Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > News > Vino

La Lega del Chianti celebra a Siena il "Capitolo Annuale" con la "Santa Messa delle Investiture"

di Virgilio Pronzati

MappaArticolo georeferenziato


L’antico rito sarà celebrato per la prima volta nel Battistero di San Giovanni, gioiello d’arte e di fede. Tra gli investendi: l’Arcivescovo di Siena, S.E.R. Mons. Augusto Paolo Lojudice e Il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani

  

Sabato 26 ottobre la Lega del Chianti celebrerà a Siena il tradizionale Capitolo Annuale. A partire dalle ore 10.45, il corteo dei Legati e Dame uscirà dal cortile dell’Accademia Chigiana, attraversando il centro storico, per raggiungere il Battistero di San Giovanni, dove sarà celebrata la Santa Messa delle Investiture.

La messa sarà presieduta da S.E.R. Mons. Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo Metropolita di Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino, e concelebrata dal Correttore della Lega del Chianti, S.E.R. Mons. Luciano Giovannetti, Vescovo Emerito di Fiesole, Legato di Collare e Presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, e da altri Legati Ecclesiastici presenti.

 

Al termine della santa liturgia, si terranno le investiture dei nuovi Legati e Dame da parte del Capitano Generale, il Barone Giovanni Ricasoli-Firidolfi, che rinnoverà l’antico rito d’intronizzazione tramandato nei secoli, segno della continuità tra l’attuale “Onlus” e l’antica lega militare di origine medievale.

 

Fondata alla fine del Trecento a tutela delle popolazioni chiantigiane durante il conflitto tra la Signoria di Firenze e la Repubblica di Siena, la Lega del Chianti è la più antica istituzione (unica nel suo genere al mondo) che si propone di proteggere, salvaguardare e preservare la “Terra del Chianti”.

 

Alle armi medievali si sono sostituiti l’impegno e la sensibilizzazione civile per la difesa del paesaggio e delle risorse naturaliaspetti divenuti oggi quanto mai prioritari, sia a livello locale che globale, alla luce dell’urgenza climatica e ambientale, sottolinea il Capitano Generale Ricasoli-Firidolfi.

 

Accanto a questa missione, la Lega del Chianti Onlus contribuisce regolarmente ad interventi concreti a tutela del patrimonio artistico, architettonico e antropologico, attraverso la realizzazione di progetti editoriali, di restauro e di ricerca, l’organizzazione di convegni di studi storici, economici e enologici, fino alla promozione di eventi culturali volti a far conoscere la bellezza del Chianti.

 

Tra coloro che quest’anno riceveranno l’Investitura in Battistero: S.E.R. Mons. Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo Metropolita di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino, che riceverà il “Collare” della Lega del Chianti, la più alta decorazione riservata generalmente ai Prelati di Santa Romana Chiesa; e Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, già assessore alle tradizioni popolari fiorentine, che riceverà la prestigiosa nomina di “Legato ad Honorem”: una “classe” riservata alle personalità del mondo delle istituzioni pubbliche e private e della cultura legate alla terra chiantigiana.

 

La giornata si concluderà con la seconda colazione presso l’hotel Garden dove ai piatti della tradizione toscana saranno associati ad alcune delle più prestigiose etichette selezionate tra i vini dei Legati d’Opera Produttori, per festeggiare l’ingresso dei nuovi membri. Nel pomeriggio si terrà inoltre l’assemblea straordinaria dell’associazione Onlus per l’elezione del Capitano Generale: un’occasione in più per brindare al futuro di questa antica istituzione che da più di 700 anni incarna lo spirito e le tradizioni della “Terra del Chianti”.

Per maggiori informazioni sulla storia e gli scopi della Lega del Chianti Onlus:

  

www.legadelchianti.it

 

La Lega del Chianti è un’istituzione di origine medievale che si prefigge di proteggere, salvaguardare e preservare nelle sue profonde bellezze la “Terra del Chianti”. Nel corso degli anni la Lega del Chianti ha contribuito, con studi storici ed economici, ricerche agronomiche, inibizioni verso piani urbanistici selvaggi, alla creazione e alla rinascita del “Chianti” come noi oggi lo conosciamo.

 

Silvia Fiorentini

Letto 736 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti