Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Tequila, il distillato originario del Messico, di Mariella Belloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Distillati

Tequila, il distillato originario del Messico

di Mariella Belloni

La tequila è la bevanda alcolica messicana per eccellenza. Si ottiene distillando il succo fermentato dell’agave, una specie vegetale diffusa nei paesi caldi. Se ne ottiene uno spirito bianco e limpido, piuttosto alcolico ma abbastanza neutro. Il suo nome deriva da un paesino, Tequila, particolarmente legato alla sua origine. La tequila è legata al folclore mesicano. E’, inoltre, alla base del cocktail messicano più famoso, il Margarita. Ma come beveva la tequila il comandante Villa? Come tutti gli altri messicani. Ovvero chiudendo la mano sinistra a pugno, inumidendo l’incavo tra pollice e indice, e versandovi un pizzico di sale. Poi si lecca il sale, si addenta un pezzetto di lime e contestualmente si dà un sorso alla tequila.

Boom boom
Un altro perverso sistema di consumare la tequila è il famoso tequila boom boom, che da qualche anno è entrato nel folclore del bere giovanile. Prendete un robusto bicchiere cilindrico, versatevi dentro una dose di tequila e aggiungete un po’ di soda water o tonica. Lesti coprite il bicchiere con un tovagliolo di cui vi sarete muniti, afferrate il bicchiere e picchiatelo con forza sul tavolo per scatenare l’effervescenza della soda. Ingurgitate il tutto in un sol fiato mentre ancora ribolle. Ne bastano un paio per trasformarvi da tranquillo condomino in un macho un po’ suonato alla Mickey Rourke.

Ieri, oggi, domani…
Il primo accenno alla tequila risale al 1873, in una bolletta relativa a una spedizione dal Messico alla California. Da allora la sua popolarità è sempre cresciuta, per diventare vera e propriamoda degli anni Sessanta; i Settanta e gli Ottanta ne hanno visto una capillare diffusione.

Letto 8549 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area distillati

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti