Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

barbera, blog, blogger, comunicazione, eventi, eventi vino, filippo ronco, garage wines contest, genova, internet, liguria, lombardia, magazzini del cotone, manifestazioni, marche, marketing, piemonte, porto antico, prezzo sorgente, prodotti tipici, rete, sicilia, social network, terroir vino, terroirvino, tigulliovino, toscana, trentino, umbria, unconference, vendita diretta, veneto, vinix, vinix live, vinix unplugged, vinix unplugged unconference, vino, vuu, web

Home > Marketing > Back office

Back office

A piccoli passi

di Filippo Ronco

MappaArticolo georeferenziato

Mi sono svegliato presto presto la mattina del convegno su vino, web e social media a Vinitaly, non amo molto parlare in pubblico ed anzi, mi crea sempre una certa apprensione anche se poi qualcosa riesco ad abbozzare. Pazienza ho pensato, in fondo sei rimasto qui due giorni in più apposta, vai, dì le tue quattro cose e puoi tornare a casa dalle tue (adorate) donne. Sono entrato presto in sala Vivaldi, circa un'ora prima dell'inizio del convegno. Tutto stramaledettamente troppo ordinato. Eravamo due, insieme a me un simpatico quasi-enologo dell'asolano venuto per "capirci qualcosa di più". Non poteva certo immaginare che la giornata sarebbe stata prevalentemente orientata a discutere delle immotivate dicotomie tra mondo dell'informazione tradizionale e mondo della condivisione dell'informazione in rete.

Quello che non si tiene presente quando si è più concentrati sull'obiettivo polemico che sulla visione d'insieme è il contesto nel quale si è svolto il convegno: Vinitaly, appunto. Un vero e proprio miracolo. Il tutto è stato certamente lacunoso: fino a pochi giorni prima dell'evento nessun cenno, nemmeno i relatori avevano una precisa idea di chi fossero i propri compagni di ventura, di quale fosse il target in sala, quale il programma o il tema preciso da affrontare. Tutto molto, troppo generico e troppo poco tempo per poter preparare qualcosa di serio e articolato ma si è trattato comunque di un miracolo.


Un'impresa non scontata

Quando dietro le quinte devi spendere più tempo a convincere i tuoi partner istituzionali della bontà dell'idea e della necessità di aprire un dialogo tra due mondi (uno dei due per lo più monolitico e inamovibile), ne resta poi poco per curare dettagli e contenuti al meglio. Faticoso: così Beppe mi ha descritto l'iter travagliato che ha portato a questo convegno. Poi non so, magari ci sono stati anche problemi organizzativi e certo non riesco a concepire come sia possibile che nulla si sapesse di questa cosa online ancora la settimana precedente l'evento ma non ostante tutto non mi sento di liquidare la cosa con un nulla di fatto.

Beppe Giuliano è riuscito in un'impresa tutt'altro che scontata. Non parlo di una semplice interazione della rete con Vinitaly, quella è sotto gli occhi di tutti ed ha trovato quest'anno una delle maggiori espressioni di sempre, tanto che mi piace definire il mio un Vinitaly people driven. No, parlo della parte tosta, quella dove bisogna superare lacci e lacciuoli, quella delle cose da vagliare, delle scelte opportune o sconvenienti, quella del coinvolgimento delle istituzioni, dei confronti - mai semplici - tra vecchio e nuovo. Uno spazio istituzionale ad internet, sia pur sotto forma di convegno, riconosciuto e approvato da Vinitaly. Considerato il contesto, questo è stato il merito di Beppe Giuliano: entrare laddove è difficile entrare, avere spazio laddove è difficile avere spazio, avvicinare alle istituzioni e all'ente organizzatore una rete che di solito preferisce ritrovarsi tra sé e sé.

A Francesco Annibali che non conosco ma leggo su intravino che si prende il tempo per ideare congetture inopportune, vorrei chiarire che nulla so degli altri relatori ma che il sottoscritto non ha percepito alcuna remunerazione per la partecipazione al convegno (e ci mancherebbe) ed è anzi rimasto appositamente a Verona due giorni in più del previsto e programmato - con indicibili casini che non vale qui la pena raccontare - proprio per dare una mano ad un amico che glielo aveva chiesto con tanta partecipazione.


A piccoli passi

Cosa è cambiato?
Magari niente, per carità e il timore è un po' sempre quello di essere usati alla bisogna. Mi ero confidato con alcuni amici il giorno prima del convegno proprio su questo aspetto. Però porto con me la netta sensazione che almeno qualcosa dello spirito nostro - dell'anarchia sostenibile, dell'autodisciplina e dell'etica come necessità per credibilità e reputazione - sia passato. Non dico certezze assolute ma almeno vibrazioni positive, queste si.

In alcuni momenti si è respirata aria pulita fatta di parole sincere a viso aperto e ve lo dice uno che di solito a pelle non sbaglia su queste cose: Amadori, il rappresentante dell'ordine dei giornalisti del Veneto da alcuni tanto bistrattato, secondo me è stato il relatore paradossalmente più "toccato" dai pensieri "nuovi" espressi durante la giornata, forse anche perchè era (mi piace usare l'imperfetto in questo caso) il più lontano da essi.

Ed è così che si fanno le cose, a piccoli passi.

Qualcuno lo avrebbe voluto lupo, secondo me si è sentito più preda e su questo - sul far sentire gli altri preda intendo - la rete dovrebbe qualche volta riflettere. Io l'ho trovato estremamente disponibile,garbato e gentile nei modi, attento e aperto al confronto. Ce ne fossero di lupi così, testa china quando gli ricordi che le redazioni dei giornali di carta normalmente hanno appuntamenti periodici con le concessionarie per pianificare la commistione tra articoli e pubblicità.

Gaja.
Non mi ha per nulla colpito la sua assenza. Anzi, mi sarei stupito di vederlo in sala e avrebbe sen'zaltro rovinato l'appeal della mia slide sulle aziende che riescono a fare buzz senza stare in rete, quindi va benissimo così.

Mi ha un po' intristito invece la prematura uscita di scena della brand manager di Vinitaly, Elena Amadini, subito dopo il suo intervento introduttivo dove ha avuto solo il garbo di ammettere che Vinitaly e rete per il momento non si stanno ancora parlando. Pensare che io sono rimasto a Verona due giorni in più apposta per questo convegno. Alle volte le priorità sono differenti, è normale.

Il convengo è andato troppo per le lunghe e non è stato dato adeguato spazio alle domande ma forse è servito ad introdurre alcuni concetti tra le maglie di un'organizzazione rigida e poco incline ai fuori programma. Chissà.


Ci vediamo a Vinix Unplugged Unconference, dove le cose girano un po' diversamente.

Letto 7246 voltePermalink[8] commenti

8 Commenti

Inserito da Maria Grazia Melegari

il 14 aprile 2010 alle 00:58
#1
Sarò breve: sottoscrivo ogni tua parola. E non scorderò mai più im vita la tua metafora della rete come "piscina naturale" che si rinnova si autoalimenta e si depura dall' interno!
Grazie di tutto, Fil.

Inserito da Filippo Ronco

il 14 aprile 2010 alle 01:00
#2
Certo, l'avessi detta in inglese a qualche convention a NY.. ;-)
Grazie cara, a presto, Fil.

Inserito da Giampiero Nadali

il 14 aprile 2010 alle 08:06
#3
Caro Filippo, abbiamo condiviso l'esperienza dal palco e sono d'accordo con te al 100% su quanto scrivi.
Aggiungo solo che il Vinitaly non è affatto la sede adatta per questo tipo di incontri: i produttori sono troppo impegnati ai loro stand a vendere, solo chi ha uno stretto interesse sul tema riesce a dedicare qualche momento, là dove i tempi sono troppo stretti per tutti.
Ciò che mi aspettavo era una maggiore attenzione da parte di Elena Amadini, brand manager di Vinitaly, ma se non sei attento tutto l'anno, perché mai dovresti esserlo per un'ora al centro dei cinque giorni che ti impegnano di più?
Faccio infine notare che, silenzioso e sul fondo della sala, ci ha seguito per buona parte del convegno Carlo Alberto Delaini, capo ufficio stampa della fiera, il responsabile (malgrado lui) della gestione dei pass ai wine blogger.
Dici bene tu, piccoli passi. E invece bisognerebbe fare dei bei salti lunghi.

Inserito da Vincenzo D'Antonio

il 14 aprile 2010 alle 08:51
#4
Ahi, credere alle fate e credere quindi che la brand manager di Vinitaly prestasse ascolto alla fase conferenziera e, addirittura, ai contributi dibattimentali.
Voi sapete benissimo quale sia il business model di Vinitaly.
Ve ne dico solo una ma, come si dice: ab uno disce omnes.
Da anni molti espositori, ovvero molti contributori delle revenues della fiera, chiedono di accorciare i giorni di exhibit portandoli da cinque a quattro.
Le fiere che in Italia (ma forse nel mondo) durano cinque giorni si contano sulle . . . . cinque dita di una mano.
Da anni l'ente fiera risponde che ci sta pensando. Sì, e poi, ci avete fatto caso, il megacartello posto all'ingresso principale del Vinitaly già indica le date del prossimo anno: dal 7 all'11 aprile: cinque giorni; ancora una volta: un altro anno guadagnato.
Quanto rende il Vinitaly all'ente fiera ? Ma, soprattutto, quanto rende il Vinitaly al sistema territoriale veronese ? Cosa significa per la ricettività e l'hospitality sul territorio un giorno in più ?
E tutto il resto ? Ma in un Paese che non pianifica il proprio futuro volete che l'Ente Fiera pensi al Vinitaly in proiezione strategica ? Pensi, come ha detto Giampiero, a fare bei salti lunghi ?
Adesso le persone che lavorano al Vinitaly se ne vanno un po' in ferie e poi, da maggio, pronti a pensare come fare ancora più soldi con l'edizione 45 del 2011.
Fino a quando ci saranno le mani pubbliche (Regioni, Province, CCIAA) a pagare i padiglioni ed i viaggi ed i soggiorni dei buyers, tutto girerà più che bene (apparentemente).

Inserito da Filippo Ronco

il 14 aprile 2010 alle 10:33
#5
@Giampiero
Peccato davvero non avergli potuto parlare almeno qualche minuto a Delaini. Mi avrebbe fatto piacere conoscerlo anche perchè dai pochi scambi epistolari intercorsi sul tema blogger a Vinitaly mi ha dato l'impressione di una persona che vorrebbe fare molto di più per questo mondo. Speriamo ci siano occasioni d'incontro anche fuori della fiera. Di certo continueremo a lavorare per la rete.

Sono d'accordo che Vinitaly non sia la sede adatta per il motivo principale da te indicato e cioè il fatto che i produttori siano impegnati al massimo in quei giorni su altri fronti. E' il motivo per il quale, per esempio, Vinix Unplugged Unconference si svolge il giorno prima di TerroirVino.


Ciao, Fil.

Inserito da Jacopo Cossater

il 14 aprile 2010 alle 11:05
#6
Ciao Fil, prima di Genova ci vedremo (anche) a Perugia dove, come sai, a differenza di Verona l'obiettivo è dichiarato. Fare chiarezza sul come i social network possano aiutare le aziende operanti nell'agroalimentare.

http://www.ijf10.org/it/post/6320/

Inserito da Martina Frullanti

il 14 aprile 2010 alle 11:11
#7
Buongiorno,
vorrei innanzitutto complimentarmi con tutti per le belle parole e rare ed evidenti realtà espresse da posizioni diverse. Con un pò di amarezza mi rincuora l'ottimismo di Fil, la forza del signor Biscontin e la volontà di coloro che hanno manifestato apertura al confronto e ai piccoli passi da fare comunque ben lunghi! Spero che ci saranno nuove occasioni di dibattito ed osservazione di questo "strumento" che per alcuni ovatta e nasconde trappole ma che per altri invece apre "portoni". Buon lavoro a tutti! Dai Fil organizziamo un Vinix Live in Toscana... :)

Inserito da Lucia Barzanò

il 14 aprile 2010 alle 18:38
#8
Filippo, di questo convegno è stato ormai detto quasi tutto.
Io c'ero e non ho molto da aggiungere se non che a questo punto possiamo ufficialmente dire che è stato un successo; forse non nella sala in cui si teneva, ma la discussione è proseguita vivace e partecipata sul web, sia qua che su Intravino; quindi missione compiuta!
Vorrei solo sottolineare anch'io, come già fatto con un "cinguettio", che la tua metafora della rete come piscina naturale che si autoalimenta e si depura da sè è perfetta e dovrebbe essere l'unica legge che regola il web.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti