Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino

Prosecco di Conegliano Vsqprd Extra Dry Ariò 2007

di Commissione di TigullioVino

Bottiglia: 75 cl - Alcol:  11,5% - Lotto 8200A.

All’aspetto è brillante, di colore giallo paglierino molto scarico, con riflessi verdolini. Perlage: fine, fitto e continuo. All’olfatto si presenta intenso, persistente, fine, con sentori di pera, mela e pesca bianca, crosta di pane caldo e umori boschivi. Al sapore è appena abboccato, fresco e molto sapido, leggero ma composto, continuo, con fondo amarognolo. Al retrogusto: sapidità e note fruttata e vegetale.
Considerazioni: è ottenuto da scelte uve omonime prodotte col metodo biologico, raccolte in piccole cassette. Vinificazione: pressatura soffice e fermentazione a temperatura controllata di 14-15°c per 12 giorni. Seguono la maturazione e il batonnage in botte per 15 giorni a contatto dei lieviti, la presa di spuma in autoclave durata 45 giorni e, infine, l’affinamento di 45 giorni in bottiglia.
Evoluzione: pronto. Prezzo medio in enoteca: € 14,30 (prezzo sorgente € 7,95).

Valutazione di Tigulliovino: 17/20 (@@@@)

Letto 4119 voltePermalink[3] commenti

3 Commenti

Inserito da Alessandro Carlassare

il 20 febbraio 2009 alle 17:19
#1
Il mio commento si può riassumere con un unica parola: perplessità!
Perplessità legata alla pubblicazione dell'articolo che più che essere il racconto di una degustazione sembra la mera fotocopia di un pieghevole aziendale... stento infatti a credere che una redazione possa pubblicare (fornendo, con tale azione, un'autorevolezza a quanto il produttore afferma) qualsiasi pratica di cantina venga propugnata al consumatore a mezzo depliant.
Già la vendemmia con "piccole cassette" risulta alquanto anomala (se non come "specchio per le allodole") per le pratiche di zona, ma è nella parte del battonage che si rasenta il ridicolo!
Effettuare un battonage in botte di soli 15 giorni che utilità potrà mai avere? Special modo se la si vuole effettuare su di un Prosecco la cui prima fermentazione è stata svolta a bassa temperatura per conservarne gli aromi propri... in questo diventa addirittura un controsenso!
Non serve enorme malizia per comprendere il perché di tali affermazioni da parte di un produttore, e forse le si può giustificare, ma vederle "avvallate" con la pubblicazione da parte di una redazione competente ed autorevole come quella di Tigulliovino un pò sconforta...

Grazie.

Inserito da Filippo Ronco

il 20 febbraio 2009 alle 18:12
#2
Caro Alessandro, grazie per il tuo commento.
Premetto che ogni degustatore ha il proprio stile e che è molto difficile, se non impossibile, imporne uno uguale per tutti. Questo è lo stile di Virgilio Pronzati, uno dei nostri degustatori della prima ora e dal punto di vista tecnico uno che potrebbe insegnare molto (a me se non altro). C'è chi fa voli pindarici e si perde trasportato dalle emozioni, come me, c'è chi si attiene più all'aspetto tecnico come Virgilio. Ognuno qui su TigullioVino ha il suo stile come dicevo ma questo non toglie la coesione d'intenti tra tutti i degustatori del sito.

Come puoi notare, la degustazione è praticamente divisa in tre parti, la prima parte dove viene fatto l'esame organolettico del vino, la seconda parte dove vengono riportati alcuni dati forniti dall'azienda e, sottolineo, riportati senza alcun commento critico e la terza parte, costituita dal voto in ventesimi e in chiocciole, espressione del giudizio complessivo del degustatore sul vino, considerati molteplici fattori.

Diciamo che la parte che "ci riguarda" qui, è la prima e la terza. Se dovessimo metterci a sindacare la plausibilità / opportunità o meno di ogni singola pratica di cantina indicata, se le uve sono messe o non messe in cassetta, temo ci addentreremmo in un vicolo dal quale rischieremmo di non uscire.

Ho comunque indicato il tuo commento a Virgilio dal quale spero di avere un controcommento da pubblicare lui non è molto pratico con questi strumenti 2.0). Sarà mia cura inserirlo se mi manderà qualcosa in risposta alle tue osservazioni.

Un caro saluto.


Filippo

Inserito da Alessandro Carlassare

il 20 febbraio 2009 alle 19:39
#3
Egregio Filippo,
innanzitutto grazie per la pronta e veloce risposta: dimostrazione di efficienza che dimostra come il mio commento sulla vostra redazione fosse fondato e vero.

Ben accolgo la spiegazione che mi viene fornita: concordo pienamente sul fatto che contestare, sindacare, o censurare eventuali spiegazioni tecniche vi porterebbe in un ginepraio unico, ma forse (mia personalissima opinione) sarebbe il caso di sottolineare maggiormente come certe asserzioni siano frutto esclusivo di informazioni aziendali. Con tutti i pro ed i contro che questo significa...

Ringraziando nuovamente per l'attenzione ricambio il gradito saluto.
Alessandro

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Commissione di TigullioVino

Commissione di TigullioVino

 Sito web
 e-mail

La commissione degustatrice di TigullioVino.it opera dall'aprile del 2000 con scrupolo e professionalità, nel rispetto della fatica e del...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti