Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Facciamoci del male, di Dante De Benedetti

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Food > Rotfl!

Rotfl!

Facciamoci del male

di Dante De Benedetti

Riprendiamo dalla cucina e dalla memoria?

Una sera, da Massimo Bottura (che il cielo – ma solo quello – abbia in gloria Ricci e Striscia la Notizia per l’ingiustizia che hanno fatto ad uno dei migliori cuochi del mondo), assaggiando la sequenza dei suoi piatti, ho provato questa sensazione ed è stato commovente nel senso più profondo e nobile del termine, sino al punto che avrei voluto che quella cena, non diversamente dal pomeriggio di Intelligenza Artificiale, non finisse mai. Massimiliano Alajmo ha chiamato “memoria” il suo profumo d’ambienti: un caso? Non so, chiederemo…

Sta di fatto che, dopo oltre venticinque anni di peregrinare per ristoranti e scrivere di cucina, mi sono convinto che la maggior parte delle definizioni che tra appassionati abbiamo coniato o, meglio, che poco preparati ma fantasiosi giornalisti ci hanno appiccicato (cucina creativa, alta cucina, cucina tradizionale, cucina del territorio, cucina molecolare e avanti c’è posto…) in realtà esprimano il nulla allo stato puro.

Non esistono “le cucine”.
Esiste “la cucina”, una ed una sola, che può avere due finalità: (a) nutrire e, in tal caso non ha senso parlarne o se ne parla solo dal punto di vista organolettico (qui si mangia peggio, lì si mangia meglio), limitandosi per il resto a mangiare o (b) far provare (o, meglio, riemergere) dei sentimenti dal nostro interno (ed allora è arte e se ne parla eccome).

Il discorso potrebbe essere approfondito e portato ad ulteriori conseguenze, ma probabilmente a questo punto non starà già più leggendo nessuno, per cui passerei all’altro oggetto di questo intervento, ovvero quanto sia lontana dal capire qualcosa la critica tradizionale (le odiose – non odiate, si noti, l’odio è un sentimento che va riservato a soggetti che consideriamo degni di riceverlo – Guide).

Mentre, infatti, i veri appassionati (con ciò non intendo dire la gente che la pensa come me, ovviamente, ma chi frequenta i ristoranti per passione e non per guadagnare o timbrare il cartellino o godere della sua microscopica area di – squallido – potere), cercano (in vari modi e con diversi risultati) di “trovare un senso”, un “perché” alla loro voglia di fare chilometri per provare qualche sapore, ciò che resta di quella che fu la Guida del Gambero Rosso (a proposito, complimenti per aver fatto fuori Bonilli: ora finalmente fate le figure che meritate) (ok, ora cerco di usare meno parentesi…) si esibisce in un inedito miracolo, ovvero, come avrete letto, quello di recensire, modificando persino il voto rispetto all’anno prima, un ristorante chiuso da due anni.

Avrete, poi, sentito scuse di vario genere: errore del computer (ROTFL! Come se l’avesse scritta il computer, quella recensione), errore del recensore, sfiga incredibile e così via. Niente di tutto questo… si trattava di circostanza che il Gambero Rosso (o, meglio e come detto, ciò che ne resta) già conosceva… guardate sul forum del Gambero Rosso. Gli appassionati glielo avevano già detto l’anno prima, andando persino sul loro forum, che quel ristorante non c’era. Ovviamente, però, loro erano troppo presi a far fuori amministratori delegati, assegnare bicchieri, stelle e quant’altro, magari anche non visitando ristoranti che, tanto, poi venivano recensiti comunque.

Non succederà nulla, ovviamente o, meglio, la colpa se la prenderà tutta il povero recensore anonimo, ultimo anello di una catena viziata dai peggiori difetti che si possano immaginare in questo piccolo mondo della critica gastronomica: presunzione, incompetenza, insensibilità del palato e non solo di quello.

Non saranno recensori, non pubblicheranno Guide, ma molto meglio, per capire il perché delle nostre passioni, affidarsi a Moretti o ad Orson Welles sperando, un giorno, di ritrovare per un attimo, grazie ad un sapore, quei “pomeriggi di maggio” persi chissà dove, provando l’unica cosa che dia un senso al tempo, alla nostra vita ed al nostro peregrinare, anche per ristoranti: un’emozione.

Letto 7052 voltePermalink[4] commenti

4 Commenti

Inserito da Angela Colesanti

il 07 dicembre 2009 alle 15:01
#1
Ho letto con molto interesse il tuo articolo e credo che il mondo dell'enogastronomia abbia bisogno di cambiare rotta. Spesso ciò che manca è l'intelligenza di guardare oltre quel vetro,palcoscenico patinato della nostra storia.Dovremmo imparare dai nostri amici europei...

Inserito da Alberto Tattarletti

il 07 dicembre 2009 alle 16:21
#2
Hai ragione e iniziamo noi a cambiarla la rotta assaggiando e sentendo gusti "primitivi" che magari troviamo da un anonimo ortolano o macellaio e soprattutto ascoltando il "nostro" palato il "nostro" olfatto .....

Inserito da Alberto Tattarletti

il 07 dicembre 2009 alle 16:21
#3
Hai ragione e iniziamo noi a cambiarla la rotta assaggiando e sentendo gusti "primitivi" che magari troviamo da un anonimo ortolano o macellaio e soprattutto ascoltando il "nostro" palato il "nostro" olfatto .....

Inserito da Angela Colesanti

il 07 dicembre 2009 alle 18:24
#4
Già... :-) Ma chissà se basterà...NOI VOGLIAMO CREDERCI!
Nell'olimpo del gusto spesso gli interessi personali sono troppo alti per ascoltare il proprio palato o il proprio olfatto...lì continuano ad ascoltare il tintinnare delle monetein tasca!!! La verità è che non siamo abituati ,aimè, a ragionare sul medio lungo termine e sopratutto a vivere il cibo come un'esperienza unica e personalissima capace di arrivare lontano, di superare i confini sociali politici di interesse...fino al punto da arricchire la NOSTRA Terra, la NOSTRA Storia, NOI TUTTI!
Questa sarà la nostra sfida...io sono pronta a combattere...e voi??

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.