Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Food >

Una volta a Bologna si mangiava così, di Luigi Lepri

di

MappaArticolo georeferenziato

Presentazione di
Davide Paolini
Pagine 128;
Prezzo di copertina € 12.00
Collana Amo Bologna Tascabili
www.pendragon.it
info@pendragon.it

"...............Una serie di imperdibili ricette tipiche della cucina petroniana- in dialetto bolognese con traduzione italiana - prese direttamente dal ricettario di famiglia. Un libro per tornare a scoprire come si cucinava a Bologna, fino a pochi decenni fa, e come non lo si fa più oggi. Un ulteriore passo per riappropriarsi di una tradizione cittadina che rischia di scomparire rapidamente"

Parlare di libri, per il sottoscritto, è sempre un gran privilegio ed un piacere, e, anche in questo caso, nel mio piccolo, diffondo un pensiero letterario nobile e ben realizzato. La Casa Editrice, è la Bolognese Pendragon, della quale, invito i lettori a guardare l'interessante sito, che è ben realizzato e molto comunicativo.

Ritornando al libro in oggetto, per me è stato interessante scoprire un mondo culinario e di ricette, non solo articolato da piatti robusti e ricchi, ma sovente, anche da ingredienti semplici, ma non per questo meno buoni. Penso a due ricette in particolare, presenti tra le tante in questo volume, il Pancotto ( Pancot) ed il Friggione (Frizan). A volte, come in questo, ma anche in altri tantissimi momenti, la semplicità di alcune ricette paga e rimane inalterata nel tempo. Condivisibile e molto interessante, l'introduzione del bravissimo Davide Paolini. Una lettura, che va indubbiamente premiata con un plauso all'autore, Luigi Lepri, e alla Casa Editrice Pendragon, attenta ad una produzione di qualità e di sicuro interesse anche nel settore della comunicazione gastronomica.

Voglio ora proporvi una ricetta, secondo me molto interessante, che ho trovato a pag. 68 e 69 di questo libro. La stessa ricetta, come le altre del resto, è proposta sia in dialetto Bolognese che in italiano. A mio parere trattandosi di un piatto semplice vale la pena di provarla e di cogliere tutte quelle belle sensazioni che, anche un piatto semplice può regalare sia durante la fase della preparazione e sia durante in quella della degustazione.

Il Friggione (Frizan) ricetta tratta dal libro

Dosi per 6 persone: 8 cipolle medio grandi, 1kg di pomodori freschi o pelati, 6 cucchiai di olio d'oliva o strutto, sale, aceto.


Preparazione

Affettare le cipolle non troppo finemente e fatele rosolare in olio o strutto, lentamente e mescolando spesso, in una teglia larga ( meglio se in terracotta).Dopo circa un'ora, quando sarà ben imbiondita ma non bruciacchiata, aggiungete il pomodoro e proseguite la cottura sempre a fuoco basso, per almeno un'altra ora o più se il Friggione piace denso. Insieme al pomodoro di possono aggiungere avanzi di bollito o fettine di prosciutto tagliato grosso, ma non è previsto dalla ricetta tradizionale. Al momento di servire si può condire con aceto.

Letto 6299 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ


Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area food

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti