Tigullio Vino Homepage Home TigullioVino.it Blog Blog Vinix

> Operatori
» Registrazione operatori
» Operatori già registrati
» Club
» Pubblicità
» Newsletter
» Annunci vino-cibo
» Aggiungi ai Preferiti

> News e iniziative
» News ed eventi di rilievo
» Eventi locali, degustazioni
» Terroir Vino

> Contenuti e risorse
» Naviga per regione
» Vino & Olio
» Aziende testate
» Rubriche
» Tgv Blog
» Doc e Docg
» Recensioni Ristoranti
» Esperti
» Strade del Vino
» Parchi italiani
» Viaggi
» Video
» Contatti
» Faq

> Interagire col sito
»
Invia campionatura vino
»
Invia campionatura olio
» Segnala eventi
» Invia comunicati stampa
» Associati al Club
» Recensioni ristoranti
» Invia ricette


> Iscrizione newsletter
Iscriviti alla newsletter di TigullioVino.it per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti via e-mail con le degustazioni, le news e gli approfondimenti della Redazione.
La tua e-mail :



> Pubblicità

> Siti e blog del Network
TigullioVino (Magazine)
Vinix (Social Network)
VinoClic (Pubblicità)


Aggiungi alla barra di Google
Il Blog Network di TigullioVino.it
VinoPigro
A Modest Proposal, di Riccardo Modesti
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0
Rotfl! il Blog di JFSebastian usenettaro 2.0

TigullioVino.it ©
E' vietata la copia, anche parziale, senza esplicita autorizzazione della Redazione.
Mappa del sito
Chi siamo / curiosità
Links
Privacy
Contatti







          
                      


          Le etichette di Ottobre 2004



1) Bottiglia del Centenario Ricasoliano (1880-1980)
Etichetta : Ricasoli Chanti Classico 1978

Questo Chianti Classico è contraddistinto da un'etichetta "Storica" : quella del Centenario del Barone Bettino Ricasoli. Con essa la casa Vinicola barone Ricasoli ha inteso onorare il suo più illustre predecessore, il ministro dell'Italia Unita e il creatore del Chianti. Il Chianti, come lo beviamo oggi, infatti, nacque nella seconda metà del'800, quando il Barone Ricasoli - concludendo una lunga sperimentazione nelle vigne di Brolio - stabilì che il miglior uvaggio per produrre tale vino era rappresentato da tre uve: sangiovese, Canaiolo Nero e Malvasia. Nel 1967 la nuova disciplina derivante dalla legge sulle denominazioni di origine dei vini impose sostanzialmente a tutti i produttori del Chianti le stesse regole che il Barone Ricasoli aveva considerato ideali un secolo prima.

2) Aziende Vitivinicole Donnafugata
Via Lipari, 18 - 91025 MARSALA (TP)
Etichetta : Damaskino
Etichetta : Contessa Entellina Doc Lighea

