Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
Facebook per le aziende vitivinicole e i ristoranti: errori e consigli, di Slawka G. Scarso

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Marketing > Enomarketing

Enomarketing

Facebook per le aziende vitivinicole e i ristoranti: errori e consigli

di Slawka G. Scarso

Dalle statistiche pubblicate sui giornali sembrerebbe che Facebook sia diventato ormai un’appendice del nostro corpo che non potremmo togliere neppure in caso di grave infiammazione. E in Italia, oltretutto, c’è stato nell’ultimo anno o due un incremento forse ancora maggiore che altrove. Così Facebook è diventato argomento di conversazione più del tempo, e se prima non essere su internet voleva dire non esistere – soprattutto per un’azienda -ora questa massima si riferisce al social network più diffuso nel mondo.

Ma in che modo posso essere presente, soprattutto se magari voglio creare contatti e opportunità di lavoro per la mia azienda vitivinicola? Ormai più o meno tutti conosceranno le basi di Facebook: ti iscrivi, registri i tuoi dati, possibilmente metti una (tua) foto recente, magari ti colleghi alla tua casella di posta elettronica per importare i primi “amici” e gli altri li aggiungi cercando qua e là, magari vedendo gli amici in comune con quelli esistenti, possibilmente presentandoti prima. Ora, come tutti gli strumenti online, anche Facebook è in continua evoluzione e così anche rispetto a un anno fa ci sono nuove possibilità che rendono soprattutto alle aziende più facile presentarsi rispetto a prima senza risultare invadenti. Eh già, peccato che in molti non se ne siano accorti e che, anche nel mondo del vino e dell’enogastronomia in generale, ci sia un proliferare di aziende e ristoranti che registrano il profilo come se fossero una persona fisica. Il fatto è che in un universo-internet in cui ormai ci confrontiamo con avatar e nickname, poter scrivere a Mario Rossi anziché ad akela78 è forse uno dei maggiori appeal di Facebook.

La pratica di registrare come persona fisica realmente esistente un profilo in realtà aziendale sta dunque  cominciando a stancare, soprattutto visto che ora gli strumenti a disposizione di un'azienda sono sempre più vari anche su Facebook. Da qualche tempo infatti gli sviluppatori di questo social network hanno perfezionato le fanpage che al momento rappresentano il modo preferibile per un’azienda di presentarsi su Facebook. Meglio ancora dei gruppi. Ecco quali sono le caratteristiche principali in riferimento alle alternative attualmente utilizzate da tanti:

  • Rispetto ai gruppi, la fanpage ha il vantaggio che se cambiamo uno status o segnaliamo un link, tutti i fan potranno vedere questo cambiamento nella loro homepage - cosa notoriamente impossibile nei gruppi dove per capire che c'è stato un aggiornamento devi ricordarti di andare a guardare.
  • Con la fanpage è possibile mandare un'email a più di 20 persone contemporaneamente - limite previsto invece per le persone fisiche, per evitare spam, ovviamente.
  • Con questo strumento è possibile presentare l'azienda come un'azienda vera (ci sono di default persino gli spazi per indicare i prodotti, la mission aziendale e via dicendo).
  • Inoltre è possibile mettere in evidenza gli eventi che si creano e che hanno un riquadro apposito già previsto nella barra laterale (cosa possibile con i gruppi ma non con le persone fisiche).

Ecco la guida step-by-step disponibile anche su Facebook stesso:
  1. scegliete categoria in cui ricade la vostra azienda e nome dell’azienda
  2. caricate una foto che vi rappresenti – il logo va benissimo
  3. aggiungete le informazioni che vi caratterizzano come prodotti o servizi offerti
  4. fra l’altro sono disponibili applicazioni aggiuntive esattamente come per le persone fisiche ma pensate proprio per le aziende
  5. come per il blog aziendale, ricordatevi di aggiornare la pagina regolarmente
E se avete già un profilo aziendale? Migrate! Ci sarà da perdere un po’ di tempo all’inizio ma ne varrà la pena. Chi vi segue lo farà più volentieri e in ogni caso, per i rapporti più diretti, avete sempre da giocarvi la carta della pagina con nome e cognome con la quale magari contattare e invitare a iscriversi alla fanpage.

Letto 11186 voltePermalink[15] commenti

15 Commenti

Inserito da Filippo Ronco

il 01 giugno 2009 alle 20:15
#1
Grazie Slawka, potrebbe essere utile dare anche un link per accedere rapidamente agli step per la creazione dela fan page che non mi pare sia così semplice da trovare :-)

Ciao, Fil.

Inserito da Slawka G. Scarso

il 01 giugno 2009 alle 20:29
#2
Ops, questo m'era sfuggito ma ho già rimediato. Grazie Fil!

Inserito da Fabio Ingrosso

il 03 giugno 2009 alle 11:49
#3
Bene, condivido il fatto che un'azienda vinicola non dovrebbe registrarsi con un profilo di una persona fisica, perchè non ha assolutamente alcun senso. Io, ad esempio, ignoro tutte le richieste di amicizia di questo tipo (tranne alcune, in via del tutto eccezionale). Per quanto riguarda la fan page, penso che sia relativamente facile crearne una: ogni tanto mi accorgo che qualche azienda vinicola ha la sua fan page e roba varia. La parte più difficile è, invece, la sua gestione: quali contenuti ci metto? quale la frequenza di aggiornamento?

Inserito da Valentina Vago

il 03 giugno 2009 alle 12:06
#4
e per le enoteche no? io mi occupo della pagina facebook dell'enoteca con cui collaboro. Credo di aver rispettato tutti i punti sopracitati ma mi sarebbe utile avere un vostro commento (http://www.facebook.com/home.php#/pages/Milano-Italy/Enoteca-Bottega-dellArte-del-Vino-MI/76793205040)
Trovo che sia uno strumento utilissimo e veloce, un po lungo l'inserimento degli eventi: non permette di inserire automaticamente il luogo e di conseguenza i contatti dell'enoteca ma occorre farlo a mano evento per evento.

A meno che ci sia qualche funzione che ancora non ho trovato ;-)

e scusate per la foto ma mi sono appena registrata e su questo PC non ne ho

Inserito da Slawka G. Scarso

il 03 giugno 2009 alle 12:07
#5
Parto dalla seconda domanda... la frequenza dovrebbe essere come per i blog: magari non giornaliera ma comunque regolare. Insomma, magari qualche aggiornamento a settimana. Quanto ai contenuti, dipende da azienda ad azienda. Possono essere anche segnalazioni di articoli che il produttore reputa interessanti, o aggiornamenti sugli eventi aziendali, o foto dell'azienda o status che riguardano la vita aziendale. Come se fossimo su Facebook come persone. L'importante, a mio avviso, è che comunque la fan page, così come era il caso del blog, non venga presa come un sostituto della sezione "news" del sito aziendale, e che si postino cose che possano essere realmente interessanti.. Detto questo è ovvio che la fan page, così come il blog, non sarà adatta a tutti i produttori/ristoratori.

Quanto alle richieste di amicizia potremmo aprire un dibattito infinito sulle soluzioni adottate da ognuno. Io ho vari livelli di profilo, a seconda che si tratti di amici che frequento o conoscenze via blog e vino, ad esempio. Insomma, le foto in costume non le faccio vedere a tutti ;).
E se qualcuno mi aggiunge senza presentarsi e non lo riconosco chiedo sempre se ci siamo conosciuti e dove/come.

Inserito da Slawka G. Scarso

il 03 giugno 2009 alle 12:11
#6
@Valentina - certo che vale anche per le enoteche! in realtà vale anche per le case editrici e le gallerie d'arte e ogni altra realtà aziendale. Non ho menzionato le enoteche nel titolo solo per questioni di spazio :)
Quanto agli eventi - non ho mai cercato una soluzione al problema che dici perché quelli che posto sono sempre in location diverse...

Inserito da Luigi Bellucci

il 04 giugno 2009 alle 01:17
#7
@Vale - ho dato un'occhiata. Accattivante la grafica, ma per 35 Euro ad evento, che cosa si ha in cambio? Non l'ho capito.
e poi, sì, per essere pignoli, meglio eliminare i lapsus, tipo "Mosta (sic!) lista ospiti" magari sostituito da "Vediamo chi viene stasera" :-))

Inserito da Valentina Vago

il 04 giugno 2009 alle 09:16
#8
ciao Luigi,
per la prima domanda......una piacevole serata? :-)
a parte gli scherzi vedrò di dettagliare meglio i contenuti degli incontri.

per la seconda questione:
quelle sono frasi di default di FACEBOOK non posso modificare il testo purtroppo, anche se "vediamo chi viene stasera" mi piace molto

secondo voi è meglio comunicare prima i vini che si berranno o no?

Inserito da Slawka G. Scarso

il 04 giugno 2009 alle 09:24
#9
Ciao Valentina!
Per me è fondamentale dare indicazioni sui vini e sul menu. Preferibilmente indicando annata e produttore oltre che la tipologia. Questo per due motivi: 1) il consumatore del vino è sempre più esigente e quindi vuole sapere cosa andrà a degustare; 2) il consumatore in generale è attento a un buon rapporto qualità-prezzo, gli sprechi non vanno più di moda: ok spendere 35 euro per una serata, ma come diceva giustamente Luigi, cosa mi dai in cambio?
Buon lavoro!

Inserito da Riccardo Francalancia V. S.

il 10 giugno 2009 alle 14:42
#10
Ciao,

e credi che la fan-page (e/o Facebook in generale) possa andare bene per un giovane enologo in cerca di un posto di lavoro ?

;)

Ric.

Inserito da Filippo Ronco

il 10 giugno 2009 alle 14:47
#11
Si, prova anche una registrazione nell'area Tecnovino di vinix:
http://www.vinix.it/registrazione.php

Ciao, Fil.

Inserito da Riccardo Francalancia V. S.

il 10 giugno 2009 alle 15:03
#12
Grazie !

Inserito da Slawka G. Scarso

il 10 giugno 2009 alle 15:08
#13
Riccardo,
Concordo con Filippo. Il bello del web 2.0 e dei social network è che ci si può promuovere anche senza sprecare carta con le brochure - almeno finora io ho fatto così ;)

Inserito da Riccardo Francalancia V. S.

il 12 giugno 2009 alle 12:01
#14
Ciao,

grazie dei consigli!
Quindi ritieni che mi possa fare una fan-page come se fossi un'azienda vinicola o un'enoteca?

Inserito da Slawka G. Scarso

il 12 giugno 2009 alle 19:06
#15
Beh, se hai una tua società, allora sì. Se invece operi come consulente con partita iva ma senza società forse il discorso è più complicato... magari collegherei la fan page a un eventuale blog.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Slawka G. Scarso

Slawka G. Scarso

 Sito web
 e-mail

Laureata in Economia e Commercio, Slawka è consulente di marketing specializzata nella comunicazione enogastronomica. Nel mondo editoriale...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti