Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Olio

Frantoio Gullo

Frantoio Gullo
Contrada Mandria di Carlo - Aliminusa (PA)
spacer
Telefono Telefono: 3286911768;333434741
spacer
Indirizzo web Web: www.frantoiogullosicilia.it
spacer
Indirizzo Email E-mail: frantoiogullo@tiscali.it
L’azienda Frantoio Gullo (Tel. 091-8997422) è situata nel Comune di Aliminusa, una piccola cittadina in provincia di Palermo, a circa 450 metri sul livello del mare, nella Valle del Torto. Il territorio fa parte delle basse Madonie, estremità occidentale, alle spalle di Termini Imerese, e gli uliveti si trovano in una zona prettamente collinare con clima prevalentemente mite, ideale per la coltivazione dell’olivo. Le cultivar più diffuse e caratteristiche di questo territorio sono Biancolilla e Ogliarola. L’azienda Gullo nasce nel 1995 ed è gestita da giovani imprenditori, Domenico ed Epifanio, molto affezionati a questa terra e con una passione particolare per l’olivicoltura.

Frantoio Gullo fin dalla sua nascita, nel 1995, ha avuto come obiettivo “qualità e genuinità”: mission che è stata sempre portata avanti con costanza e dedizione nel rispetto del territorio e della tutela del consumatore.

Tutto il patrimonio varietale è costituito di cultivar (Biancolilla e Ogliarola Messinese) segnatamente autoctone del nostro territorio, le “basse Madonie”, ed è stato mantenuto inalterato nel tempo. In ogni goccia del nostro olio extravergine d’oliva si percepisce l’umanità e la passione di chi ha lavorato per ottenerlo.

Il nostro “saper fare” si fonda su solidi principi:

  • rigorosa selezione delle migliori olive giunte alla giusta maturazione per ricavarne un olio di elevata qualità,

  • raccolta e molitura in tempi ridotti al minimo per evitare la formazione di difetti e caratteristiche negative,

  • corretta gestione del sistema di trasformazione che avviene in frantoio,

  • ideale conservazione dell’olio rispettando scrupolosamente le regole igieniche–sanitarie di tutti i passaggi.

Un patrimonio ancora genuino di conoscenza che sposa nella piena armonia della tradizione colori, profumi, gusti, sensazioni e Arte Sicula di una comunità rurale.

Dal 2018 abbiamo pensato di produrre anche oli aromatizzati frutto di sapienza e conoscenza delle erbe e aromi spontanei del nostro territorio in Aliminusa (Palermo), pensati per arricchire l’olio extra vergine d’oliva di sapori e praticità facendo riscoprire le antiche tradizioni di una cucina casereccia tipica e qualitativa.

Ogni nostro olio aromatizzato racconta una storia fatta di bontà e genuinità.

Per ottenere un buon olio aromatizzato seguiamo procedure ben precise e opportunamente codificate.

  1. Prima di tutto c’è la selezione dell’olio extravergine di oliva.

  2. Poi c’è la preparazione degli aromi selezionati e manipolati con cura privilegiando l’eccezionalità delle erbe e degli aromi presenti nel nostro territorio. Al momento abbiamo selezionato Basilico, Origano, Rosmarino e Peperoncino.

  3. Nella fase successiva avviene l’immersione di erbe e aromi nell’olio extravergine di oliva.

  4. Il processo si conclude con l’imbottigliamento nella confezione spray da 50 ml oppure nella bottiglietta da 250 ml con il classico tappo salva-goccia,

Lungo l’intero processo ci siamo noi, le persone che con passione e competenza contribuiscono a realizzare e confezionare oli aromatizzati di alta qualità.

La nostra è una Azienda che cerca di far vivere e di far conoscere alle nuove generazioni le bellezze naturali del nostro paesaggio rurale, ma anche la bontà e genuinità dei prodotti agroalimentari che si coltivano nel territorio.

Noi amiamo dire “Ti puoi fidare” per esprimere quanto la nostra famiglia sia innamorata del proprio lavoro.

Dal 2018 l’Azienda ha avviato la produzione di oli aromatizzati, sulla base di richieste di mercato. Gli oli si producono sulla base dell’olio extravergine di oliva Terre senz’acqua, al quale viene addizionato, in una percentuale massima del 5%, l’aroma naturale, nelle seguenti varianti:

  • BASILICO
  • ORIGANO
  • PEPERONCINO
  • ROSMARINO




Il nome dell’olio “Terre senz’acqua” vuole ricordare proprio le caratteristiche del paese, che gli arabi hanno chiamato a suo tempo Armisch, da cui deriva Aliminusa. In lingua Araba Armisch significa “valle arida” … “valle senz’acqua”. È vero, qui non c’è acqua, ma proprio per questo dalle olive, che qui crescono, si ricava un olio pregiatissimo. La produzione dell’olio extravergine “Terre senz’acqua” proviene in parte dall’uliveto della famiglia Gullo e in parte dalle eccedenze di produzione degli abitanti di Aliminusa e Montemaggiore Belsito. Qui ogni famiglia possiede qualche decina di piante di ulivo, da cui queste micro aziende ricavano l’olio per il loro fabbisogno familiare, nel rispetto assoluto per la salute e l’ambiente, senza usare crittogamici, e limitandosi alla lavorazione del terreno e alla potatura. L'obiettivo dell'azienda Gullo è quello di porre in commercio un olio d'oliva extravergine che possa soddisfare le esigenze dei consumatori attenti alla genuinità e in grado di apprezzare la qualità di questo eccellente prodotto. L’Azienda cerca di far vivere e di far conoscere alle nuove generazioni le bellezze naturali del paesaggio rurale, ma anche la bontà e genuinità dei prodotti agroalimentari che vi si coltivano. La nostra economia agricola da sempre, grazie ai sacrifici dei nostri avi, ci ha consentito una vita di grande qualità sotto l'aspetto umano e culturale. Oggi, purtroppo, a causa del basso reddito procurato dai prodotti agricoli, si tende a dimenticare le fatiche delle generazioni precedenti e ad abbandonare il lavoro dei campi, rischiando così di perdere una rara opportunità di crescita economica, in un periodo in cui il settore industriale sta mostrando tutti i propri limiti. Noi ci impegniamo a mantenere in coltura tutto ciò che abbiamo e anzi vogliamo, se possibile, migliorare e promuovere in maniera moderna i nostri prodotti agricoli.

La raccolta delle olive avviene a mano, per brucatura. L'operazione è assai onerosa ma ha il vantaggio di mantenere il frutto integro, condizione indispensabile per ottenere un olio dalle qualità organolettiche ottimali.. In questo modo infatti il frutto rimane perfettamente integro e la sua polpa non subisce alterazioni di tipo chimico – fisico e organolettico, che potrebbero trasmettersi all’olio. Tutte le olive raccolte sono riposte in cassette ben areate, conferite al frantoio e molite entro le 24 ore successive. L’estrazione dell’olio nel frantoio avviene con linee di lavorazione moderne, a freddo e a ciclo continuo. L’intero processo é gestito con attenzione particolare perché costituisce la fase più delicata per garantire l’elevata qualità del prodotto finale. L’olio extravergine che si ricava contiene composti (polifenoli e fenoli) importanti per la conservazione e la stabilità nel tempo del prodotto finale ed essenziali per offrire e mantenere le sensazioni organolettiche (tipo e intensità di fruttato, sensazioni di pomodoro, di carciofo, di erba fresca, fluidità in bocca, livello di dolce, di amaro, di piccante) percepibili al naso e al palato.

L’olio ottenuto dalla spremitura é conservato in appositi contenitori in acciaio inox dove avviene la decantazione naturale fino al momento dell’imbottigliamento in vetro scuro o in lattina. È molto importante, dopo l’estrazione, riparare l’olio dalla luce diretta la quale accelera il processo di invecchiamento dell’olio (perdita di stabilità). Sia l’acciaio inox, sia il vetro scuro o la protezione con carta stagnola garantiscono di mantenere nel tempo la qualità iniziale dell’olio e conservarla più a lungo, almeno per i diciotto mesi prima della scadenza. Da numerose analisi, di annate diverse, eseguite presso il Laboratorio Chimico delle Dogane di Palermo, su diversi campioni di olio “Terre senz’acqua”, è risultato un livello di acidità (percentuale di acido oleico) tra 0,1% e 0,2%. Infine nelle prove organolettiche eseguite sia presso l’O.N.A.O.O. (Associazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva), sia presso la Sala Panel della C.C.I.A.A. di Palermo, l’olio ha ottenuto un punteggio medio di 8 (molto vicino al massimo, che é 9).

La produzione di olio del Frantoio Gullo “Terre senz’acqua” è di qualche migliaio di litri, anche se la quantità ogni anno può variare a seconda dell’andamento climatico. La vendita avviene solo direttamente in frantoio, con spedizione tramite corriere. Le confezioni sono in lattina da 3 o 5 litri e in bottiglia da 10, 50, 75 o 100 centilitri. Questi i riferimenti telefonici: Domenico: 3334347412.

Dal 2009 l’Azienda Gullo promuove varie iniziative rivolte alle scuole per la diffusione della cultura dell’olio di oliva extravergine. A tale proposito segnaliamo alcuni video realizzati di recente per chi abbia piacere di vivere più da vicino la realtà dell’azienda Gullo e del suo territorio:
Link Video di Alessandra Tusa per Terre senz’acqua

Link Video Rai 3 di Alessandra Tusa per Frantoio Gullo “I bambini e l’olio” con i bambini di Bagheria

Video Rai da TGR Sicilia del 22 dicembre 2012. “La sfida di Epifanio” Servizio di Nuccio Vara e montaggio Fabio Di Marco

Sul sito del Frantoio Gullo Sicilia (http://www.frantoiogullosicilia.it/ Sezione Eventi e News)da leggere un interessante Articolo apparso su Espero (giornale del comprensorio Termini Cefalù Madonie) del 1 Gennaio 2012: La favola dell’olio raccontata ai bambini della scuola paritario dell’infanzia “Sant’Anna” di Aliminusa a firma Barbara De Gaetani.

Leggi tutto[7] degustazioni

Ultime aziende degustate

Pubblicità Campionature Olio Risorse Interagisci

 feed rss area olio

Archivio

Articoli correlati: Area olio

  • Virgilio Pronzati

    L'olio d'oliva: condimento, salute e...
    Virgilio Pronzati in Olio

    Pubblicato il: 22 settembre 2013 alle 15:42Pubblicato il: 22 settembre 2013 alle 15:42

    Poche piante come l’olivo caratterizzano il paesaggio della maggior parte delle regioni italiane. La sua diffusione è seconda a quella della vite. E tanto diffuso che sembra quasi nativo del nostro Paese. In realtà la sua origine oltre che antica e molto lontana. Recenti studi fanno risalire il suo luogo di nascita in un vasto comprensorio che comprende...

    letto [13565] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Virgilio Pronzati

    Premio Leivi 2013 - L'eccellenza olearia...
    Virgilio Pronzati in Olio

    Pubblicato il: 05 agosto 2013 alle 17:41Pubblicato il: 05 agosto 2013 alle 17:41

    Con le sue diciannove edizioni, Il Premio Leivi si conferma il più autorevole concorso oleario della Liguria e tra i più significativi del nostro Paese.  Nato quasi in sordina nel lontano 1994 e promosso dal Comune di Leivi col sostegno della Camera di Commercio di Genova, il Premio è la testimonianza della vocazione olivicola del territorio. ...

    letto [22359] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Virgilio Pronzati

    Premio Leivi 2012 - 18 anni di...
    Virgilio Pronzati in Olio

    Pubblicato il: 06 agosto 2012 alle 01:58Pubblicato il: 06 agosto 2012 alle 01:58

    Il Concorso è diventato maggiorenne
. Il Premio Leivi è il più autorevole concorso oleario della Liguria.  Promosso dal Comune di Leivi col sostegno della Camera di Commercio di Genova e il patrocinio d’altri importanti enti ed associazioni, il Premio è la testimonianza della vocazione olivicola del territorio.  Una coltura...

    letto [16823] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Anna Zorloni

    Fleotribo dell'olivo
    Anna Zorloni in Malattie dell'Olivo

    Pubblicato il: 17 aprile 2012 alle 09:58Pubblicato il: 17 aprile 2012 alle 09:58

    Il fleotribo, Phloeotribus scarabaeoides, è un coleottero appartenente alla famiglia degli Scolitidi, che attacca principalmente l’olivo e, talvolta, altre piante ospiti, prevalenetmente oleaceae. L'adulto ha il corpo compatto e nerastro, lungo circa 2-3 mm, con antenne “flabellate”. La larva, invece, ha il corpo biancastro, ricurvo e carnoso, lungo...

    letto [13918] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Anna Zorloni

    Rogna dell' olivo
    Anna Zorloni in Malattie dell'Olivo

    Pubblicato il: 14 febbraio 2012 alle 10:36Pubblicato il: 14 febbraio 2012 alle 10:36

    È una malattia molto comune, presente in tutte le regioni di coltivazione dell'olivo, provocata dal batterio Pseudomonas savastanoi. Colpisce prevalentemente i rami più giovani della pianta, determinando la formazione di tipiche tuberosità tumorali irregolari, inizialmente piccole e di colore grigio-verde, che successivamente aumentano di dimensioni e...

    letto [14722] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Anna Zorloni

    Cocciniglia "mezzo grano di...
    Anna Zorloni in Malattie dell'Olivo

    Pubblicato il: 03 gennaio 2012 alle 10:10Pubblicato il: 03 gennaio 2012 alle 10:10

    Saissetia oleae è la cocciniglia più diffusa e dannosa degli oliveti. Deve il suo nome alla forma della femmina adulta, caratterizzata da un rilievo dorsale di colore scuro simile a mezzo grano di pepe; è lunga 3-4 mm. Saissetia oleae provoca danni diretti sottraendo linfa alla pianta e danni indiretti per il rilascio della melata che si deposita sulla...

    letto [14321] volteLeggi tutto[0] commenti