Le Aziende Vitivinicole Donnafugata nascono in Sicilia dall'iniziativa di una famiglia che ha messo a frutto il patrimonio culturale accumulato in centocinquanta anni di impegno nella produzione di vini di qualità. Giacomo Rallo, quarta generazione della più antica famiglia dell'isola impegnata in vitivinicoltura, insieme alla moglie Gabriella Anca ed ai figli José ed Antonio, danno vita ad una realtà produttiva in costante evoluzione.
Donnafugata ed i suoi vini sono il frutto di una laboriosa ricerca di équipe tesa da un canto al recupero della tradizione e dall'altro all'ampliamento dell'esperienza viticola ed al rinnovamento delle tecniche produttive per l'esaltazione dei valori della natura. Il controllo della produzione inizia dalla coltivazione della vite, prosegue nella delicata fase della raccolta, della fermentazione e dell'affinamento. I vigneti e le cantine di vinificazione si trovano sulle colline del Belice in comune di Contessa Entellina e nell'isola di Pantelleria. Da questi vigneti aziendali e da altri di conferenti limitrofi, grazie alle loro caratteristiche pedomicroclimatiche, nasce un'interessante selezione di vini di alta qualità. L'affinamento e la messa in bottiglia dei vini Donnafugata ha luogo nelle antiche cantine della famiglia Rallo a Marsala.
Damaskino
Giovane e vivace, vino leggero e fragrante, semplice, ma pronto a soddisfare il capriccio del consumatore.
UVE: Damaschino e Catarratto.
COLORE: paglierino tenue con riflessi verdognoli.
PROFUMO: delicato, gradevolmente fruttato.
SAPORE: secco, fresco e leggero di corpo.
GRADAZIONE ALCOLICA: 11,5 - 12% vol.
Originalissimo e simpatico vino d'apertura. Accompagna squisitamente antipasti leggeri e primi piatti delicati. Servire molto fresco (10° C).
Lighea Contessa Entellina D.O.C.
L'ammaliante sirena, personaggio centrale di un famoso racconto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, dà il nome a questo sorprendente vino di Donnafugata, nato da un uvaggio complesso ed innovativo.
UVE: Ansonica e piccole percentuali di vitigni aromatici.
COLORE: giallo paglierino.
PROFUMO: complesso, con sentori di frutta selvatica.
SAPORE: secco, morbido, con buona e gradevole persistenza aromatica.
GRADAZIONE ALCOLICA: 12-12,5 vol.
Vino estremamente gentile da abbinare con primi piatti leggeri, crostacei e piatti a base di pesce. Servire fresco (10 - 12° C).

3) Azienda Agricola Lorenzon
Via Cà del Bosco, 6 Loc. Pieris 34075 San Canzian d'Isonzo (GO)
Etichetta : Isonzo del Friuli Doc Sauvignon Borgo dei Vassalli

Centocinquanta ettari di vitigno su terreni diversi: a Cassegliano troviamo ghiaie, sabbia e limo di recentissime alluvioni, a Scodovacca e Villa Vicentina i terreni sono prevalentemente sabbiosi. Le situazioni microclimatiche differenziate dei vari appezzamenti hanno creato un Cru d'alto interesse enologico. Perciò l'azienda negli ultimi anni, ha raggiunto livelli qualitativi molto interessanti anche in queste zone, grazie allo studio di queste realtà geografiche e la linea Borgo dei Vassalli è il risultato della vinificazione di uve provenienti da questi vitigni. Sauvignon: - vinificato in bianco, il colore assume sfumature giallo-paglierine con riflessi verdognoli, - profumo aromatico delicato, che ricorda il peperone giallo, il melone, la banana, il pesco, - sapore asciutto, ma nello stesso tempo elegante, carezzevole e vellutato, - vino adatto ad antipasti al prosciutto, apiatti di pesce salati, - servire a temperatura 10/12°.

4) Vinicola ZITO V. & F. s.n.c.
Via Scalaretto 88811 Cirò Marina (Kr)
Etichetta : Cirò Doc Krimisa

Il vino annoverato da secoli, è sicuramente la bevanda più interessante e gradita su tutte le mense del mondo, perché racchiude in sé il fascino e la pregnanza del grappolo e la perizia del lavoro dell'uomo. Oggi però non basta pigiare un grappolo per bere del buon vino, sono bensì richieste tecniche ed accorgimenti particolari per far giungere quel messaggio di amore in bottiglia, felicemente su tutte le mense del mondo. L'azienda Vinicola Zito queste tecniche le conosce bene, perché frutto di una tradizione familiare che conta ben quattro generazioni di vinificatori. Stefano Zito, fondatore dell'azienda, nel 1870, impiantava in contrada Martà e Difesa Piana i primi vigneti a sistema latino. Fra le due guerre mondiali il vino Cirò cominciò ad essere esportato all'estero e l'azienda Zito commercializzava il vino in botte su scala per lo più regionale. Negli anni 60, il salto di qualità. A seguito dell'introduzione nel settore delle moderne tecniche di vinificazione, l'azienda si è dotata delle più moderne attrezzature per la trasformazione e l'imbottigliamento. E oggi ci presenta anche un'etichetta legata all'attualità delle Olimpiadi che si sono svolte in Grecia.