Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Sandro Bottega dimostra che il Prosecco Superiore Docg ha costi di produzione piu’ alti dello Champagne

DoveConegliano Valdobbiadene (TV) - Bottega Prosecco

Quandoil 01 settembre 2019

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

Dopo l’intervento di Luca Zaia, riguardo al Prosecco, che ha perentoriamente affermato “io di decreti per piantare nuovi vigneti non ne faccio più”, Sandro Bottega rende pubbliche le argomentazioni sui costi di produzione del Prosecco Superiore Docg che ha già presentato ad oltre 100 giornalisti stranieri, durante le verticali organizzate per provare la qualità di questo vino.

Il Prosecco Superiore Docg ha un costo di coltivazione e quindi di produzione ben più elevato dello Champagne, ma i produttori veneti dovrebbero valorizzarlo meglio. L’aumento dell’offerta ha portato al gioco al ribasso, permettendo a chi vende a minor prezzo, di avere più quote di mercato e, grazie alle economie di scala, anche di avere maggiori profitti di cui non hanno pienamente beneficiato i contadini e le aziende di qualità.

Le pendenze dei vigneti dell’area del Prosecco Superiore Docg (specie le rive), richiedono per la coltivazione manuale di un ettaro circa 480 ore di lavoro l’anno, contro poco più della metà dei colleghi francesi, che possono anche utilizzare apposite macchine agricole.

Nonostante la convinzione generale, i costi di produzione successivi, ancor di più evidenziano l’elevato e maggior costo di produzione del Prosecco Superiore Docg rispetto allo Champagne. Infatti i costi degli impianti di spumantizzazione del primo sono elevatissimi, mentre per lo Champagne l’imbottigliamento direttamente in bottiglia permette di effettuare le operazioni facilmente e senza grandi investimenti in mezzi di produzione.

A chi si appella ai costi finanziari dei tempi di fermentazione, Bottega risponde dicendo che gli oneri finanziari pesano dal 2% al 3% l’anno e hanno quindi un’incidenza minima. Non a caso il Cava spagnolo, prodotto con il medesimo metodo dello Champagne, ha prezzi dimezzati rispetto al Prosecco e 5 volte inferiori a quelli dello Champagne.

Nello specifico i costi di gestione e di coltivazione per ettaro ammontano a 10.000 euro l’anno per il Prosecco Superiore Docg e a 7.500 euro per lo Champagne. Mentre l’ammortamento degli investimenti produttivi è quantificabile in 0,20 centesimi ogni bottiglia da 75 cl di Prosecco Superiore Docg e in 0,05 centesimi ogni bottiglia da 75 cl di Champagne.

Ma non è solo una questione di costi, ma anche di rischi: un produttore di Prosecco Superiore Docg, nel caso di un’annata mediocre, non può fare nulla. Invece il produttore di Champagne, grazie all’escamotage del “liqueur d’expedition”, può correggere la qualità a suo piacimento.

La conclusione è che, se coltivatori e aziende collaborassero di più, comprendendo i reciproci problemi, ci sarebbe una maggiore consapevolezza e si valorizzerebbe pienamente il Prosecco Superiore Docg, anche grazie al recente riconoscimento dell’UNESCO.

 

 

Letto 316 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti