Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Travel > Strade del Vino

Strade del Vino

Terre Piane Strada dei Vini e dei Sapori della Pianura Modenese

di Iole Piscolla

MappaArticolo georeferenziato

È il territorio delle Piccole Corti padane, dei Castelli e dei palazzi di Pio di Carpi, dei Pico di Mirandola, dei Campari di Soliera e delle Rocche Estensi di Finale Mirandola. Quella delle Terre Piane è la neonata Strada del Vino, la più giovane, ad oggi, in Italia. Itinerario con il quale si abbandonano le colline a cui i percorsi enologici abituano e si percorre un tratto di Pianura Padana, spesso erroneamente bistrattata, dall'essere considerata paesaggio monotono di fitte nebbie poco congeniali all'attività enoturistica.

Tutt'altro, attraversando gli itinerari consigliati dalla Strada dei vini e dei sapori della Pianura modenese, se ne percorre un'intera area, apprezzando così la sua anima più intensa e ricca di sorprese, abbracciando un comprensorio fra i più interessanti per l'ampiezza del "paniere" e per la collocazione geografica, felice anche per la vicinanza con le principali arterie stradali e autostradali che attraversano l'Emilia Romagna. Il consumatore evoluto ricerca il prodotto modenese in base alla sua connessione con il territorio e il paesaggio agrario attuale è, anche in questi luoghi, pronto per accogliere il turista giocando sui suoi punti di forza: il vino autoctono, i salumi e i formaggi tipici e la ristorazione tipica.


I Terrazzi fluviali e le Terre di Lambrusco
Carpi è il punto di Partenza di questo percorso. Città d'arte e cultura, in cui l'antico Castello dei Pio troneggia fra i monumenti storici che rendono indimenticabile la grande Piazza Martiri.
E' nel cuore delle Terre Lambrusco Salamino di Santa Croce che prende vita questo itinerario percorribile sia in auto che in bicicletta per arrivare alla residenza estiva dei Pio di Savoia a S. Antonio in Mercadello. Seguendo l'argine del fiume Secchia si possono ammirare le Corti di Cavezzo e le Ville di San Prospero che conducono dolcemente verso la zona d'origine del Lambrusco di Sorbara. Sono le campagne più verdi della pianura; qui, nell'antico borgo di Soliera, è d'obbligo visitare la Rocca Campori. Proseguendo poi verso Campogalliano, celebre per la produzione delle bilance, il fiume diventa riserva naturale ricca di percorsi naturalistici, fra conche d'acqua, piante autoctone ed esotiche, laghetti per gli amanti del surf e del canottaggio.


Ville Patrizie e Rocche Estensi
Finale Emilia, situata fra le province di Modena, Bologna e Ferrara, è il punto di partenza di questo percorso, che attraversa le belle ville patrizie e le Rocche Estensi. Una visita turistica della città non può non iniziare con l'antico castello divenuto residenza estiva degli Estensi di Ferrara e con la duecentesca Torre dei Modenesi per continuare con il Duomo, il Campanile Romanico e la Collegiata, la Chiesa del seminario con quadri del Guercino e di Dosso Dossi, il Teatro e l'antico Cimitero Ebraico con lapidi d'epoca. Si prosegue per pochi chilometri per San Felice sul Panaro, dove la magnifica e ben ristrutturata Rocca Estense, nel cuore del Borgo Medievale, conserva le caratteristiche originarie. Risalendo l'argine sinistro del Panaro, si possono ammirare le splendide Ville Patrizie affacciate sul fiume con parchi e giardini, e quelle, diradanti come un mosaico fra vigneti e frutteti, nei comuni di Medolla, Cavezzo, S.Prospero.


Dove fu inventato lo zampone
L'area delle valli, a nord del territorio, è costellata da oasi e riserve naturali, fra coltivazioni specializzate di meloni, cocomere, legumi, cereali e riso. Nell'oasi Le Meleghine di Finale Emilia si sperimentano tecniche innovative di depurazione naturale delle acque. Nelle Valli dei Dossi e delle Acque il paesaggio è unico fra specchi d'acqua, voli di aironi e boschi recenti. I caratteristici Barchessoni rinnovano un'antica passione per l'allevamento dei cavalli. La Pieve di Quarantoli, la Chiesa di San Francesco e l'antico Castello di Mirandola raccontano la storia della patria di origine di Giovanni Pico.
Qui, narra la leggenda, fu inventato lo zampone di Modena. A Concordia, l'Oasi Valdisole è un esempio di ripristino ambientale ben risuscito. La vista delle valli si completa fra i canali di Novi di Modena e le aree umide a nord di Carpi, dove fiorisce la coltivazione del riso.


Terre Piane Strada dei Vini e dei Sapori della Pianura Modenese

Associazione Terre Piane Strada dei Vini e dei Sapori della Pianura Modenese
Sede Operativa
Piazzale Re Astolfo 1 - 41012 Carpi
Tel. 0535/204406
www.terrepiane.net
info@terrepiane.net

Letto 4724 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Iole Piscolla

Iole Piscolla


 e-mail

Iole Piscolla scrive da anni di turismo ed enogastronomia. E’ un tecnico di Strade del vino e da tre anni dirige il Centro Studi e Servizi alle...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area travel

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti