Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino

Chianti Docg Riserva 2008

di Commissione di TigullioVino

Vitigni: Sangiovese (85%), Merlot (15%) - Bottiglia: 75 cl - Alcol: 13,5% - Lotto: C25042010 Fascetta Docg ABI 09987851 - Bottiglie prodotte: 3.500 - Prezzo sorgente:

Alla vista è limpido, di colore rubino carico tendente al porpora. Al naso si presenta intenso, persistente, fine, ampio, con sentori floreali, fruttati, vegetale-balsamici e speziati d’iris un po’ appassito, ciliegia e lampone maturi ed un po’ macerati, erbe aromatiche e balsamiche leggermente essiccate, e lieve di pepe macinato e boisè. In bocca è secco, sufficientemente fresco, sapido, giustamente astringente, caldo, di buona struttura, abbastanza continuo, con gradevole fondo amarognolo. Retrogusto: vena astringente e note floreale, fruttata, balsamica e speziata.

Note: Buono. Ottenuto da scelte uve sangiovese (85%) e merlot (15%) pigiadiraspate, fatte fermentare e macerare per 14 giorni in botti di cemento a 28°. Dopo la fermentazione malolattica il vino matura per 18 mesi in barriques di secondo passaggio, seguiti da 10 mesi d’affinamento in bottiglia. Evoluzione: ancora giovane, ma già discretamente equilibrato. Prezzo medio in enoteca: € 6,70.

Valutazione di Tigulliovino: 16/20 (@@@@)

Letto 3433 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Scoto Paolo Scoti

il 30 aprile 2012 alle 14:27
#1
Sono contento di trovare recensito il prodotto di questa fattoria.
In uno dei miei viaggi enogastronomici in Toscana, ho scoperto questo produttore, e sono rimasto molto colpito dalla produzione di qualità. A mio avviso il Chianti Riserva è un vino veramente elegante, in cui forse l'unico neo possono essere i tannini appena ruvidi. Ma sicuramente qualche altro mese di affinamento in vetro lo renderà perfettamente equilibrato.
Una grande sorpresa nel supertuscan Quanta Cura, dove trovo azzeccato il blend merlot+colorino che supera un pò gli stereotipati accostamenti di soli vitigni francesi, un esperimento riuscito veramente bene!

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.