Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in

Tags

abruzzo, aglianico, alto adige, barbaresco, benanti, bolzano, brunello di montalcino, carano, chianti classico collection 2017, consorzio vino chianti, feudo montoni, frescobaldi, grillo, kettmeir, langhe, lombardia, luigi salvo, marche, mastrojanni, montepulciano, nerello mascalese, nero d avola, piemonte, primitivo di manduria, sangiovese, sardegna, sicilia, tenuta di fessina, toscana, trentino alto adige, veneto, vini a confronto, vini bianchi, vini marchigiani, vini pugliesi, vini rossi, vini siciliani, vino siciliano, vivera

Home > Autori > Vino > Vini a confronto

Vini a confronto

Chianti Classico Collection 2017, a confronto annata 2015, la Riserva 2014 e la Gran selezione 2013

di Luigi Salvo

La Chianti Classico Collection 2017, l’anteprima del grande vino toscano si è svolta alla Stazione Leopolda di Firenze, 185 le cantine partecipanti con 676 etichette in degustazione, quasi 300 i giornalisti presenti dai quattro continenti. Tantissime le annate con focus particolare sul Chianti Classico 2015, la Riserva 2014 e la Gran Selezione 2013 Il Chianti Classico nel 2016 ha  festeggiato i 300 anni dallo storico bando di Cosimo III dei Medici che ne delimitava il territorio di produzione con numeri da record, nel 2016 sono stati venduti ben 285.500 ettolitri,  la crescita negli ultimi cinque anni è stata davvero significativa con un più 48,5%, la quota export è attualmente del 78%, i paesi più importanti sono Stati Uniti d’America con il 32%, Germania 13%, Canada 8%, Regno Unito e Paesi Scandinavi 5%. Il mercato cinese rappresenta oggi il 2% della produzione, all’inizio del 2016 è stata registrata la traslitterazione in ideogrammi delle parole Gallo Nero, che presto accompagnerà il nome Chianti Classico. Per il secondo anno consecutivo è cresciuta anche la quota del Chianti Classico...
Letto 2629 volteLeggi tutto[1] commenti

Focus sul Cerasuolo di Vittoria Docg con 14 vini a confronto

di Luigi Salvo

Il Cerasuolo di Vittoria è l'unica Docg siciliana, nasce dall’unione del nero d’avola con il frappato, si produce nel comprensorio delle province di Ragusa, Caltanissetta e Catania, nel 2005 ha ottenuto il traguardo enologico italiano più prestigioso, nella duplice versione Cerasuolo di Vittoria e Cerasuolo di Vittoria “Classico”, ottenuto dai vitigni: Nero d’Avola dal 50 al 70 % e Frappato dal 30 al 50%. Il Classico esce sul mercato dopo 18 mesi, il Cerasuolo sia nella zona storica che nel più ampio areale a 10 mesi dalla vendemmia. La Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria capitanata da Arianna Occhipinti, ha organizzato per dodici giornalisti di settore presso la sede della propria enoteca, un’interessantissima degustazione tecnica che ha preceduto l’evento serale, un’orizzontale di ben 14 Cerasuolo di Vittoria. Valerio Capriotti, ex sommelier del ristorante Duomo di Ragusa ed oggi a Roma da Roscioli, ha guidato lo scambio d’opinioni e l’effervescente dialettica tra i presenti. Il tasting ha avuto quale filo conduttore la diversità dei suoli...
Letto 987 volteLeggi tutto[0] commenti

Il giorno che il grillo, i migliori bianchi siciliani da uve grillo

di Luigi Salvo

I vini siciliani da uve grillo hanno uno straordinario successo commerciale e sono tra i più richiesti. Pochi lo sanno, ma il grillo è il più giovane tra i vitigni autoctoni isolani a bacca bianca, è possibile definirlo contemporaneo,  i recenti studi molecolari sul Dna hanno dimostrato che è frutto dell’incrocio nel 1874 tra catarratto bianco e zibibbo da parte dell’agronomo ed ampellografo barone Antonio Mendola (1827-1908) di Favara (AG). L’idea di Mendola era quella di dar vita ad un nuovo vitigno che si adattattasse perfettamente alla vinificazione dando al Marsala una componente aromatica maggiore. In epoca recente il boom di questo vitigno è evidente, nel 2000 la superficie vitata era di 2141 ettari, già nel 2005 si contavano 2483 ettari, nel 2008 crescevano sino a  4118 ettari. Oggi (Fonte Irvv su Agea dati 2015) in tutta la Sicilia sono presenti 6.576 ettari dei quali 5.753 (87%) sono in provincia di Trapani e 785 (12%) nel restante territorio siciliano. Il focus sul vitigno grillo organizzato dal Consorzio Doc Sicilia "Il giorno che il Grillo" lo scorso 25 giugno...
Letto 2458 volteLeggi tutto[0] commenti

Sicilia en Primeur 2015, i vini a confronto mostrano crescità d'identità

di Luigi Salvo

Sicilia en Primeur è il più importante evento di promozione dell’enologia siciliana organizzato da ben dodici anni da Assovini Sicilia, l’associazione che costituisce la gran parte del comparto vitivinicolo siciliano, con 72 soci, l’80% del vino imbottigliato nell’Isola ed un fatturato di 250 milioni di euro, una rinnovata mentalità di squadra per valorizzare i diversi territori dell’isola. L’edizione 2015 si è svolta nello splendido scenario di Taormina ed ha presentato ai circa 100 giornalisti della stampa italiana e straniera i vini, sia l’ultima vendemmia che le annate già in commercio. Come ogni anno in due differenti sale è stato possibile assaggiare i vini a richiesta serviti ai giornalisti dai sommelier AIS o presso i banchi dei produttori pronti ad accoglierci per raccontare le loro storie. Francesco Ferreri presidente Assovini: “Se siamo alla dodicesima edizione è perché i produttori credono nel lavoro di squadra di Assovini Sicilia, tanto che quest’anno si è raggiunto il record di 40 aziende presenti e settanta giornalisti provenienti da circa...
Letto 6154 volteLeggi tutto[0] commenti

Vini a Confronto: Vigneto Manachiara 2010 Tenute Silvio Nardi Vs/ Vigneto Loreto 2010 Mastrojanni

di Luigi Salvo

Ci sono annate che per alcuni grandi vini marcano in maniera netta il bicchiere. Emozioni intense a "Benvenuto Brunello" per l’anteprima alla stampa della DOCG toscana che si celebra ogni anno, nei giorni 20-23 Febbraio 2015 all'interno del chiostro del museo di Montalcino il millesimo 2010 è stato testato da oltre 200 giornalisti italiani ed internazionali. La vendemmia 2010, che era stata definita a suo tempo a cinque stelle, ha confermato nel corso degli assaggi di questi giorni la nascita di vini di grandissima qualità che saranno estremamente longevi, è evidente che l’annata sarà sicuramente lenta nella sua evoluzione in bottiglia. Numerosi Brunello oggi esprimono al palato grande acidità e presenza tannica, altri evidenziano già un discreto equilibrio, scegliendo bene alcune bottiglie di questo millessimo si potranno scordare in cantina e goderne poi tra tanti tanti anni. La fortuna di Montalcino è, tra le altre, la possibilità di esprime vini dalle caratteristiche diverse secondo la locazione della sottozona, ovvero altitudine ed esposizione e questo si evidenzia nei vari assaggi....
Letto 5063 volteLeggi tutto[0] commenti

Luigi Salvo

Luigi Salvo

 Sito web
 e-mail

Luigi Salvo nasce a Palermo il 16 Gennaio 1964, dopo gli studi scientifici e di medicina, agli inizi degli anni '90 durante il tirocinio in ospedale,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss di questa rubrica

Pubblicità Ultimi Commenti