Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Crisi d'identità per l'Associazione Italiana Sommelier, di Filippo Ronco

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Marketing > Back office

Back office

Crisi d'identità per l'Associazione Italiana Sommelier

di Filippo Ronco

Io ci provo a trovare qualcosa di buono da dire sull'Associazione Italiana Sommelier (AIS, mai sentita?) che dalla base non ha nulla da rimproverarsi guardando allo straordinario lavoro che ogni giorno fanno decine e decine di appassionati delegati regionali e provinciali. Se non altro, cerco di tacere il più possibile dal momento che il presidente in carica è l'amico Antonello Maietta della mia amata Liguria e dal quale, sinceramente, mi aspettavo grandi cose al momento dell'investitura ma ogni volta ne viene fuori una nuova che mi fa cascare le braccia, per non dire di peggio.

Ho appena appreso grazie al blog di Andrea Petrini che la guida dell'AIS non si chiamerà più Duemilavini come ci eravamo abituati a conoscerla in molti credo ma, indovina un po', Bibenda!

Motivo? Ce lo spiega Ricci (Franco Maria) su Bibenda 7:

"Il Presidente Antonello Maietta in apertura ha evidenziato quanto AIS sia un marchio pericolosissimo per la sua riconoscibilità. Infatti, ne ha fotografato una decina che avevano lo stesso acronimo: c'era AIS Associazione Italiana Sociologia, c’era Associazione Italiana Soccorritori, c'era Associazione Italiana Strumentisti ma anche Ambiente Igiene e Sicurezza...
(omissis...)
Decisione immediata: dal 2013 si chiamerà BIBENDA e avrà nuovi contenuti e un nuovo look. Per Ais ci stiamo pensando".

Un marchio pericolosissimo? Forse voleva dire in pericolo.
In effetti le argomentazioni alla base della tesi sono molto forti: siccome ci sono altre associazioni che usano lo stesso acronimo e la guida dell'associazione rischia di essere scambiata per la guida dei sociologi o dei soccorritori o dell'igiene e sicurezza (sic!) allora, idea geniale, la chiameremo Bibenda.

Certo se non c'è un problema di conflitto d'interessi e rappresentanza è abbastanza evidente un problema di originalità.

Ma come diavolo si fa?
Anziché spazzare via - eventualmente - Duemilavini (che mi pare comunque un marchio assai affermato e sembrerebbe un po' frettoloso buttare alle ortiche) e a uscire solo con il marchio dell'Associazione del vino più importante e nota d'Italia, anziché prendere provvedimenti e misure per portare ad un pubblico sempre più ampio la conoscenza delle finalità dell'Associazione attraverso il suo marchio d'origine e il suo acronimo noto ai quattro angoli del globo cosa si fa? Si butta via tutto (perdendo quindi nel contempo una delle più preziose occasioni di diffusione del marchio AIS a livello Nazionale ed Internazionale, attraverso la guida appunto) e si punta naturalmente sull'ormai tentacolare marchio Bibenda.

Già, perché brandizzare la rivista ufficiale dell'Associazione non era sufficientemente appagante, occorreva mettere le mani (ancor più di quanto già non le avesse) sulla guida in modo netto e definitivo, senza possibilità di errore da parte del lettore sulla paternità della stessa (Bibenda e non già l'AIS, come dovrebbe).

Sono tanti anni che dalla mia bassezza cerco di far passare il concetto che una guida dell'Associazione Italiana Sommelier dovrebbe essere una guida espressione di tutta l'associazione e naturalmente con il marchio e acronimo dell'Associazione stessa a darne forza. Senza contare la perfezione di guida che verrebbe fuori dal momento che i singoli delegati di zona, che sono anche i più preparati a conoscere il territorio locale da descrivere, divenissero i veri protagonisti. Speravo tante cose belle per l'AIS ma purtroppo ad ogni nuova scelta importante la vedo prendere direzioni sempre più distanti da quello che mi sarebbe piaciuto - tanti anni fa quando ancora ne facevo parte - prendesse.

Come al solito, sarò io che con uno sguardo provincialotto sull'intera fazenda, non riesco ad avere un quadro preciso delle cose e a comprendere il più alto disegno che sta dietro questa operazione ma è un dato di fatto che Ricci è ormai il deus ex machina dell'AIS, con buona pace dei presidenti in carica che sono stati, che sono e che verranno.

Letto 6247 voltePermalink[6] commenti

6 Commenti

Inserito da Maurizio Fava

il 18 dicembre 2011 alle 01:50
#1
se non sbaglio sarebbe il quarto o quinto cambio di statuto dell'ais in pochi anni.
ho smesso di pagare la tessera al terzo: sono lento, non riuscivo a stargli dietro

Inserito da Jacopo Cossater

il 18 dicembre 2011 alle 11:53
#2
Considerazione a margine: penso a differenza del direttivo che AIS sia un marchio molto forte, certamente riconoscibile unicamente con l'associazione dei sommelieri (non scherziamo: sociologia? soccorritori? ma dai).
Poi: Duemilavini è universalmente riconosciuta come una delle quattro guide di riferimento. Tra i due ho come la sensazione che il marchio debole sia proprio quello di Bibenda, conosciuto dagli associati perchè anche nome della bella rivista, ma completamente sconosciuto ai più (una ricerchina di mercato in tal senso no?). Avrei spinto sull'accelleratore nel senso inverso, identificando ancora di più la guida con l'associazione. Ma sono solo pensieri di un piccolo comunicatore.

Inserito da Filippo Ronco

il 18 dicembre 2011 alle 12:45
#3
Jacopo è esattamente quello che volevo intendere e che purtroppo probabilmente fatico a far passare. Credo che Ricci a cui il nome Bibenda è inscindibilmente legato - questo, almeno, è innegabile - non possa far altro che portare più danno che vantaggio e decidere di cambiare il nome della guida da DuemilaVini a Bibenda mi sembra un chiaro segno di accondiscendere alle richieste sempre più tentacolari e immotivate di questo signore. E' questo che io non capisco, come mai l'AIS, anziché affrancarsi sempre di più da Ricci che sarà pure visto bene a Roma ma non credo si possa dire altrettanto per il resto d'Italia, vi si lega in modo sempre più inscindibile.

Sembra quasi - e sottolineo sembra perché a vedere le cose dall'esterno si può ben sbagliare - che tutti siano in linea con il pensiero e le decisioni di Ricci oppure, ancora peggio, che vi debbano in qualche modo accondiscendere per ragioni che sfuggono alla mia comprensione.

In ogni caso, ribadisco anche qui - ho avuto modo di farlo anche in privato - che questo è tutto fuorchè un attacco personale a Maietta a cui unico rimprovero che si può fare è di non saltare sulla sedia di fronte a simili richieste o di non opporsi con più forza (sempre che non sia d'accordo).


Fil.

Inserito da Andrea Petrini

il 19 dicembre 2011 alle 14:34
#4
I fatti: la rivista Bibenda, per me fatta molto bene con punto di assoluta qualità, passa ad essere la rivista ufficiale dell'AIS. De Vinis, ex pubbblicazione ufficiale, muore.
La guida Duemilavini, ufficiale dell'AIS, si chiamerà Bibenda.

Il presidente di Bibenda è Ricci. Il presidente dell'AIS è Maietta.

Inserito da Filippo Ronco

il 19 dicembre 2011 alle 15:12
#5
C'è un errore di fondo Andrea, permettimi.
La guida Duemilavini è dell'AIS solo formalmente perché acquistata. Di fatto è un prodotto espressione più di Bibenda che la fa, la produce, la edita e la vende che di AIS, che la firma. Il punto è che l'AIS dovrebbe affrancarsi da Ricci e creare un progetto editoriale autonomo senza comprarlo esternamente, un editore lo si trova al volo se c'è pure la garanzia delle copie vendute (visto che le copie sono ricomprese nella quota associativa) non è quello il problema.

Il problema è che dire che l'AIS dovrebbe affrancarsi da Ricci è un po' come dire a qualcuno che deve liberarsi da sé stesso. Complesso se non impossibile.


Fil.


Fil.

Inserito da Andrea Petrini

il 19 dicembre 2011 alle 15:19
#6
Ok, corretto quello che hai detto. Sta di fatto che Bibenda invece che retrocedere sta avanzando sempre più.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Filippo Ronco

Filippo Ronco

 Sito web
 e-mail

Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Genova nel 2003, ho fatto pratica legale in uno studio per circa 2 anni ma non ho mai provato a dare...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti