Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, alessandria, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, camera di commercio di genova, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, guglielmina costi monaci, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, onav, ovada, ovada docg, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Golosità pugliesi al Vitturin 1860

di Virgilio Pronzati

Recco è sicuramente uno dei migliori esempi della laboriosità, tenacia e spirito imprenditoriale della gente ligure. Completamente distrutta dalla guerra (seconda dopo Montecassino) e privata delle comunicazioni viarie con i paesi vicini, Recco ha saputo risorgere e costruirsi nel tempo una solida economia basata su prodotti dell’artigianato e in gran parte sulla ristorazione, tanto da divenire l’attuale capitale gastronomica della Liguria. Dalle semplici locande e chioschi nella metà dell’Ottocento, si è passati alle trattorie ad inizio del Novecento e,  a buoni ristoranti già negli anni ’70-80. Solare cittadina di poco meno di 10 mila abitanti, Recco può vantare  ben tre ristoranti ultracentenari tra cui il Vitturin  1860.    Era appunto quell’anno che Caterina Crovetto e il marito Gianbattista Badaracco antenati degli attuali patron, iniziarono un'avventura lunga sei generazioni. Nel 1961 fu la figlia Rita, assieme al marito Lino Squarzati, ad aprire una nuova trattoria dal grande forno a legna, dove i clienti potevano osservare tutte le fasi di preparazione della sempre più...
Letto 1954 volteLeggi tutto[0] commenti

Genova Wine Festival 2019

di Virgilio Pronzati

Lo storico Palazzo Ducale, fiore all’occhiello della città, per due giorni è stato teatro di un evento enoico di rilievo nazionale. Nel fastoso e suggestivo Salone del Maggior Consiglio, oltre il meglio dell’enologia ligure, c’era una selezionata gamma di pregiati vini nazionali prodotti da cinquantuno aziende, provenienti da undici regioni. In testa la Liguria, seguita nell’ordine da Piemonte, Lombardia, Toscana, Veneto, Sardegna, Alto Adige, Friuli, Marche, Basilicata e Puglia. Non solo. Oltre la degustazione di circa duecentocinquanta vini di tutte le tipologie, la possibilità di acquistarli, il piacere di assaporare le tipiche ghiottonerie genovesi e liguri, e istruttivi laboratori, convegni e dibattiti sul vino.       Genova, come per altre centrate iniziative, ha risposto alla grande. Oltre tremila appassionati visitatori di cui in parte di altre regioni, hanno preso quasi d’assalto i banchi d’assaggio. Degustazioni attente, seguite da numerose domande ai produttori sono state il filo conduttore delle due intense giornate.  Gradita sorpresa, la grande partecipazione di giovani di cui, in gran parte...
Letto 1652 volteLeggi tutto[0] commenti

Il Controcenone del Piatto di Nettuno al Circolo dei Nobili

di Virgilio Pronzati

Guglielmina Costi Monaci creatrice e presidente dell’Associazione Piatto di Nettuno, per l’ edizione 2019 del Controcenone si è superata. L’ormai nota iniziativa per mantenere la salute a tavola ed il piacere della convivialità e dell’’amicizia, quest’anno si è tenuta nello splendido salone dell’esclusivo Circolo dei Nobili situato nel seicentesco Palazzo Lomellini-Doria Lamba, uno degli storici Palazzi dei Rolli di Genova, fatto erigere per Stefano Lomellini.   Il Circolo fu istituito nel 1836 dal Marchese Stefano Giustiniani ed altri quarantaquattro notabili appartenenti all’aristocrazia filo-sabauda della città. Ancor oggi il Circolo raggruppa in gran parte le grandi famiglie genovesi, contando  ben 336 soci tutti uomini.      Federico Alizeri, nel suo Manuale del forestiere per la città di Genova (Genova, 1846 pag. 330-331) scrive: «In questo palazzo è stabile da parecchi anni un così detto casino, nel quale si riunisce in dilettevoli e splendidi trattamenti il fiore della genovese società. Si regola lo stabilimento con appositi...
Letto 1968 volteLeggi tutto[0] commenti

Quarta edizione di Grandi Langhe

di Virgilio Pronzati

Alba, teatro di eventi enoici di livello internazionale. Un ruolo di rango, meritatamente acquisito da lungo tempo. L’ennesimo esempio, Grandi Langhe, giunto con successo alla quinta edizione.  Una due-giorni, il 28 e 29  gennaio scorso, dedicato ai grandi vini dell’Albese, che ha convogliato al Palazzo Mostre e Congressi di Piazza Medford, oltre 600 visitatori tra giornalisti e operatori specializzati provenienti da più di venti nazioni. Manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani insieme al Consorzio Tutela Roero, con il sostegno della Regione Piemonte, dell’Ente Turismo Langhe Monferrato e Roero e Ubi Banca.  Protagonisti, millecinquecento pregiati vini Doc e Docg di 206 cantine della provincia Granda. Un grande tasting che in anteprima, ha posto all’attenzione di tutti i partecipanti le nuove annate di Barolo 2015, Barbaresco 2016, Roero 2016 e le DOC Langhe. Decisamente positive le risultanze. Barolo ovviamente giovani ma di grande struttura e personalità, che pur già piacevoli, adatti ad un lungo affinamento. Daranno il meglio di se nel prossimo decennio. Lo stesso per...
Letto 1578 volteLeggi tutto[0] commenti

La buona farinata da Franz & Co

di Virgilio Pronzati

La farinata o meglio a fainâ, per i zeneixi non è solo una ghiottoneria ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta con farina di ceci, acqua, olio d’oliva e sale, cotta nel forno a legna e, appena tolta dal forno, condita con un pizzico di pepe nero. Le sue origini affondano le radici in un lontano passato.    L’etimo del nome farinata è sempre più certo che derivi dalla voce dialettale scribilita, ossia  una sorta di sottile focaccia citata da Catone nel suo De re rustica.  In un decreto del 1447 emanato dal Governo di Genova si parla appunto della scribilita o scripilita, e delle norme che ne disciplinavano la produzione, la qualità dell’olio d’oliva, misura del testo e il prezzo: . Quale prezzo debbono esigere i fornai, per cuocere le scribilite…   Le antiche botteghe dove si faceva la farinata si chiamavano sciammadde ed erano quasi tutte collocate nei carruggi del centro storico genovese. Il curioso nome, deriva dal genovese fiammata. Nei secoli scorsi, coloro che la preparavano era chiamati farinatarii, poi...
Letto 2569 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti