Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Vino e automobili, abbinamento da pole position, di Slawka G. Scarso

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Marketing > Enomarketing

Enomarketing

Vino e automobili, abbinamento da pole position

di Slawka G. Scarso

Se arte e vino è un abbinamento al quale abbiamo ormai fatto l'assuefazione, un abbinamento che ruota tutto attorno alle onnipresenti esigenze di marketing, un nuovo accostamento che si sta proponendo in Italia e all'estero è quello tra vino e automobili: automobili di lusso con grandi vini rossi, ma non solo.
Anche qui, c'è un discorso di esigenze simili di marketing, di affinità in termini di posizionamento che si cerca di sfruttare per rafforzare l'immagine del vino, da un lato, e quella dell'automobile in questione dall'altro.

È il caso, ad esempio, dell'azienda vitivinicola Icario, scelta da Maserati per la presentazione della nuova Granturismo. L'iniziativa non è una semplice sponsorizzazione, o offerta dei vini per brindare alla neonata della casa automobilistica modenese. In piena ottica di co-marketing, per l'occasione l'azienda Icario ha lanciato un'edizione speciale del suo Vino Nobile di Montepulciano, con un'etichetta ridisegnata per includere il marchio del Tridente. Ovviamente, poi, i vini in questione accompagneranno anche il tour di presentazione della nuova GranTurismo, in giro per l'Europa, a partire dal Motorshow di Ginevra, ma questo sarà quel qualcosa in più che andrà a rafforzare la partnership.

Sempre in Italia, anche se con esempi che si riconducono più propriamente alla sponsorizzazione, sono presenti altri casi. Già l'anno scorso, l'azienda vitivinicola altoatesina Manincor aveva ospitato l'anteprima mondiale della nuova A6 allroad Audi, testata in quell'occasione da 500 giornalisti lungo le strade dell'Alto Adige brindando (dopo) con i vini dell'azienda. Un altro evento che ha legato e lega tuttora il vino, stavolta con le automobili storiche, è il Classic Wine & Spirit - tour di auto d'epoca che unisce la Scuderia Trentina Storica con il Movimento Turismo del Vino del Trentino Alto Adige. Quest'anno l'evento raggiunge la sua terza edizione.

Diverso è il caso dei vini firmati Fiat, Alfa Romeo e Lancia. Nel cercare di lanciare e rilanciare i marchi del gruppo automobilistico italiano, rafforzandoli con gadget vari - i prodotti sono davvero tanti e popolano ad esempio alcuni duty free negli aeroporti italiani - il marchio delle grandi case automobilistiche italiane è stato posto anche sui vini dell'azienda piemontese Scrimaglio. Quest'ultima ha infatti lanciato i Fashion Wines, una serie di operazioni di co-marketing e di brand extension che di fatto coinvolgono anche altri grandi marchi italiani come Alessi ma anche multinazionali come L'Oréal che possono così promuovere i propri prodotti anche al di fuori delle modalità e dei canali consueti.

Uno degli aspetti più curiosi di quest'accostamento, di questo modo di fare co-marketing sta forse nella differente maniera in cui questo principio è stato applicato in Italia, rispetto ad esempio agli Stati Uniti. Se infatti nel nostro paese, il binomio vino-automobili cerca di puntare su una simile immagine di qualità, negli Stati Uniti invece viene utilizzato per sdrammatizzare l'immagine del vino, per renderla, in qualche modo, più simile a quella della birra.

Così, sul circuito automobilistico Nascar, il vino si è appropriato del posto che un tempo spettava alla birra, cercando di influire sulle abitudini più tipiche di consumo del popolo statunitense appassionato di corse automobilistiche. Il merito va ad alcune aziende californiane, la Ravenswood Winery o la Bennet Lane Winery, che hanno deciso di sponsorizzare alcune automobili che prendono parte al circuito. In questo modo hanno trasformato il vino in un fenomeno pop, in maniera del tutto opposta rispetto a quella adottata in Italia. Ma del resto, si sa, i consumatori italiani e quelli statunitensi hanno abitudini di consumo differenti, quindi ben vengano gli abbinamenti diversi. Purché siano sempre armonici, ovviamente.

Letto 5779 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Slawka G. Scarso

Slawka G. Scarso

 Sito web
 e-mail

Laureata in Economia e Commercio, Slawka è consulente di marketing specializzata nella comunicazione enogastronomica. Nel mondo editoriale...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti