Italian version Versione italiana
English version English version

> REGISTRAZIONE
Aziende agricole e vinicole
Enoteche e winebar
Ristoranti,trattorie,osterie
Agenti, importatori
Packaging, enotecnica
Siti e-commerce
Riviste, libri, guide
Pubblicità


> NAVIGAZIONE VELOCE
Attività già registrate
Vino, appunti, doc, vitigni...
Rubriche
Servizi
Iniziative
Guide umane
Esperti
Recensioni ristoranti
Shopping
Video
Info

> LINK SPONSORIZZATO


> VINIX MOTORE DI RICERCA

Registra la tua attività anche su Vinix.it, motore di ricerca enogastronomico italiano.

Clicca qui >>


L'altraguida.com

> L'ALTRAGUIDA.COM
Un ambizioso progetto a cura de L'AcquaBuona, laVINIum, TigullioVino e WineReport !
Come è nata >>




> LINK SPONSORIZZATO

> ISCRIZIONE NEWSLETTER
Seleziona le newsletter che vuoi ricevere, inserisci la tua mail e dai conferma !

Eno-iniziative in Italia
Etichette di vini
Pillole (comunicati)
Galateo a tavola
Shopping
Ricettario
Zona Tigullio
Fuori porta (estero)
Valle d'Aosta
Piemonte
Liguria
Lombardia
Veneto
Trentino/A.A
Friuli/V.G.
Emilia Romagna
Toscana
Marche
Umbria
Lazio
Abruzzo
Molise
Campania
Puglia
Basilicata
Calabria
Sicilia
Sardegna



iscriversi
cancellarsi



TigullioVino.it ©
E' vietata la copia di tutto il materiale presente in questo sito senza esplicita autorizzazione dell'autore.


Invio campionature >>
Invio iniziative >>
Aggiungi ai preferiti >>
Curiosità >>
Wine web awards >>
Sondaggio >>
Mappa >>
Links >>
Privacy >>
Contattaci >>
Scrivi !






         
                     


          I risultati della prova d'assaggio


          Data della degustazione : 29/10/2003
          Campioni d'assaggio : 7
          Il metodo di degustazione
          La Commissione d'assaggio
          La scheda di valutazione

1)Roero Doc Arneis 2002
Tipologia :
Bianco
Gradazione alcolica : 12,5
Vitigni : Arneis
Lotto : 3028

Aspetto Visivo : 3
Aspetto Olfattivo : 3
Aspetto Gustativo : 4
Impressioni Generali :
3


Vino dal bel colore giallo paglierino carico di discreta consistenza. Al naso accoglie il degustatore con sentori abbastanza intensi e fini di fiori bianchi (biancospino), lieviti e fruttati con una piacevole nota di mela ben riconoscibile. In bocca le parti dure - acidità e sapidità - ben bilanciano la componente morbida per un discreto equilibrio dove un lieve ricordo citrino disturba solo un minimo la soddisfazione in deglutizione. Da ricercare un poco più di lunghezza e persistenza ma il vino è ben eseguito.
Il rapporto qualità / prezzo è adeguato, lo trovate in enoteca tra i 7 e gli 8 euro.

Punteggio : 13/20
Un Bicchiere di Tigulliovino


2)Dolcetto d'Alba Doc 2001
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 13

Vitigni : Dolcetto
Lotto : 2098

Aspetto Visivo : 3
Aspetto Olfattivo : 4
Aspetto Gustativo : 4
Impressioni Generali :
3


Nel calice si presenta di un bel rosso rubino limpido con ricordi purpurei all'unghia, perfettamente tipico e riconoscibile, di buona consistenza. Il naso è franco riconosci immediatamente il vitigno senza incertezze, bonus di un punto. I sentori sono netti di piccoli frutti rossi appena maturi. Avverti sullo sfondo il passaggio in rovere ma senza prevaricazioni. All'esame gustativo torna il frutto, appena screziato da una lieve nota amarognola in eccesso, dovuta più al legno che al vitigno; mostra comunque un discreto nerbo acido ed equilibrio più che soddisfacente. Vino che pecca un poco in lunghezza, di beva discretamente piacevole e tecnicamente ben eseguito. Corretto il rapporto qualità prezzo, in enoteca intorno agli 8 euro.


Punteggio :
14/20
Due Bicchieri di Tigulliovino



3)Barbera d'Alba Doc 2000
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 13,5

Vitigni : Barbera 100%
Lotto : 2264


Aspetto Visivo
: 3
Aspetto Olfattivo
: 4
Aspetto Gustativo
: 3
Impressioni Generali
: 3


Rosso rubino limpido, di media consistenza, questo vino sosta per due anni in botti di rovere di Slavonia e matura per ulteriori 6 mesi in bottiglia prima di raggiungere il consumatore. Al naso lo abbiamo trovato senz'altro interessante, di frutto intenso, fine ed elegante, dove non fatichi per nulla a riconoscere il vitigno d'origine, bonus. In bocca, sia pur di buon equilibrio gustativo, torna il frutto ma è un poco breve, peccato perchè in generale risulta ben eseguito e di buona piacevolezza di beva.
Lo trovate in enoteca tra i 9 e i 10 euro.


Punteggio : 13/20
Un Bicchiere di Tigulliovino



4)Langhe Doc Nebbiolo 2000
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 13,5

Vitigni : Nebbiolo 100%
Lotto : 2150


Aspetto Visivo
: 3
Aspetto Olfattivo
: 3
Aspetto Gustativo
: 3
Impressioni Generali
: 3


Nel calice si presenta con un colore splendido, assolutamente in linea con il colore tipico del vitigno, un rubino limpidissimo con lievi riflessi aranciati all'unghia, di media consistenza. Al naso i sentori spaziano dal floreale (fiori rossi appassiti) al fruttato tendente al maturo, senza però assurgere a picchi di intensità molto elevati. In bocca ritorna il frutto con buona corrispondenza rispetto alle sensazioni nasali. Di buona acidità e tannino percettibile, stenta un poco in persistenza gustativa. In enoteca lo potete trovare tra gli 11 e i 12 euro.

Punteggio : 12/20
Un Bicchiere di Tigulliovino



5) Langhe Rosso Doc L'Insieme 2000
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 14

Vitigni : Nebbiolo, Barbera
Lotto : 2266


Aspetto Visivo
: 3
Aspetto Olfattivo
: 3
Aspetto Gustativo
: 3
Impressioni Generali
: 3


Di un bel rosso rubino con riflessi granata, è limpido e di buona consistenza. Al naso dapprima avverti la vaniglia dovuta al passaggio - per 12 mesi - nei piccoli legni francesi e poi il frutto che tuttavia patisce un poco la prevaricazione del suddetto apporto speziato. Passi il legno (imperante) e la moda (sorpassata), senza pregiudizio alcuno ti appresti alla beva, e speri vivamente che duri una vita in bocca. Purtroppo a nostro avviso non è così. Certo è vino di buona intensità ma - viste le pretese - ti aspetteresti una più lunga persistenza gustativa. Da riassaggiare. Lo trovate in enoteca intorno ai 14 euro.

Punteggio : 12/20
Un Bicchiere di Tigulliovino



6) Barolo Docg 1999
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 14

Vitigni : Nebbiolo
Lotto : 2241


Aspetto Visivo
: 3
Aspetto Olfattivo
: 3
Aspetto Gustativo
: 3
Impressioni Generali
: 3


Prodotto in 5660 esemplari, questo Barolo si presenta di color rosso granata con ampi riflessi aranciati all'unghia, pur integra. Fin dalla prima olfazione, generale nella commissione degustatrice di TigullioVino.it è stata la perplessità relativamente alla riconoscibilità del vitigno. E' un vino tecnicamente ben eseguito, ci mancherebbe, ma siamo di fronte alla Docg più regale d'Italia ed un minimo di severità di giudizio in più è d'obbligo. L'apporto del frutto è ben presente, sia al naso che in bocca, anche se al gustativo le sensazioni speziate sovrastano un poco. Andrebbe forse ricercata una maggior struttura: è un vino da uve nebbiolo di 14 gradi, lo metti in bocca e il suo ricordo, considerato il blasone, ti lascia troppo in fretta. Lo trovate in enoteca intorno ai 21/22 euro.

Punteggio : 12/20
Un Bicchiere di Tigulliovino



7) Barolo Docg Villero 1998
Tipologia : Rosso
Gradazione alcolica : 14

Vitigni : Nebbiolo
Lotto : /


Aspetto Visivo
: 3
Aspetto Olfattivo
: 3
Aspetto Gustativo
: 4
Impressioni Generali
: 3


Si presenta nel calice di un bel rosso granata con lievi riflessi arancio. Il naso si esprime in un bel fruttato maturo di ciliegia e lampone, anche sotto spirito. Forse un poco in evidenza la nota alcolica un gradino sopra, comunque, al Barolo "semplice". In bocca è piacevole, molto buono l'equilibrio tra parti morbide e dure. In particolare avverti un'interessante vena sapida che va ad arricchire il quadro gustativo. E' tecnicamente ben eseguito, di buona intensità, ma per il quale ci avrebbe fatto piacere riscontrare qualcosina in più a livello di persistenza gustativa.
Lo potete trovare in enoteca intorno ai 30 euro.

Punteggio : 13/20
Un Bicchiere di Tigulliovino



Considerazioni finali sull'azienda

Azienda di livello discreto. Tutta la campionatura è piuttosto uniforme nei giudizi e questo per noi è un bonus. Preferiamo 10 vini di medio interesse ma con margini di miglioramento che 1 vino eccezionale e 9 da dimenticare (non è certo questo il caso).
In particolare fa piacere riscontrare la tipicità nel dolcetto e nella barbera dovve avverti il vitigno alla prima olfazione. Peccato che la cosa non sia altrettanto evidente sui due Barolo d'azienda, pur corretti. Molto bene per la pulizia e finezza dei vini, nonché per la presentazione degli stessi.
A nostro giudizio sarebbe da ricercare un poco più di persistenza gustativa su tutta la campionatura. Veda il viticoltore o l'enologo come ottenerla, se rese ancora più basse, se con maggior intensità di ceppi per ettaro, se con macerazioni più lunghe o chissà cos'altro. Un po' di cuore in più infine, certo non guasta mai.