Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Vino

Cantine Spadafora

MappaDove siamo

Cantine Spadafora
Zona Industriale 18 Mangone (CS)
spacer
Telefono Telefono: 0984.969080
spacer
Indirizzo web Web: www.cantinespadafora.it
spacer
Indirizzo Email E-mail: info@cantinespadafora.it
Comprare vini, birre e cose buone online con gli amici Comprare vini, birre e cose buone online in gruppo
La famiglia Spadafora produce vini di elevata qualità da tre generazioni, nel primo ventennio di attività l’Azienda ha operato nella zona a D.O.C. di Donnici, a sud di Cosenza, commercializzando il proprio vino a livello locale. Nel 1991, in seguito all’ampliamento dei propri mercati di riferimento, la cantina venne trasferita nell’attuale sede, nel territorio di Mangone in una struttura di complessivi mq. 5.000 di cui 800 coperti, dando inizio alla produzione ed alla commercializzazione dei vini sul mercato nazionale nazionale ed internazionale. Nel 2001, in seguito all’evoluzione della domanda volta sempre più a produzioni di qualità, la cantina ha subito un radicale intervento strutturale e produttivo. Oggi la Cantina Spadafora si sviluppa su un’area complessiva di mq. 20.000 di cui 2.500 coperti. La struttura è suddivisa funzionalmente in tre aree: area lavorazione uva ed affinamento vino, area imbottigliamento vino, area stoccaggio prodotto finito. All'interno della cantina è allestita una caratteristica enoteca dove è possibile effettuare degustazioni guidate dei vini prodotti dall'azienda. Possiamo quindi affermare che oggi le Cantine Spadafora, rappresentano un fiore all’occhiello dell’enologia calabrese, grazie alla passione ed alla tenacia di una famiglia che ha da sempre legato il proprio nome al mondo del vino.

La famiglia Spadafora, vanta una tradizione secolare nel settore enologico; sono quattro infatti le generazioni che legano il nome Spadafora al settore enologico. L'attività ha inizio nel 1875 circa, quando il primo componente della famiglia, Francesco Spadafora, si avvicina al mondo del vino iniziando il commercio di vini sfusi del territorio. Nel 1915 Ippolito Spadafora, figlio di Francesco, continua degnamente l’attività paterna, senza grossi cambiamenti ed evoluzioni, egli seppe espandere l’attività in tutto il territorio provinciale; è doveroso fare un grande plauso a questo piccolo grande uomo in quanto, in un difficile momento storico come quello della guerra e del dopoguerra, egli seppe tenacemente consolidare quanto ereditato dal padre. Nel 1968 un radicale cambiamento nelle attività aziendali, Domenico Spadafora, figlio di Ippolito, vista l’evoluzione del mercato, volle perseguire una strada totalmente nuova rispetto al passato, avviando una linea di imbottigliamento volta alla distribuzione dei vini su tutto il territorio regionale.

Nel 1991 poi un ulteriore passo, verso la qualità totale, l'ammodernamento della cantina, con il trasferimento della stessa in una nuova struttura, in cui nulla viene lasciato al caso, qui la tradizione si sposa con la tecnologia. Egli riuscì a conciliare i metodi di produzione tradizionali, ai nuovi ed innovativi sistemi di lavorazione ed imbottigliamento, determinando un salto di qualità dell’azienda che consentì di produrre un vino dalle caratteristiche uniche, il vino Donnici D.O.C.. Oggi, la continuità e l’evoluzione di una storia familiare votata all’enologia è rappresentata dal giovane Ippolito Spadafora, figlio di Domenico, il quale seguendo la passione e gli insegnamenti del padre e del nonno, dopo anni di studio ed esperienza in seno all’azienda, grazie alla collaborazione ed all’impegno di esperti enologi ed agronomi, esaltando le caratteristiche dei vitigni autoctoni, è riuscito ad ottenere una linea di prodotti di altissima qualità, apprezzati su tutto il territorio nazionale, anche dai consumatori più esigenti e competenti.


Considerazioni di TigullioVino

Novembre 2005
Da quello che hanno espresso i vini degustati, il giudizio è senz'altro positivo. Per ottenerli, occorrono non solo uve sane e mature, ma valide esperienze enologiche e moderne e razionali attrezzature in cantina. Ottimale anche l'uso delle barriques, mai invasivo sul frutto. Continuando su questa strada, i vini rossi già buoni, saliranno ai più alti livelli qualitativi. Da migliorare un poco invece il Donnici Doc Rosato e, conferire maggiore struttura e bouquet, al Donnici Doc Bianco. Campionatura degustata dalla Commissione distaccata di Genova.
Letto 666 voltePermalink

Degustazioni vino