ciliegiolo rosato e rubino con lo splendido bagnun. A chiudere in bellezza la serata ci ha pensato il vermouth "o Bagascio" di Andrea Bruzzone della omonima Cantina della Valpolcevera e presente alla serata.

Letto 308 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.