Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

ais, alba, alessandria, anteprime, asti, banchi d assaggio, barbaresco, barbera, brunello di montalcino, camera di commercio di genova, cervim, concorsi, concorsi enologici, cuneo, eventi vino, firenze, fisar, francia, genova, gioacchino la franca, go wine, guglielmina costi monaci, liguria, manifestazioni sul vino, massimo corrado, onav, ovada, ovada docg, piemonte, recco, roberto gaudio, savona, siena, silvano d orba, silvia pezzuto, star hotel president, toscana, valle d aosta, vini liguri

Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Terza Edizione di The Wine Revolution

di Virgilio Pronzati

Paolo Cogorno e Nicoletta Zattone possono essere in gran parte soddisfatti.  Quest’ultima duegiorni enoica The Wine Revolution che da tre anni organizzano, ha richiamato almeno duemila visitatori all’Ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante.    Ben cinquantadue i produttori presenti, di cui dodici della Liguria, sei del Piemonte, sei della Lombardia, cinque della Toscana, quattro della Sicilia, quattro del Friuli, tre del Veneto, tre del dell’Emilia Romagna, due della Calabria, due della Spagna e, rispettivamente  con uno, da Abruzzo, Campania, Corsica, Marche e Lazio che, assieme ai garagisti, propongono oltre trecento vini in degustazione.    Il titolo della manifestazione deriva proprio dai produttori partecipanti: Vignaioli “rivoluzionari” che hanno in comune il rispetto per la terra, la tutela e la valorizzazione del loro territorio, usando pratiche naturali. Un percorso guidato alla scoperta del meraviglioso mondo del vino artigianale di qualità e di filosofia naturale.    Novità di quest’anno, la partecipazione di un folto gruppo di “garagisti”, ossia...
Letto 1304 volteLeggi tutto[0] commenti

I vini d’Autore delle Cantine Lunae di Paolo Bosoni

di Virgilio Pronzati

Paolo Bosoni, viticoltore spezzino, è il personaggio del momento nel mondo del vino. Da oltre un ventennio, i sui vini raccolgono premi e trofei, nei più importanti concorsi nazionali ed esteri.  Un elenco che la dice lunga. Già nel 2003, in occasione del 31° Concorso nazionale Vini Doc e Docg Premio “Douja d’Or” di Asti, ha fatto l’en plein: un Oscar (l’eccellenza nei vini) e cinque medaglie d’oro. Un risultato che non ha riscontro in nessuna precedente edizione. Altri importanti premi, poi passando al 2006, oltre al vincere il Premio Douja d’Or, l’Oscar qualità/prezzo per l’Almanacco del Berebene del Gambero Rosso, due di bronzo rispettivamente nel Regional Trophy Decanter Wine Awards e The International Wine and Spirit Competition, vince una prestigiosa medaglia d’argento al Rocky Mountain Wine Show, il più importante concorso enologico del Canada.  L’anno seguente, al Premio Douja d’Or, si aggiudica ben due Oscar, a cui fa seguito una medaglia d’argento al Regional Trophy Decanter Wine Awards, e un’altra al 6° Concorso internazionale La...
Letto 1418 volteLeggi tutto[0] commenti

Barile Day 2019

di Virgilio Pronzati

La prima distillazione di Luigi Barile risale al lontano 1976. La grappa ottenuta quell'anno dalle fresche vinacce di dolcetto, pensate, è ancora in parte in botte. Così, tranne un periodo di forzata pausa, per altri vecchi millesimi, fino all’ultima nata del 2019. Per anni, Luigi Barile, profondendo denaro, tenacia e fatica crea solo grappe d'autore. Il sommo Veronelli elogiò la sua grappa invecchiata, mentre il giornalista e scrittore Carlo Cambi, l’ha definito il sacerdote della serpentina. Il suo credo è l'assoluta qualità, garantita dall'utilizzo di vinacce fresche poco spremute e pertanto pregne di aromi (di piccoli e qualificati produttori locali) e distillate nell'ordine, in poco più di un mese, usando caldaiette a vapore e alambicchi in rame, e un lungo invecchiamento in botti di rovere.     Mentre molti altri usano vitigni cosi detti “nobili”, lui impiega solo dolcetto.  Una scelta vincente: dalle vinacce di questo vitigno coltivate nella zona del Dolcetto d’Ovada, Luigi Barile da vita a grappe di straordinaria fragranza e personalità.  Fruttate e morbide quelle giovani e...
Letto 1538 volteLeggi tutto[0] commenti

Tasting nel regno del Timorasso

di Virgilio Pronzati

Claudia Paracchini, amica, sommelier professionista e collaboratrice ai miei stessi siti  Tigulliovino e Enocibario, circa due mesi fa mi ha coinvolto in un viaggio enologico nel Tortonese alla ricerca del Timorasso, con tappe nelle cantine di tre produttori: Luigi Boveri, Claudio Mariotto e Walter Massa. Ma prima di passare al tasting dei vini dei produttori citati, parliamo un po della zona.     Sino a vent’anni fa, il Tortonese era considerato la Cenerentola del Piemonte vitivinicolo. Tra le cause, la mancanza di grandi e blasonate cantine, i prezzi più bassi sia delle uve che dei vini rispetto alle altre zone produttrici, la gran vendita di vini sfusi in damigiane e taniche e, la mancata citazione di questi vini sulle riviste cosiddette specializzate o un certo disinteresse da parte della stampa di settore.      Oggi fortunatamente le cose sono cambiate. Il merito di ciò va in primis al viticoltore Walter Massa che, col suo Timorasso, ha richiamato l’attenzione su di se, facendo non solo parlare e scrivere del territorio, ma stimolando altri produttori a produrre vini di pregio. Oggi la qualità dei vini dei...
Letto 1729 volteLeggi tutto[0] commenti

Gli Oscar del Piatto di Nettuno

di Virgilio Pronzati

Per descrivere al meglio l’attività di Guglielmina Costi Monaci, sarebbe necessario stamparne un libro. Sono trent’anni e più che la Costi Monaci inventa, crea e realizza importanti iniziative socioculturali legate non solo all’alimentazione, ma spaziando dal benessere delle persone alla corretta convivialità, mantenendo la salute a tavola senza perdere il piacere e la cultura del cibo. Una formula vincente e copiata oggi da tutti, che Guglielmina genialmente attuò, mettendo assieme illustri medici specialistici e  noti chef.     Proprio trent’anni fa, Guglielmina  Costi Monaci fu la prima giornalista a realizzare una campagna nutrizionale a favore del consumo del pesce nel nostro Paese, denominata “Piatto di Nettuno”.  A quei tempi, benché il nostro paese è per la maggior parte bagnato dal mare, il consumo di pesce era tra i più bassi d’Europa. Dopo alcuni anni la situazione cambiò: maggior consumo di pesce, in particolare quello azzurro, sulle tavole degli italiani.      Ma non solo pesce.  Guglielmina seguendo un itinerario...
Letto 2052 volteLeggi tutto[0] commenti

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti