Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Eventi > Vino

Ettore Bocchia e i 30 della Grola

DovePadiglione 6 - Stand E5, Verona (VR) - Vinitaly - Allegrini

Quandoil 09 aprile 2010

di Cinquesensi

MappaArticolo georeferenziato

Grola è un termine dialettale veneto che indica le varie specie di corvidi che alla fine dell’estate, in tempi di vendemmia e di trebbiatura, planano sui campi alla ricerca di cibo. E Grola è anche il nome di una collina da cui è partita la fortuna di una famiglia della Valpolicella oggi conosciuta nel mondo vitivinicolo per i suoi vini di altissimo pregio: quella degli Allegrini. Fu Giovanni, viticoltore di gran talento, a comprare, non senza sforzi economici, quella collina da cui tutto prese avvio. Era il 1979.

Oggi, passati tre lustri, i suoi figli hanno voluto festeggiare e storicizzare quel momento e la loro ormai lunga vicenda nel vino con un bel volume, “La Grola si posò”, che ricorda, con piacevole narrazione visiva e scritta gli inizi di Giovanni Allegrini, la crescita dell’azienda attorno a questa collina di origine vulcanica e alluvionale, perfettamente esposta al sole e ben protetta dai venti del lago di Garda. Un luogo, lo si capisce bene dallo scorrere del volume, che per gli Allegrini significa, affettuosa memoria e soprattutto identità. Il simbolo dell’intera rinascita della Valpolicella.

A suggellare questo momento è stato coinvolto il cuoco Ettore Bocchia, uno fra i talenti più puri del complesso universo ristorativo italiano e un finissimo conoscitore di vini. Bocchia presenta alcuni nuovi piatti, creati apposta per il trentennale, dettagliandoli in ogni passaggio e poi assaggiandoli e raccontandoli, al tavolo, in un clima di sereno convivio, a Marilisa Allegrini, mentre insieme degustano i due storici vini usciti dalla terra grassa di questa collina di famiglia vinata per 30 ettari specializzati: la Grola, rosso di buon corpo, vivo ed elegante al naso, sapido con note speziate al palato, ‘alchemico’ connubio fra la Corvina Veronese (al 70%) con apporti di Rondinella, Syrah e Sangiovese e la Poja, vino che riabilita appieno le qualità della Corvina Veronese, bacca rossa di antichissima origine, facendole esprimere, in questa etichetta lavorata in purezza, i suoi migliori motivi: la robustezza di corpo e il caratteristico profumo di mora e spezie.
 
Un vino pensato e voluto fortemente proprio da quel Giovanni Allegrini che coltivò quella collina per coltivare il suo sogno.

E La Grola si posò
Edito da Allegrini
pp. 72; dicembre 2009
due versioni: italiano - inglese
Coordinamento editoriale: Itaca Comunicazione, Milano

Letto 4204 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Cinquesensi

Cinquesensi

 Sito web
 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti